21 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/10/2017, 10.48

    SRI LANKA

    Arrestato il figlio di Rajapaksa, protesta contro la vendita dello scalo intitolato al padre



    Il Mattala Rajapaksa International Airport è stato costruito con fondi cinesi. È uno degli aeroporti civili meno utilizzati al mondo e opera un solo volo al giorno. L’India avrebbe offerto 210 milioni di dollari per l’acquisto.

    Colombo (AsiaNews/Agenzie) – La polizia dello Sri Lanka ha arrestato Namal Rajapaska, figlio dell’ex dittatore dell’isola. Il suo arresto, e quello di altre 28 persone, è avvenuto il 10 ottobre. Il politico è accusato di aver guidato una protesta non autorizzata contro la vendita all’India dell’aeroporto internazionale intitolato al padre nella località di Hambantota, circa 240 km a sud della capitale Colombo.

    Ruwan Gunasekera, sovrintendente di polizia, riferisce che il figlio maggiore di Mahinda Rajapaska ha violato l’ordinanza di un tribunale che vietava manifestazioni in strada e per danneggiamento alle proprietà pubbliche. Alcuni filmati diffusi sui social media hanno ripreso Rajapaksa mentre intonava slogan contro l’India di fronte alla sede del consolato. Centinaia di manifestanti hanno provato a sfondare le barricate erette dalla polizia, ma gli agenti li hanno bloccati prima che potessero raggiungere l’edificio diplomatico.

    Il Mattala Rajapaksa International Airport è stato costruito durante il regime del presidente-dittatore e finanziato con fondi cinesi. Si tratta di una delle opere statali che non hanno mai creato profitto e per questo sono chiamate dagli abitanti “elefanti bianchi”. Nello specifico, lo scalo opera un solo volo al giorno ed è uno degli aeroporti civili meno utilizzati al mondo.

    Il governo dell’attuale presidente Maithripala Sirisena ha proposto la vendita dell’impianto e sembra che le autorità di Delhi abbiano offerto 210 milioni di dollari (oltre 177 milioni di euro). A luglio di quest’anno nella stessa area di Hambantota, Colombo ha ceduto ad aziende cinesi la maggioranza dello scalo portuale, nonostante le proteste e le manifestazioni da parte della popolazione locale, che teme di essere sfrattata dai megaprogetti di Pechino.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/01/2010 SRI LANKA
    Elezioni presidenziali per dare una nuova direzione allo Sri Lanka
    Il 26 gennaio si vota per il presidente. La campagna elettorale vede abusi e soprusi, soprattutto da parte del presidente uscente. Tre esperti spiegano ad AsiaNews problemi e prospettive. E una convinzione: che queste possano essere elezioni decisive per il futuro del Paese.

    24/11/2008 SRI LANKA
    Riapre per l’8 dicembre il santuario di Nostra Signora di Madhu
    Il governo dello Sri Lanka ha garantito l’accesso al santuario. La chiesa sorge in una zona teatro di scontro tra l’esercito di Colombo e le Tigri Tamil. L’8 dicembre, nella festa dell’Immacolata concezione, i cattolici potranno compiere il pellegrinaggio che si ripete da 400 anni. Con loro sono attesi anche indù e buddisti.

    30/12/2009 SRI LANKA
    Il governo rinvia la chiusura dei campi profughi tamil e l'inchiesta sui crimini di guerra
    Almeno 100mila profughi dei campi di Vavuniya rimarranno nei centri anche dopo gennaio. Rinviata di quattro mesi anche la presentazione del rapporto sui presunti crimini di guerra compiuti dall’esercito durante le fasi finale della guerra.

    15/03/2010 SRI LANKA - CINA - INDIA
    Gli investimenti cinesi in Sri Lanka portano più povertà e ingiustizie
    Pechino compete con l’India, tradizionale partner di Colombo. Ma i finanziamenti esteri peggiorano la situazione dei cingalesi poveri, trasformati in mano d’opera a basso costo. A rischio l'esistenza di sindacati e democrazia.

    08/01/2015 SRI LANKA
    Tamil e singalesi alle urne per eleggere il nuovo presidente dello Sri Lanka
    Gli elettori registrati sono circa 15 milioni, 12.314 i seggi. Rigidi controlli di sicurezza, è vietato sostare nei pressi delle urne una volta espresso il voto. La sfida è soprattutto tra il presidente in carica Mahinda Rajapaksa e il suo ex alleato Maithripala Sena.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®