16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/04/2015, 00.00

    INDONESIA - FILIPPINE

    Arcivescovo di Jakarta: Mary Jane è una vittima innocente, basta condanne a morte

    Mathias Hariyadi

    La Chiesa cattolica indonesiana contro la pena capitale. Mons Suharyo ha composto una preghiera speciale per quanti sono nel braccio della morte. Anche il campione di boxe filippino Manny Pacquiao in campo per la liberazione della donna. Sull’isola-prigione di Nusakambang ultimati i preparativi in vista della fucilazione.

    Jakarta (AsiaNews) - Dopo mesi di appelli e interventi pubblici della Chiesa cattolica indonesiana, ora è l’arcivescovo di Jakarta mons. Ignatius Suharyo a promuovere in prima persona una campagna per la moratoria della pena di morte nel Paese. Per il prelato essa costituisce una “offesa alla dignità umana”. Un problema tornato di stretta attualità in queste settimane, con l’imminente esecuzione di nove persone - in maggioranza stranieri - condannate per traffico di droga. Fra questi vi è la cattolica filippina Mary Jane Fiesta Veloso, per la cui liberazione si è speso anche anche il campione di boxe filippino Manny Pacquiao, che si trova negli Stati Uniti per un match per il titolo mondiale. In un intervento alla televisione, egli si è rivolto al presidente Jokowi a nome dei suoi concittadini, supplicando “in ginocchio e dal più profondo del cuore” di concedere “la clemenza” a Mary Jane e risparmiarle la vita. 

    In queste ore gli occhi dei media e giornali di tutta l’Indonesia sono puntati sull’isola di Nusakambang (la cosiddetta "Alcatraz indonesiana"), nello Java centrale, dove verranno giustiziati nelle prossime ore nove detenuti. Nel comunicato ufficiale esteso a tutti i fedeli dell’arcidiocesi della capitale, mons. Suharyo ha chiesto gli sforzi di tutti i cittadini per la cancellazione della pena capitale dall’ordinamento giuridico del Paese. 

    Il prelato ha composto una “speciale preghiera” per la domestica filippina e gli altri detenuti rinchiusi nel braccio della morte, che chiede a tutti i sacerdoti e fedeli dell’arcidiocesi di recitare con una speciale intenzione. “La Chiesa - afferma - è del tutto contraria alla pena di morte”, rilanciando le parole di Giovanni Paolo II nell’Evagelium Vitae e gli insegnamenti della dottrina cattolica. 

    La Commissione Giustizia e Pace della Chiesa indonesiana è impegnata nel tentativo di salvare la vita di una persona, la cui identità viene mantenuta per ora segreta, condannata a morte ma ritenuta innocente. Una vicenda simile a quella di Mary Jane, nel braccio della morte - spiega il prelato - anche se non vi sono “prove giudiziarie chiare” della sua colpevolezza. Anzi, prosegue, mons. Suharyo, dalle informazioni emerse negli ultimi giorni appare sempre più chiaro che la donna 30enne e madre di due figli piccoli “non è una trafficante, ma una vittima. Ed è stata arrestata per errore”. 

    E mentre a Honk Kong vi sono state nuove proteste di lavoratori migranti indonesiani e filippini davanti ai cancelli della rappresentanza diplomatica di Jakarta, perché si fermi “anche all’ultimo” il boia, a Nusakambang vengono ultimati i preparativi per l’esecuzione di gruppo. Nell’isola-prigione sono già arrivate le ambulanze con le bare bianche vuote. A mezzanotte ora locale i prigionieri verranno portati in una radura tra gli alberi, mani e piedi legati. Davanti al plotone d’esecuzione potranno scegliere solo se essere bendati, stare in piedi, inginocchiarsi o sedere in attesa della scarica. I dodici boia mireranno al cuore: solo tre con pallottole vere.

    Fino alla scorsa settimana fra i condannati a morte vi era anche un francese, il 51enne Serge Atlaoui; tuttavia, l’intervento all’ultimo del presidente Francois Hollande, che ha minacciato ritorsioni diplomatiche, è riuscito a sfilarlo dalla “lista nera”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/04/2015 INDONESIA - FILIPPINE
    Indonesia, i cattolici pregano per la filippina nel braccio della morte
    Al via una campagna di preghiera nazionale per la liberazione di Mary Jane, 30enne condannata a morte (sebbene innocente) per traffico di droga. L’iniziativa lanciata in concomitanza con la festa della Divina Misericordia. La famiglia della giovane oggetto di minacce. La madre: “Temo per la vita dei miei nipoti”.

    09/04/2015 FILIPPINE - INDONESIA
    Filippina nel braccio della morte, la famiglia si appella al presidente Widodo
    I genitori e la sorella della 30enne May Jane, madre di due figli, si rivolgono al leader indonesiano. Se verrà uccisa, affermano, “le tue mani saranno sporche del suo sangue”. I due figli della donna hanno “perso la speranza” di rivederla. Manila inoltrerà una nuova richiesta per ottenere la scarcerazione.

    30/03/2015 INDONESIA - FILIPPINE
    Indonesia, la Chiesa prega per una filippina condannata a morte ma ritenuta innocente
    Mary Jane Fiesta Veloso, 30 anni e madre di due figli, verrà giustiziata nei prossimi giorni. Nel 2010 è stata arrestata perché sorpresa in aeroporto con 2,6 kg di eroina. La giovane è stata sfruttata come corriere: ignorava il contenuto della borsa. La Corte suprema ha respinto di recente l’ultima istanza di grazia.

    27/04/2015 INDONESIA - HONG KONG
    Da Jakarta a Hong Kong, attivisti chiedono la grazia per la filippina nel braccio della morte
    Ieri pomeriggio la capitale indonesiana si è radunata in piazza per chiedere al presidente Jokowi di risparmiare la vita di una giovane innocente. Gruppi per i diritti umani e femministe hanno promosso analoghe dimostrazioni a Hong Kong. Il team di difesa ha presentato un ultimo, disperato ricorso. L’esecuzione prevista per domani 28 aprile.

    30/04/2015 INDONESIA - FILIPPINE - ONU
    Cristiani filippini e indonesiani in festa per Mary Jane. Sulle esecuzioni Onu contro Jakarta
    Gioia e soddisfazione nelle Filippine per la domestica condannata a morte e risparmiata all’ultimo minuto. I condannati hanno affrontato il patibolo cantando “Amazing Grace”. Parenti, attivisti e gruppi religiosi - anche cristiani - indonesiani hanno pregato in concomitanza con le esecuzioni. Dura nota di Ban Ki-moon: “nel 21mo secolo non vi è posto” per la pena di morte.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®