20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/08/2017, 12.31

    INDONESIA - INDIA

    Asian Youth Day, mons. Heny D'Souza invita i giovani cristiani a portare la luce di Cristo all'Asia ed essere leader



    Al raduno dei giovani in Indonesia, il vescovo indiano ha parlato ai giovani dell'unità nella diversità. E della resposabilità di rispondere a Dio sull'ascesa del fondamentalismo religioso che minaccia la pace e la sicurezza in Asia. “La Chiesa e l'Asia hanno bisogno dei giovani", ha concluso, "hanno bisogno dei talenti della gioventù, della loro energia, della loro immaginazione e della loro leadership".

    Yogyakarta (AsiaNews) – Il vescovo indiano Henry D’Souza - della diocesi di Bellary (Karnataka) - ha voluto portare il saluto di oltre 600 milioni di giovani indiani, durante la sua omelia all’Asian Youth Day in Indonesia. E dopo aver sottolineato la bellezza e le differenze fra i due Paesi e le diversità che caratterizzano le loro popolazioni, lingue, culture, religioni, si è concentrato sul tema dell’unità come la chiave in mano ai giovani per aprire tutte le porte della vita.

    Il contributo dell’India, ha detto, viene dalla vita esemplare dei suoi santi, "vale a dire San Tommaso apostolo, San Francesco Saverio, San Gonsalo Garcia, S. Alfonsa, Madre Teresa ed altri".

    L’ispirazione della parola di Dio proclamata nelle letture liturgiche ha chiaramente indicato che “il piano di Dio è per l'unità dell'umanità”, ha sottolineato D’Souza. Anche “Gesù ha voluto l'unità e ha pregato per l'unità di tutti”, ha continuato sgranando ai giovani la sequenza del piano della salvezza: l’alleanza con Abramo attraverso la quale “tutte le famiglie della Terra sarebbero state benedette”. La Torre di Babele "simbolo della ribellione e della divisione".

    Con l'intervento di Dio le differenze non vengono eliminate: “L'ebreo rimane un ebreo, la femmina non è trasformata in un uomo e né lo schiavo è liberato grazie alla sua fede in Cristo. No”, ha scandito il vescovo indiano. Ma “l’unità viene realizzata nonostante le differenze, rendendo così le distinzioni irrilevanti”. San Paolo ci insegna, ha ancora sottolineato, come osservare queste differenze. Tra i molti passaggi biblici citati da D’Souza, la lettera agli Efesini: "C'è un solo corpo e uno Spirito, come sei chiamato in una speranza della tua vocazione. Un solo Signore, una fede, un battesimo, un Dio".

    A questo punto il vescovo si è rivolto a ciascuno dei giovani presenti come stesse guardandoli negli occhi: “In altre parole, non importa in quale gruppo tu appartieni. Sei libero o uno schiavo? Sei colto o non istruito? Sei maschio o femmina? Prima di Dio e in Cristo siete gli stessi, gli uni come gli altri, con uguale dignità! L'accettazione divina non dipende dalla propria etnia, dal sesso, dalla condizione sociale. Semplicemente non conta”.

    Così anche si può sperimentare l’unità del mondo “solo nella comunità del popolo di Dio”. Dunque, “tutto ciò che le nazioni e le popolazioni del mondo devono fare è sottomettersi a Cristo, che è il capo di questa umanità redenta e entra nella comunione dei santi dove tutte le distinzioni sociali ed etniche perdono il loro significato. In questo corpo, Cristo è il capo, il resto sono membri, uniti in Lui”.

    A tal proposito D'Souza ha citato il vangelo di Giovanni. Gesù ha pregato: "Io sono in loro e tu in me, in modo che possano essere portati a completare l'unità ". E poi il Salmo 133: "Ecco, quanto è buono e quanto è piacevole che i fratelli possano stare insieme nell'unità!" Infine, di nuovo San Paolo che rimprovera la Chiesa divisa di Corinto e le ordina di essere "un cuore solo e un’anima sola”.

    “L’Asia - ha continuato mons. D'Souza - sta affrontando l'ascesa del fondamentalismo religioso e la minaccia per la pace e la sicurezza, l’intolleranza religiosa causa più violenze e morti di qualsiasi altra arma”. “La gioventù cattolica dell'Asia”, ha allora concluso, “ha la responsabilità di rispondere a Dio di tali situazioni. L'azione concertata per promuovere l'armonia religiosa e le risoluzioni di conflitti in Asia "dovrebbe essere una priorità delle nostre associazioni giovanili". La sfida più grande di fronte ad un giovane in Asia “è accendere la speranza in milioni di persone che cercano un raggio di speranza per illuminare le loro vite e rendere le loro lotte significative”. L’auspicio è che ciascun giovane presente “diventi campione dell’unità di tutti i popoli”.

