16 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/05/2017, 13.34

    INDIA

    Assam, “protettori delle vacche” linciano due musulmani. Attivista: odio verso l’islam



    I deceduti incolpati di voler rubare dei capi di bestiame. Due persone arrestate con l’accusa di omicidio. Gli episodi di intolleranza verso le minoranze sono aumentati con la salita al potere dei nazionalisti indù. Dal 2015 uccisi almeno 10 musulmani.

    Guwahati (AsiaNews) – Due musulmani sono stati linciati a morte da una folla di “protettori delle vacche” nello Stato indiano di Assam, perché incolpati di voler rubare alcuni capi dell’animale ritenuto sacro dall’induismo. L’episodio è avvenuto il 30 aprile scorso nel distretto di Nagaon. Ad AsiaNews Ram Puniyani, presidente del Centre for Study and Secularism di Mumbai, denuncia l’ultimo caso di violenza contro le minoranze religiose dell’India, sempre più bersaglio delle politiche estremiste dei nazionalisti indù da quando nel 2014 Narendra Modi si è insediato al governo dell’Unione con il partito Bjp (Bharatya Janata Party) e ora rinvigorite dalla vittoria del guru radicale Yogi Adityanath nello Stato dell’Uttar Pradesh. “Questi incidenti – afferma – sono stati istigati dalle politiche di protezione delle vacche approvate dalle autorità di governo. Si tratta di un tema emotivo-identitario che il Bjp utilizza per polarizzare la società lungo linee religiose”. Ma questi incidenti non avvengono, lamenta l’attivista laico, per un presunto “amore nei confronti delle vacche, quanto piuttosto per un sentimento di odio contro i musulmani”.

    I due giovani assassinati si chiamavano Abu Hanifa e Riyazuddin Ali e avevano tra i 20 e i 25 anni. Essi sono stati inseguiti dagli abitanti del villaggio per circa 1,5 chilometri e percossi a colpi di bastone. Quando la polizia è giunta sul luogo, ormai le loro condizioni erano disperate. Trasportati in ospedale, sono deceduti per le ferite ricevute. La polizia ha arrestato due persone e su di loro pende l’accusa di omicidio.

    In India la vacca è considerata sacra dagli indù e il suo consumo un oltraggio agli dei. Il tema viene però sfruttato dai nazionalisti indù per fare pressioni sulle minoranze cristiana e musulmana, che in larga parte si mantengono proprio con l’allevamento e il commercio del bestiame. In molti Stati è in vigore il divieto di consumo e macellazione, che però si estende a tutta la popolazione, non solo agli indù, costretta a osservare pratiche alimentari estranee alle proprie credenze religiose.

    Alcune associazioni che difendono i diritti umani riportano che dal 2015 almeno dieci persone di fede islamica sono state assassinate con l’accusa di aver rubato, venduto o macellato carne di vacca. Il solo sospetto di macellazione illegale della vacca può scatenare episodi di feroce violenza, come l’omicidio di un padre di famiglia musulmano che nel 2015 è stato linciato proprio in Uttar Pradesh da una folla inferocita di estremisti indù che lo accusava di aver consumato carne di mucca. Dopo mesi di indagini si è invece scoperto che la carne era di bufalo.  Lo scorso anno in Gujarat quattro dalit sono stati pestati per aver scuoiato una vacca (poi si è appurato che era stato un leone).

    Le Ong lamentano che la situazione si è addirittura inasprita sull’onda della straripante vittoria dei nazionalisti del Bjp alle recenti elezioni amministrative. Infatti uno dei primi atti del neo chief minister dell’Uttar Pradesh Yogi Adityanath è stata la chiusura dei mattatoi illegali per tutelare le vacche. Sul suo esempio, il governo del Gujarat ha decretato che chiunque uccida una mucca sarà punito con l’ergastolo e con multe fino a 100mila rupie (1443 euro). Ad inizio aprile un musulmano di 55 anni è deceduto in Rajasthan dopo due giorni di agonia per i calci e i pugni ricevuti da una folla di radicali indù che lo incolpava di trasporto illegale di vacche (in realtà le aveva acquistate in maniera legale ad una fiera di bestiame).

    Di fronte a questi ripetuti casi di violenza, Ram Puniyani dichiara: “Il partito di governo chiude un occhio in maniera cosciente, perché questi incidenti lo aiutano nella mobilitazione politica e rafforzano la sua agenda politica”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/03/2017 12:30:00 INDIA
    Uttar Pradesh, chiusi i mattatoi per proteggere le vacche: a rischio poveri, musulmani e cristiani

    La chiusura dei macelli illegali è una delle promesse elettorali del nuovo chief minister Yogi Adityanath. I commercianti lamentano però che le autorità hanno messo i sigilli anche a quelli in regola. La vacca è considerata sacra dalla religione indù, ma rappresenta la maggiore fonte di sostentamento delle minoranze. L’industria fattura ogni anno 3,7 miliardi di euro a livello nazionale; il settore impiega nello Stato dell’Uttar Pradesh circa 2,5 milioni di persone.



    05/04/2017 11:56:00 INDIA
    Rajasthan, musulmano ucciso a calci e pugni dai “protettori delle vacche” (Video)

    L’uomo di 55 anni si chiamava Pehlu Khan ed era originario dell’Haryana. Insieme ad altre quattro persone aveva partecipato ad una fiera di bestiame. Gli assalitori appartengono ai gruppi nazionalisti e paramilitari indù Vishwa Hindu Parishad e Bajrang Dal.



    12/07/2017 09:01:00 INDIA
    Corte suprema sospende il bando sulla carne di vacca: danneggia i musulmani

    I giudici hanno accolto la petizione dell’All India Jamiatul Quresh Action Committee. Il governo rivedrà la norma e potrebbe escludere dal bando la carne di bufalo, che rappresenta la quasi totalità delle esportazioni bovine indiane.



    09/06/2017 09:03:00 INDIA
    Il Kerala sfida Modi: no al bando sulla carne di vacca

    L’Assemblea respinge il divieto di macellazione dei bovini su tutto il territorio nazionale. “Interessi economici” dietro le nuove regole, volte a favorire le aziende che esportano. Due membri del Bjp si dimettono in Meghalaya. Un separatista del Kashmir invita alla “guerra santa contro i protettori delle vacche”.



    13/07/2017 09:06:00 INDIA
    Maharashtra, un altro musulmano linciato in nome delle “vacche sacre” (Video)

    I “vigilanti delle vacche” sospettavano che egli trasportasse bovini. L’episodio avviene a poche ore dalla sentenza della Corte suprema che ha sospeso il bando sulla carne bovina. La questione delle vacche sta spaccando la società indiana.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®