16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/01/2012, 00.00

    SIRIA

    Assad promette un’amnistia. La Lega araba discute sull’intervento militare



    Il provvedimento di clemenza riguarderebbe i crimini commessi nei dieci mesi di rivolta, e comprenderebbe anche i disertori. Lo sceicco del Qatar propone l’invio di truppe arabe per fermare la violenza; aveva guidato le iniziative contro la Libia di Gheddafi.
    Damasco (AsiaNews/Agenzie) – Il presidente siriano Bashar al-Assad ha promesso un’amnistia generale per i crimini commessi durante i dieci mesi di rivolta. L’annuncio è stato dato dai media statali. L’amnistia si applicherebbe ai disertori dell’esercito che si consegnino entro la fine di gennaio, e a coloro che sono in possesso di armi ottenute illegalmente. Migliaia di persone sono state arrestate in questi mesi; anche se è impossibile verificare in maniera indipendente le cifre fornite dall’opposizione, dal momento che ai giornalisti stranieri non è concesso, salvo rari casi, l’ingresso nel Paese. Sembra comunque che all’interno della Siria la violenza, sia da parte della sicurezza, sia da parte dei disertori armati continui, a dispetto della presenza dei circa 160 osservatori inviati dalla Lega araba per monitorare la situazione e stilare un rapporto.

    Non è la prima volta che Bashar al-Assad offre un’amnistia ai suoi oppositori, negli ultimi mesi. Secondo gli analisti anche quest’ultima iniziativa non sembra destinata ad avere un profondo impatto sulla situazione politica e sociale, anche se a quanto afferma una televisione, ad-Dunia, è stata discussa con gli osservatori della Lega araba. Le offerte precedenti di clemenza non sembra siano state accolte da numeri consistenti, né che lo Stato abbia onorato le promesse fatte. In un raro discorso pubblico la settimana scorsa il president Bashar al-Assad ha accusato potenze estere di cercare di destabilizzare la Siria, e si è impegnato a schiacciare i “terroristi” con un “pugno di ferro”. (10/01/2012 Assad: dichiareremo presto la vittoria contro la cospirazione internazionale).

    L’iniziativa sulla crisi siriana appare soprattutto in mano alla Lega araba. Il suo segretario, Nabil al-Arabi, ha dichiarato che una riunione dei ministri degli esteri della Lega discuterà la proposta avanzata dal Qatar di inviare in Siria una forza di truppe provenienti dai Paesi arabi. “Tutte le idee saranno aperte alla discussione” ha risposto Nabil al-Arabi a chi gli chiedeva se nell’incontro dei ministri degli Esteri del 21 e il 22 gennaio si tratterà della proposta avanzata dall’emiro del Qatar, lo sceicco Hamad bin Khalifa Al Thani. Lo sceicco ha dichiarato che “per fermare le uccisioni…delle truppe dovrebbero essere mandate a fermare la violenza”.

    Jabr al-Shoufi, un membro del Consiglio nazionale siriano, ha affermato che il governo di Damasco impedirà con la forza l’ingresso di soldati arabi nel Paese. Lo sceicco del Qatar ha guidato il fronte arabo all’intervento in Libia. La sua proposta ha trovato l’immediata opposizione del presidente tunisino Moncef Marzouki secondo cui questo intervento sarebbe la scintilla per un’esplosione in tutto il Medio oriente.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/01/2012 SIRIA
    Una religiosa denuncia: In Siria, la guerra delle bugie
    Una religiosa carmelitana, attiva nel Paese in opere umanitarie, madre Agnès-Mariam de la Croix, respinge ogni violenza, sia che provenga dal regime siriano o dagli insorti. “Se continua così, temo il peggio”. Intanto la Lega araba ha deciso ieri al Cairo di continuare e rafforzare la missione degli osservatori, mentre ogni giorno si segnalano morti e scontri fra gruppi armati.

    02/01/2012 SIRIA
    Il Parlamento arabo chiede il ritiro immediato degli osservatori dalla Siria
    L’organismo consultivo della Lega araba afferma: “La missione della Lega araba ha fallito il suo obiettivo”, e grazie ad essa il regime continua a compiere atti disumani. In Siria ci sono 60 osservatori, un secondo gruppo dovrebbe arrivare il 5 gennaio. Altri morti all’inizio dell’anno; il primo è un bambino di sette anni.

    08/02/2012 SIRIA
    Battaglia a Homs. Rivoluzione più “islamica”, cresce la violenza contro i cristiani
    Il ministro degli Esteri russo Serghey Lavrov: la sorte di Assad “dovrà essere decisa dai siriani”. Fonti locali di AsiaNews informano sulla crescente violenza da parte degli oppositori del regime verso gli alauiti, i cristiani e chi è sospettato di essere dalla parte del governo.

    30/01/2012 SIRIA
    I soldati di Assad riconquistano la periferia di Damasco dopo due giorni di combattimenti
    Il suburbio di Ghouta, a sette km dal centro della capitale, era in mano ai ribelli del Free Syrian Army. Combattimenti in tutto il Paese dopo il ritiro degli osservatori della Lega araba il 29 gennaio. Domani il caso Siria al Consiglio di sicurezza dell’Onu.

    04/01/2012 SIRIA
    Crisi siriana: l’opposizione armata minaccia la guerra civile
    Frustrazione per la missione degli osservatori della Lega araba che non fermano la violenza nel Paese. Il 7 gennaio una riunione di emergenza dei ministri degli esteri della Lega. Il capo del Free Syrian Army , Riad al-Asaad, parla di “un’ampia escalation delle nostre operazioni, un cambiamento della nostra forma di lotta”.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®