    Fra i compiti assegnati dal vescovo di Bellamy, che è anche presidente della Commissione giovanile dei vescovi indiani,  spicca l'invito a diventare “leader del futuro assumendo ruoli di leadership in tutti i settori della vita moderna: leadership spirituale, come sacerdoti, religiosi e consacrati”, ma anche nella vita politica, nei media, nell’arte e nelle altre professioni. “La Chiesa e l'Asia hanno bisogno dei giovani. Hanno bisogno dei talenti della gioventù, della loro energia, della loro immaginazione e della loro leadership. I giovani di oggi non possono permettersi di essere distratti dalla violenza, dal materialismo, dalla pornografia, dalla droga e dalla vita insensata. Né possono essere né spettatori indifferenti né silenziosi. Devono essere focalizzati e diventare realizzatori, veri agenti trasformatori. Hanno bisogno di costruire ponti che collegano persone di tutte le fedi, culture e nazionalità. Cominciamo qui a Yogyakarta e portate la torcia accesa fino alle estremità dell'Asia”.

    (Ha collaborato Nirmala Carvalho)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/08/2017 15:59:00 INDONESIA
    Asian Youth Day, hanno collaborato più di 100 ragazzi e ragazze musulmane

    L’organizzazione dell’Asian Youth Day (Ayd) in Indonesia rappresentava una grande sfida. Negli ultimi mesi, la nazione ha registrato un forte aumento degli episodi di intolleranza verso le minoranze religiose. Un giovane musulmano: “L’Indonesia ed i suoi musulmani hanno la responsabilità della riuscita di questo evento”. L’esperienza di dialogo tra i giovani cattolici asiatici e i coetanei musulmani della terza giornata dell’Ayd. “Quest’incontro fa sì che la nostra tolleranza non sia una tolleranza silenziosa”.



    07/08/2017 13:11:00 INDONESIA
    Si conclude l’Asian Youth Day. Il messaggio di papa Francesco

    Il pontefice invita i giovani asiatici a guardare alla Madre del Signore. Il papa esprime l’augurio che i ragazzi sappiano “ascoltare con maggiore attenzione la chiamata di Dio e che rispondano alla loro vocazione, con fede e coraggio”. Più di 20mila cattolici delle comunità cattoliche dell’isola di Java, insieme ai delegati, hanno assistito alla cerimonia di chiusura dell’Asian Youth Day. Nel 2020 sarà l’India il Paese ospitante l’ottava edizione della manifestazione giovanile.



    05/08/2017 12:10:00 INDONESIA
    Asian Youth Day, la Laudato Si’ ha cambiato la vita dei giovani cattolici

    Jonathan Cho era un ragazzo solitario e sedentario, ora è molto impegnato in iniziative per la salvaguardia dell’ambiente. Sumbal Tariq: “Ispirata dall’enciclica, sono impegnata nel piantare alberi e proteggere le sorgenti d'acqua”. Mons. Pius Riana Prapdi, vescovo della diocesi di Ketapang: “I due ragazzi hanno saputo portare nelle loro vite lo spirito dell’enciclica e diventare valido esempio per gli altri”. P. Yohanes “Santo” Dwi Harsanto: “Imparare il coraggio di diffondere i valori sociali della dottrina e gli insegnamenti della Chiesa cattolica.



    04/08/2017 16:59:00 INDONESIA
    Asian Youth Day, cardinali e vescovi insieme ai leader musulmani in nome del dialogo

    La manifestazione giovanile di Yogyakarta ha un forte risvolto interreligioso. Nella giornata di oggi, dal tema “L’unità nella diversità culturale”, si è svolto un incontroa sulla coesistenza. I leader islamici: “Radicalismo e terrorismo sfide da vincere insieme”. Il card. Patrick D’Rozario di Dhaka: “Intolleranza e terrorismo non sono espressione dei valori autentici della cultura asiatica”. Il prof. Syafi’i Maarif, ex presidente di Muhammadiyah: “Corruzione, ingiustizie sociali e ‘arabizzazione’ sono le cause del settarismo in Indonesia”. 



    03/08/2017 12:01:00 INDONESIA
    Asian Youth Day, ministro indonesiano: ‘chiamati a promuovere tolleranza e solidarietà’

    Lukman Hakim Saifuddin, ministro per gli Affari religiosi: “Allora non ci saranno più pregiudizi basati sull'etnia e sulla religione”. Presente alla cerimonia d’apertura della manifestazione anche Hamengku Buwono X, sultano e governatore di Yogyakarta. Mons. Robertus Rubyatamoko, arcivescovo di Semarang e presidente del Comitato organizzatore: “Sperimentare la vera ‘identità sociale’ delle nazioni asiatiche: la diversità e la società pluralistica”.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®