12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/11/2011, 00.00

    PAKISTAN

    Asia Bibi “forte e fragile”, a un anno dalla condanna a morte per blasfemia



    L’8 novembre 2010 veniva emessa la sentenza a carico della 45enne cristiana, madre di 5 figli. La fede in Cristo e l’appello del Papa per la sua liberazione, fonte di speranza e di forza per continuare a lottare. Vescovo di Islamabad contro l’inerzia dei giudici, che non hanno ancora fissato i tempi dell’appello.
    Islamabad (AsiaNews) – A un anno esatto dalla sentenza di condanna a morte per un presunto caso di blasfemia, Asia Bibi è “fragile ma forte nello spirito” e attende “speranzosa” l’inizio del processo di appello, anche se l’Alta corte di Lahore non ha ancora stabilito la data del dibattimento in aula. È quanto riferiscono i parenti della 45enne cristiana e madre di cinque figli, che visitano ogni martedì nella cella di massima sicurezza del carcere di Sheikhupura, nel Punjab, dove è rinchiusa in regime di isolamento e sorvegliata a vista. Su di lei pende una taglia di migliaia di dollari emessa da un leader fondamentalista islamico. E quanti hanno provato a perorare la sua causa, come il ministro per le Minoranze Shahbaz Bhatti e il governatore provinciale Salman Taseer sono stati assassinati per mano degli estremisti.

    Mons. Rufin Anthony, vescovo di Islamabad-Rawalpindi, stigmatizza l’inerzia dei giudici dell’Alta corte di Lahore che, a un anno esatto dalla sentenza di primo grado, “non hanno ancora fissato i termini dell’appello”. Il prelato sottolinea che i colleghi magistrati della capitale hanno calendarizzato in breve tempo l’appello contro la pena capitale emessa a carico di Mumtaz Qadri, la guardia del corpo che ha ucciso Salman Taseer. “Più di duemila avvocati e un ex capo della giustizia – afferma mons. Anthony ad AsiaNews – difendono un assassino reo-confesso, mentre l’Alta corte di Lahore non riesce a trovare il tempo per mettere in calendario l’appello di una donna innocente”.

    Il vescovo di Islamabad invoca l’intervento delle massime autorità pakistane e del capo della giustizia; tuttavia le campagne di solidarietà, i moniti di alcuni governi occidentali, gli appelli per la liberazione e le parole di solidarietà rivolte da papa Benedetto XVI a favore della madre cristiana sono sinora caduti nel vuoto.

    Asia è stata condannata a morte lo scorso 8 novembre da un tribunale del Punjab. Era stata arrestata per blasfemia nel giugno 2009, dopo una discussione con alcune donne musulmane in cui ha difeso la religione cristiana e la figura di Gesù, morto sulla croce per i peccati dell’umanità, chiedendo al contempo alle donne cosa avesse fatto Maometto per loro. Le musulmane hanno iniziato ad inveire contro di lei, accusandola di aver “contaminato” un pozzo perché ne aveva tratto dell’acqua da bere. In quel momento, infatti, le donne erano impegnate in una raccolta domenicale nei campi, cui Asia Bibi aveva aderito per guadagnare una piccola somma di denaro e contribuire al sostentamento della famiglia, povera ma piena di dignità.

    Accusata di blasfemia, la donna è stata oggetto della rappresaglia della comunità musulmana locale, che ha circondato la casa e cercato di linciarla. Percossa con brutalità, Asia si è “salvata” solo grazie all’arresto da parte della polizia, che ha aperto un fascicolo di inchiesta in base alla sezione 295 del Codice penale pakistano. Al processo di primo grado il legale di Asia Bibi ha definito le accuse nei suoi confronti “una rappresentazione teatrale fantastica” organizzata da una maggioranza musulmana contro una minoranza cristiana, ma questo non ha impedito al giudice di comminare la punizione esemplare: pena di morte.

    Il resto è cronaca di quest’ultimo anno: il 15 dicembre 2010 un imam di Peshawar ha messo una taglia sul suo capo di 6mila dollari, minacciando chiunque assumesse le sue difese.

    Il 4 gennaio 2011 una delle guardie del corpo, Malik Mumtaz Qadr, ha assassinato con 26 colpi di pistola il governatore del Punjab Salman Taseer, che aveva chiesto la grazia per Asia e invocato modifiche alla “legge nera”.

    Il 2 marzo 2011 a cadere sotto i colpi della frangia estremista islamica è stato Shahbaz Bhatti, ministro cattolico per le minoranze religiose, colpito anch’egli per aver perorato la causa di Asia Bibi.

    Ad oggi Asia Bibi, 45enne e madre di cinque figli, è rinchiusa nella sezione femminile della prigione di Sheikhupura (nel Punjab); la donna è oggetto di continue minacce di morte da parte dei fondamentalisti islamici. La famiglia e i suoi difensori riferiscono che in questo periodo drammatico è sostenuta da una fede incrollabile e confortata dall’appello di Benedetto XVI, che ne ha chiesto la liberazione durante l’Angelus in piazza San Pietro.(JK)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/05/2011 PAKISTAN
    Asia Bibi: dopo la morte di Bin Laden, rafforzata la sicurezza in carcere
    Il presidente della Masihi Foundation conferma il crescente livello di allerta attorno alla madre cattolica, condannata a morte per blasfemia. La fede della donna resta salda, prega e digiuna per i cristiani e il Pakistan. L’attivista aggiunge che nel Paese prende piede “una forma peggiore di estremismo”.

    20/04/2011 PAKISTAN
    Candele accese per Asia Bibi. Vescovo di Islamabad: la fede la renderà libera
    In Pakistan e in tutto il mondo preghiere e messe speciali per la 45enne cristiana, condannata a morte per blasfemia. Intanto è al sicuro con la famiglia Arif Masih, arrestato e poi prosciolto in base alla legge nera. Ad AsiaNews dichiara di essere in buone condizioni, in carcere nessuna violenza. Nuovo attacco contro un cristiano a Mardan.

    31/03/2011 PAKISTAN
    Ministro pakistano all’Interpol e al Papa: punite il rogo del Corano in Florida
    Rehman Malik ha scritto lettere a Benedetto XVI e all’agenzia internazionale, chiedendo la condanna del gesto e provvedimenti esemplari. Il Senato approva una risoluzione in cui chiede agli Usa di colpire il predicatore evangelico. I cristiani pakistani sottolineano l’appartenenza al Paese e biasimano il “folle” gesto, causa di nuove persecuzioni.

    30/03/2011 PAKISTAN
    Shahbaz Batthi ucciso da una “mafia” di fondamentalisti che tengono in ostaggio il governo
    Il ministro delle minoranze, Salman Taseer e altri vittime di “movimenti organizzati” che lottano per il potere. Le violenze hanno generato paure tali da far cadere ogni discussione in merito alla legge sulla blasfemia. Ma i cristiani devono coltivare la speranza e, con l’aiuto della Chiesa universale, costruire un futuro migliore.

    13/10/2011 PAKISTAN
    Punjab: il marito di Asia Bibi nega episodi di “torture” in carcere
    Ashiq Masih ha avuto un colloquio di 90 minuti con la moglie e non presentava segni di maltrattamenti. Ma è “fragile” e segnata dal tempo trascorso in carcere. Spera e prega perché “un giorno possa tornare con noi”. La sofferenza dei figli, per la mancanza della loro madre. Arcivescovo emerito di Lahore: "nessuna informazione di torture". Appello dei cristiani perché vengano rafforzate le misure di sicurezza in prigione.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®