5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/04/2012
SIRIA - ONU
Assad promette la fine delle violenze entro il 10 aprile, secondo il piano di pace dell'Onu
La conferma viene da Kofi Annan. Se Assad blocca le violenze anche i ribelli devono abbandonare le armi. Ma proprio nei giorni scorsi i ribelli hanno ricevuto il sostegno economico da Arabia saudita e Paesi del Golfo. Scettica l'ambasciatrice Usa all'Onu.

New York (AsiaNews/Agenzie) - La Siria ha accettato la data del 10 aprile come termine per la fine delle violenze e l'accettazione del piano di pace voluto dall'Onu per il Paese. La notizia è stata data ieri sera dallo stesso Kofi Annan in una videoconferenza con il Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

Kofi Annan, inviato delle Nazioni Unite e della Lega araba, è il responsabile per un piano di pace che entro il 10 aprile esige un cessate il fuoco dell'esercito e dei ribelli; permettere l'arrivo di aiuti umanitari nelle zone colpite dal conflitto; aprire un dialogo politico fra il regime e gli oppositori; rilasciare tutti i prigionieri detenuti in modo arbitrario; permettere l'entrata e il lavoro dei giornalisti; garantire libertà di associazione e di dimostrare in modo pacifico.

Già la settimana scorsa la Siria aveva detto di accettare il piano di pace, ma scontri e violenze sono continuate a Homs e a Idlib.

Susan Rice, ambasciatrice Usa all'Onu, si è mostrata scettica sulle promesse della Siria: "Abbiamo visto tante promesse fate e tante promesse non mantenute", ha detto.

Il problema di fronte a cui si trova Annan è come verificare l'attuazione del piano. Se Assad mette fine alle violenze, anche i ribelli devono abbandonare le armi entro 48 ore dal 10 aprile. Ma proprio nei giorni scorsi Arabia saudita e Paesi del Golfo hanno deciso di aprire un fondo di 100 milioni di dollari per "pagare i salari" dei combattenti e dei soldati dell'esercito che disertano.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/06/2012 SIRIA - ONU
Accuse reciproche fra Damasco e i ribelli sul nuovo massacro di Qubair
07/06/2012 SIRIA
Vicario apostolico di Aleppo: no alla morte dei bambini sfruttata per fini politici e strategici
08/01/2013 ONU-SIRIA
Ban Ki-moon critica Assad per le terribili sofferenze della popolazione siriana
20/09/2012 SIRIA - ONU
Ban Ki-moon: Non c'è soluzione militare al conflitto in Siria. Occorre un dialogo politico
18/02/2015 SIRIA - ONU
Onu e Damasco per un cessate il fuoco "umanitario" ad Aleppo

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate