24 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/04/2017, 10.23

    HONG KONG-CINA

    Arrestati 9 attivisti ‘in preparazione alla visita di Xi Jinping’ a Hong Kong

    Paul Wang

    Gli arrestati sono tutti membri di gruppi che lottano per la democrazia. Si vuole “spaventare” l’opinione pubblica. La Cina esclude riforme politiche entro i prossimi 10 anni. La Ue: il suffragio universale darebbe più solidità al governo del territorio.

    Hong Kong (AsiaNews) – Questa mattina un gruppo di nove attivisti – che avevano partecipato alle manifestazioni di Occupy Central, per chiedere democrazia nel territorio – sono stati arrestati. L’accusa è di aver partecipato lo scorso novembre a una protesta non autorizzata contro l’influenza di Pechino sulla Costituzione del Territorio (Basic Law).

    Il Comitato permanente dell’Assemblea nazionale del popolo cinese ha stabilito che ogni parlamentare di Hong Kong debba giurare fedeltà all’appartenenza alla Cina, escludendo ogni mira indipendentista. Il pronunciamento ha di fatto portato all’esclusione di due deputati, i giovani Sixtus Baggio Leung Chung-hang e Yau Wai-ching, rei di aver espresso un giuramento inappropriato. Il gruppo degli arrestati aveva manifestato contro tale esclusione.

    Ieri sono stati arrestati i due parlamentari; oggi sono stati arrestati Derek Lam Shun-hin e Ivan Lam Long-yin, del gruppo Demosisto; Avery Ng Man-yuen, Dickson Chau Ka-faat e Chan Man-wai della Lega dei democratici sociali; Lo Tak-cheung e Sammy Ip Chi-hin del gruppo Studenti in lotta per la democrazia; Devon Cheng Pui-lun ex presidente del sindacato studentesco della Lingnan University. Molti degli attivisti erano già stati arrestati quest’anno e poi rilasciati su cauzione. A quanto pare il loro arresto oggi è dovuto al loro rifiuto di pagare una nuova cauzione.

    Leung Kwok-hung (soprannominato “capelli lunghi” per la sua pettinatura), parlamentare della Lega dei democratici sociali, ha dichiarato che l’arresto è una “persecuzione politica” preventiva, per preparare le cerimonie del 20mo anniversario del ritorno di Hong Kong alla madrepatria, il prossimo primo luglio. Per l’occasione, sarà presente ad Hong Kong il presidente cinese Xi Jinping. Al South China Morning Post, Leung ha detto: “Lo scopo è far sì che tutti coloro che vogliono esporsi ed esprimere il loro punto di vista il primo luglio si sentano spaventati”.

    Il ritorno di Hong Kong alla madrepatria è avvenuto nel 1997 sotto lo slogan “una nazione, due sistemi”, permettendo al territorio il mantenimento dello stile liberale nella sua società. Ma l’influenza di Pechino su Hong Kong è forte dal punto di vista economico e soprattutto politico. La Cina ha escluso il suffragio universale per il Legco (il parlamento di Hong Kong), come pure l’elezione diretta del capo dell’esecutivo. Proprio a causa di ciò, nel settembre 2014 vi fu un grande sit-in nelle zone centrali dell’isola, definito Occupy Central, che ha coinvolto almeno 800mila persone, che chiedevano l’elezione diretta del governatore.

    Sebbene la Basic Law (la Costituzione di Hong Kong) affermi che si possa pensare a riforme politiche e democratiche dopo il 2006, la Cina ha sempre escluso tale possibilità. Il 22 aprile scorso, Wang Zhenmin, dell’Ufficio per le relazioni fra Cina e Hong Kong ha escluso che vi possano essere riforme politiche entro i prossimi 10 anni.

    Proprio oggi, l’Unione europea, in un rapporto su Hong Kong, spinge le autorità a iniziare il processo della riforma elettorale, che darebbe molta più solidità al governo della città.

    “L’Ue – dice il rapporto – incoraggia i governi di Hong Kong e della Cina a riprendere la riforma elettorale sulla linea tracciata dalla Basic Law e di giungere a un accorso per un sistema elettorale che sia democratico, onesto, aperto e trasparente”.

    Si aggiunge che il suffragio universale darebbe al governo maggiore sostegno e legittimità dalla popolazione, per perseguire lo sviluppo economico e affrontare le sfide sociali quale le divisioni socio-economiche e quelle generazionali.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/04/2017 08:40:00 HONG KONG-CINA
    Arrestati i due giovani parlamentari localisti Yau Wai-ching e Baggio Leung

    I due erano stati esclusi dal Legco per aver giurato con una formula offensiva verso la Cina e per aver espresso vedute “indipendentiste” su Hong Kong. Critiche alla mano pensate di Pechino sul territorio.



    13/09/2016 14:27:00 HONG KONG – CINA
    Elezioni a Hong Kong: sono cambiate le generazioni e l’agenda politica

    Il voto per il Consiglio legislativo ha fornito dati necessari per affermare che, dopo il Movimento degli ombrelli, la società di Hong Kong sta cambiando. I democratici “tradizionali” perdono terreno a favore degli indipendentisti e dei localisti, ma questo non è per forza un male: la “vecchia” politica deve trovare nuovi mezzi per comunicare con i giovani e con i cittadini che hanno a cuore il bene comune. Gli esempi edificanti di alcuni leader fanno ben sperare per il futuro.



    22/04/2015 HONG KONG – CINA
    Hong Kong, il governo chiude le porte al suffragio universale
    L’esecutivo del Territorio presenta al Consiglio Legislativo la proposta di riforma elettorale, identica a quella dell’Assemblea nazionale del Popolo di Pechino. Il voto sarà a maggio: servono almeno quattro deputati democratici per farla passare. Per ora il fronte dell’opposizione si dichiara unito: “Metteremo il veto”. Se il decreto non viene approvato, tutto rimane com’è.

    14/01/2015 HONG KONG - CINA
    Hong Kong, ombrelli gialli di Occupy in Parlamento contro il Capo dell'Esecutivo
    Un gruppo composto da circa 20 deputati democratici ha aperto nell'aula del Consiglio Legislativo gli ombrelli, simbolo dei sit-in del movimento, e ha chiesto di nuovo a Leung di andarsene. Fuori dall'edificio sono continuate le contestazioni. Il leader pro-Pechino, nel suo primo discorso politico dopo le manifestazioni, non molla: "Hong Kong ha un alto livello di autonomia, non ha autonomia assoluta. E la sua legittimità viene dalla Cina".

    27/10/2016 11:28:00 HONG KONG-CINA
    Il parlamento di Hong Kong bloccato sul giuramento di due giovani parlamentari localisti

    Il 12 ottobre scorso Sixtus Baggio Leung Chung-hang e Yau Wai-ching hanno giurato sulla “nazione di Hong Kong” esponendo uno striscione con la scritta “Hong Kong non è la Cina”. Il governo vuole espellerli, ma le regole dicono che essi possono essere espulsi solo con il voto dei due terzi dei parlamentari. Ma i democratici hanno quasi la metà dei voti. Un segnale per Pechino.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®