29 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/06/2013, 00.00

    SIRIA - USA

    Armi degli Stati Uniti ai ribelli in Siria



    Superata la "linea rossa": le forze di Assad hanno usato armi chimiche" in misura minima". I ribelli chiedono armi anti-carro e anti-aerei. Bill Clinton suggerisce una no-fly-zone, come in Libia. Santa Sede e Onu contrari all'escalation militare. I morti del conflitto: 93mila persone, delle quali l'80% uomini. Ma vi sono anche 1700 bambini sotto i 10 anni.

    Washington (AsiaNews/Agenzie) - Gli Stati Uniti aumenteranno il loro "sostegno militare"  ai ribelli siriani, dopo aver raggiunto la certezza che le forze di Bashar el Assad hanno usato armi chimiche  "in misura minima" contro gli oppositori.

    La Casa Bianca aveva avvertito che l'uso di armi chimiche nel conflitto che dura da due anni sul suolo siriano, sarebbe stata una "linea rossa" da non attraversare. In compenso Washington non ha prove "fidate" che i ribelli abbiano usato le stesse armi, sebbene l'Onu abbai aperto un'inchiesta su entrambi i fronti, ma non ha potuto portarla a termine a causa della situazione.

    I senatori repubblicani John McCain e Lindsey Graham, fra i più accaniti sostenitori di una guerra contro la Siria, in una dichiarazione comune chiedono al presidente degli Stati Uniti non solo di "provvedere armi", ma di "raccogliere  una coalizione internazionale per varare azioni militari e ridurre la capacità di Assad  di usare forza aerea e missili e la sua capacità di rifornire le truppe sul campo per via aerea". Inpratica si tratterebbe di garantire una no-fly-zone simile a quella attuata in Libia contro Gheddafi.

    I ribelli siriani hanno subito chiesto l'invio di mezzi anti-aerei e anti-carro, oltre ad altre armi sofisticate. La decisione di Barack Obama avviene dopo la vittoria di Assad su Qusair e mentre le sue truppe si ammassano per un'offensiva verso Aleppo.

    Fra coloro che favoriscono l'invio di armi vi è anche il democratico ed ex presidente Bill Clinton. Nel giornale "Politico" egli dice che "dovremmo fare qualcosa per frenare le vittorie [di Assad] e bilanciare le forze, così che questi gruppi ribelli abbiano una buona possibilità di prevalere". Clinton parla anche della presenza sul campo siriano, in favore di Assad, di Russia, Hezbollah e Iran. A favore dei ribelli, da tempo vi sono Arabia saudita, Emirati, Qatar che finanziano gli stipendi per i combattenti e lo scorso anno hanno acquistato ingenti volumi di armi dall'Europa e dagli Usa. Settimane fa l'Unione europea ha cancellato il divieto di vendita di armi ai ribelli siriani, mentre la Russia ha deciso di fornire a Damasco potenti sistemi missilistici terra -aria S 300.

    La grande concentrazioni di armi rischia di far scoppiare questa "primavera araba" (come era all'inizio) in una guerra regionale di conflitto fra sunniti e sciiti, sauditi e iraniani, Usa e Ue contro Russia e Cina, altro sostenitore di Assad. Ieri il re saudita Abdullah, in vacanza in Marocco, ha lasciato in fretta il Paese per ritornare in patria dove l'esercito sta ammassando truppe in vista forse di qualche passo decisivo.

    Finora le uniche voci levatesi contro l'escalation del conflitto sono quelle dell'Onu e del Vaticano.

    Due settimane fa mons. Tomasi, osservatore della Santa Sede all'Onu di Ginevra ha condannato la vendita delle armi e ha spinto per una conferenza di pace.

    L'Onu ha condannato spesso le divisioni e gli interessi di parte dei membri del Consiglio di sicurezza e continua ad aggiornare le cifre delle vittime della guerra. Ieri, in contemporanea con la decisione Usa di armare i ribelli, le Nazioni Unite hanno dichiarato che il numero degli uccisi nel conflitto siriano è di 93mila persone. Dallo scorso luglio ogni giorno sono morte 5mila persone; 30mila dal novembre. L'80% degli uccisi sono uomini, ma la Commissione per i diritti umani ha documentato la morte di almeno 1700 bambini sotto i 10 anni di vita.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/05/2012 SIRIA
    Scontro fra Washington e Mosca sull'"imminente" guerra civile siriana
    Russia e Cina si oppongono a nuove sanzioni contro il regime. Per il segretario di Stato Usa la Russia fomenta una disastrosa guerra civile. Ban Ki-Moon definisce il massacro di Houla un punto di non ritorno per il regime degli Assad. Rilasciati a Damasco 500 prigionieri politici arrestati in 14 mesi di rivolte.

    26/08/2016 08:42:00 CINA-SIRIA
    Pechino addestrerà truppe dell’esercito di Bashar Assad

    L’addestramento avverrà in Cina e tratterà di formazione professionale per medicina e cure. Si profila anche sul campo militare la divisione presente nel Consiglio di sicurezza dell’Onu.



    07/03/2013 FILIPPINE - SIRIA
    Manila chiede ai ribelli siriani di liberare 21 osservatori Onu filippini
    Sono ostaggio del gruppo "Martiri di Yarmouk". Li trattano "come ospiti", ma per rilasciarli esigono l'allontanamento delle forze di Assad dalla regione del Golan. Ban Ki-moon condanna il rapimento. L'ambasciatore russo chiede a Qatar, Arabia saudita e Turchia di liberare i 21 prigionieri di questo "bizzarro" sequestro.

    24/12/2012 SIRIA
    Raid aereo uccide decine di siriani in attesa del pane
    Per l'opposizione si trattava di un aereo del governo; per Damasco l'attentato è opera di terroristi. Halfaya era una "zona liberata" dai ribelli. Brahimi è a Damasco per nuovi dialoghi di pace. Il suo lavoro sembra impossibile.

    10/06/2015 SIRIA

    I ribelli conquistano una base militare vicino a Deraa
    E’ l’ultima di una serie di sconfitte dell’esercito siriano. Conquistato anche un villaggio cristiano ad al-Rakham. In corso i dialoghi fra 150 rappresentanti dell’opposizione al Cairo. Si prospetta una soluzione politica sotto l’egida Onu, ma si esclude ogni futuro per il regime di Assad. Il bilancio dei morti in quattro anni di guerra.



    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®