24 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/05/2017, 13.34

    INDIA

    Assam, “protettori delle vacche” linciano due musulmani. Attivista: odio verso l’islam



    I deceduti incolpati di voler rubare dei capi di bestiame. Due persone arrestate con l’accusa di omicidio. Gli episodi di intolleranza verso le minoranze sono aumentati con la salita al potere dei nazionalisti indù. Dal 2015 uccisi almeno 10 musulmani.

    Guwahati (AsiaNews) – Due musulmani sono stati linciati a morte da una folla di “protettori delle vacche” nello Stato indiano di Assam, perché incolpati di voler rubare alcuni capi dell’animale ritenuto sacro dall’induismo. L’episodio è avvenuto il 30 aprile scorso nel distretto di Nagaon. Ad AsiaNews Ram Puniyani, presidente del Centre for Study and Secularism di Mumbai, denuncia l’ultimo caso di violenza contro le minoranze religiose dell’India, sempre più bersaglio delle politiche estremiste dei nazionalisti indù da quando nel 2014 Narendra Modi si è insediato al governo dell’Unione con il partito Bjp (Bharatya Janata Party) e ora rinvigorite dalla vittoria del guru radicale Yogi Adityanath nello Stato dell’Uttar Pradesh. “Questi incidenti – afferma – sono stati istigati dalle politiche di protezione delle vacche approvate dalle autorità di governo. Si tratta di un tema emotivo-identitario che il Bjp utilizza per polarizzare la società lungo linee religiose”. Ma questi incidenti non avvengono, lamenta l’attivista laico, per un presunto “amore nei confronti delle vacche, quanto piuttosto per un sentimento di odio contro i musulmani”.

    I due giovani assassinati si chiamavano Abu Hanifa e Riyazuddin Ali e avevano tra i 20 e i 25 anni. Essi sono stati inseguiti dagli abitanti del villaggio per circa 1,5 chilometri e percossi a colpi di bastone. Quando la polizia è giunta sul luogo, ormai le loro condizioni erano disperate. Trasportati in ospedale, sono deceduti per le ferite ricevute. La polizia ha arrestato due persone e su di loro pende l’accusa di omicidio.

    In India la vacca è considerata sacra dagli indù e il suo consumo un oltraggio agli dei. Il tema viene però sfruttato dai nazionalisti indù per fare pressioni sulle minoranze cristiana e musulmana, che in larga parte si mantengono proprio con l’allevamento e il commercio del bestiame. In molti Stati è in vigore il divieto di consumo e macellazione, che però si estende a tutta la popolazione, non solo agli indù, costretta a osservare pratiche alimentari estranee alle proprie credenze religiose.

    Alcune associazioni che difendono i diritti umani riportano che dal 2015 almeno dieci persone di fede islamica sono state assassinate con l’accusa di aver rubato, venduto o macellato carne di vacca. Il solo sospetto di macellazione illegale della vacca può scatenare episodi di feroce violenza, come l’omicidio di un padre di famiglia musulmano che nel 2015 è stato linciato proprio in Uttar Pradesh da una folla inferocita di estremisti indù che lo accusava di aver consumato carne di mucca. Dopo mesi di indagini si è invece scoperto che la carne era di bufalo.  Lo scorso anno in Gujarat quattro dalit sono stati pestati per aver scuoiato una vacca (poi si è appurato che era stato un leone).

    Le Ong lamentano che la situazione si è addirittura inasprita sull’onda della straripante vittoria dei nazionalisti del Bjp alle recenti elezioni amministrative. Infatti uno dei primi atti del neo chief minister dell’Uttar Pradesh Yogi Adityanath è stata la chiusura dei mattatoi illegali per tutelare le vacche. Sul suo esempio, il governo del Gujarat ha decretato che chiunque uccida una mucca sarà punito con l’ergastolo e con multe fino a 100mila rupie (1443 euro). Ad inizio aprile un musulmano di 55 anni è deceduto in Rajasthan dopo due giorni di agonia per i calci e i pugni ricevuti da una folla di radicali indù che lo incolpava di trasporto illegale di vacche (in realtà le aveva acquistate in maniera legale ad una fiera di bestiame).

    Di fronte a questi ripetuti casi di violenza, Ram Puniyani dichiara: “Il partito di governo chiude un occhio in maniera cosciente, perché questi incidenti lo aiutano nella mobilitazione politica e rafforzano la sua agenda politica”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/03/2017 12:30:00 INDIA
    Uttar Pradesh, chiusi i mattatoi per proteggere le vacche: a rischio poveri, musulmani e cristiani

    La chiusura dei macelli illegali è una delle promesse elettorali del nuovo chief minister Yogi Adityanath. I commercianti lamentano però che le autorità hanno messo i sigilli anche a quelli in regola. La vacca è considerata sacra dalla religione indù, ma rappresenta la maggiore fonte di sostentamento delle minoranze. L’industria fattura ogni anno 3,7 miliardi di euro a livello nazionale; il settore impiega nello Stato dell’Uttar Pradesh circa 2,5 milioni di persone.



    05/04/2017 11:56:00 INDIA
    Rajasthan, musulmano ucciso a calci e pugni dai “protettori delle vacche” (Video)

    L’uomo di 55 anni si chiamava Pehlu Khan ed era originario dell’Haryana. Insieme ad altre quattro persone aveva partecipato ad una fiera di bestiame. Gli assalitori appartengono ai gruppi nazionalisti e paramilitari indù Vishwa Hindu Parishad e Bajrang Dal.



    12/10/2016 12:23:00 INDIA
    India, capo dell’Rss rinnega Modi: difende i “protettori delle vacche” contro i dalit

    Il premier indiano aveva preso le distanze dai nazionalisti indù che si ergono a difensori delle vacche picchiando e uccidendo i dalit. Sempre più frequenti le violenze contro chi macella o mangia carne di manzo. Per oltre 80 milioni di abitanti, in maggioranza musulmani e cristiani, le vacche sono il principale mezzo di sostentamento.



    11/03/2017 10:41:00 INDIA
    Modi verso la vittoria in Uttar Pradesh

    Lo spoglio dei voti è iniziato questa mattina. Gli ultimi aggiornamenti riportano la vittoria di 305 seggi su 403. La tornata elettorale rappresenta un referendum sulle politiche del premier, dopo il bando delle rupie. Leader cristiano esprime preoccupazione per le politiche aggressive dei nazionalisti indù.



    24/04/2017 15:25:00 INDIA
    Uttar Pradesh: vescovi al nuovo chief minister, difendere i cristiani perseguitati

    L’incontro con Yogi Adityanath è avvenuto il 21 aprile. I rappresentanti della Chiesa locale gli hanno espresso i migliori auguri per il nuovo incarico. Hanno anche chiesto che egli garantisca la sicurezza e l’incolumità della minoranza cristiana e dei suoi luoghi di culto.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®