05 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 03/04/2012, 00.00

    SIRIA - ONU

    Assad promette la fine delle violenze entro il 10 aprile, secondo il piano di pace dell'Onu



    La conferma viene da Kofi Annan. Se Assad blocca le violenze anche i ribelli devono abbandonare le armi. Ma proprio nei giorni scorsi i ribelli hanno ricevuto il sostegno economico da Arabia saudita e Paesi del Golfo. Scettica l'ambasciatrice Usa all'Onu.

    New York (AsiaNews/Agenzie) - La Siria ha accettato la data del 10 aprile come termine per la fine delle violenze e l'accettazione del piano di pace voluto dall'Onu per il Paese. La notizia è stata data ieri sera dallo stesso Kofi Annan in una videoconferenza con il Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

    Kofi Annan, inviato delle Nazioni Unite e della Lega araba, è il responsabile per un piano di pace che entro il 10 aprile esige un cessate il fuoco dell'esercito e dei ribelli; permettere l'arrivo di aiuti umanitari nelle zone colpite dal conflitto; aprire un dialogo politico fra il regime e gli oppositori; rilasciare tutti i prigionieri detenuti in modo arbitrario; permettere l'entrata e il lavoro dei giornalisti; garantire libertà di associazione e di dimostrare in modo pacifico.

    Già la settimana scorsa la Siria aveva detto di accettare il piano di pace, ma scontri e violenze sono continuate a Homs e a Idlib.

    Susan Rice, ambasciatrice Usa all'Onu, si è mostrata scettica sulle promesse della Siria: "Abbiamo visto tante promesse fate e tante promesse non mantenute", ha detto.

    Il problema di fronte a cui si trova Annan è come verificare l'attuazione del piano. Se Assad mette fine alle violenze, anche i ribelli devono abbandonare le armi entro 48 ore dal 10 aprile. Ma proprio nei giorni scorsi Arabia saudita e Paesi del Golfo hanno deciso di aprire un fondo di 100 milioni di dollari per "pagare i salari" dei combattenti e dei soldati dell'esercito che disertano.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/06/2012 SIRIA - ONU
    Accuse reciproche fra Damasco e i ribelli sul nuovo massacro di Qubair
    Secondo i ribelli, le forze filo-governative degli "shabiha" hanno ucciso 86 persone, fra cui molte donne e bambini. Secondo il governo il massacro di nove persone è stato compiuto da "gruppi terroristi". Nessuna delle due versioni ha conferme indipendenti. Oggi si raduna il Consiglio di sicurezza dell'Onu. La Russia vuole implicare l'Iran nella ricerca di un cessate il fuoco e una transizione del potere di Assad. Contrari Stati Uniti e Paesi arabi sunniti.

    07/06/2012 SIRIA
    Vicario apostolico di Aleppo: no alla morte dei bambini sfruttata per fini politici e strategici
    Mons. Giuseppe Nazzaro condanna il massacro di Qubair e Mazzarzaf (Hama) costato la vita a 78 persone, fra cui donne e bambini. L'Onu ha il dovere morale di verificare il contesto, individuare gli autori e le ragioni della strage. Sanzioni economiche e guerriglieri estremisti islamici iniziano a fare più morti che i soldati del regime.

    08/01/2013 ONU-SIRIA
    Ban Ki-moon critica Assad per le terribili sofferenze della popolazione siriana
    Le parole del presidente siriano non aiutano a trovare una "reale soluzione alla crisi". Lakhdar Brahimi, inviato Onu per il piano di pace, in dialogo con Qatar e Iran.

    20/09/2012 SIRIA - ONU
    Ban Ki-moon: Non c'è soluzione militare al conflitto in Siria. Occorre un dialogo politico
    Il segretario generale è preoccupato dell'escalation di violenze da governo e ribelli, che non sta portando ad alcuna via di uscita. Denuncia Usa: 117 aerei iraniani atterrati a Damasco portano armi e non "beni umanitari". I ribelli armati da Arabia, Qatar e potenze occidentali. Il monito di Benedetto XVI a non importare armi.

    18/02/2015 SIRIA - ONU
    Onu e Damasco per un cessate il fuoco "umanitario" ad Aleppo
    La Siria è d'accordo nel sospendere i bombardamenti aerei e trovare un quartiere per sperimentare gli aiuti umanitari alla popolazione. Il Consiglio di sicurezza è scettico e diviso. Finora la guerra in Siria ha fatto almeno 220mila morti.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®