28 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 12/06/2012
INDIA
Assam, tribali cristiani picchiati e costretti a convertirsi all’induismo
di Nirmala Carvalho
Due uomini e una donna della tribù Rabha sono ricoverati per le gravi ferite riportate. A portare l’attacco, un gruppo di 40 nazionalisti indù. Il Global Council of Indian Christians denuncia aggressioni sistematiche. Due famiglie di cristiani fuggono per timore di violenze.

Mumbai (AsiaNews) - Insultati, minacciati di morte, picchiati e costretti ad abiurare il cristianesimo: è accaduto nel villaggio di Deuphani (Assam) ad alcuni tribali Rabha, vittime in questi ultimi giorni di attacchi di 40 radicali indù. "Sono aggressioni sistematiche - denuncia ad AsiaNews Sajan George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic) - non più tollerabili. I fedeli della tribù Rabha vivono ormai nel terrore. Alle autorità dico: proteggete tutti i vostri cittadini". In seguito all'attacco, tre cristiani, compresa una donna, hanno riportato gravi ferite e sono stati ricoverati,

Tutto è iniziato l'8 giugno scorso, quando alcuni indù hanno trovato il cristiano Bhageswar Rabha, fuggito da Deuphani, e costretto a riconvertirsi all'induismo. Qualche ora dopo, intorno alla mezzanotte, un gruppo di 40 indù ha fatto irruzione nella casa di Manesor Rabha, un cristiano pentecostale, prelevandolo insieme a sua moglie Mala, e a Michael Rabha (nella foto) e Prashanto Rabha, altri due credenti. Una volta trascinati fuori, li hanno insultati e minacciati, tentando di convincerli ad abiurare il cristianesimo e a firmare dei fogli in bianco.

Di fronte al silenzio dei cristiani, gli aggressori hanno iniziato a picchiarli, per poi riportarli a casa di Manesor con la minaccia di "terribili conseguenze" se avessero denunciato l'accaduto alla polizia. La mattina del 10 giugno, Mala, Michael e Prashanto sono stati ricoverati al Satribari Christian Hospital. In seguito all'attacco, altre due famiglie (sette persone in totale) sono fuggite dal villaggio.

"L'amministrazione del distretto - sottolinea Sajan George - deve assicurare protezione e sicurezza a questi tribali cristiani. La libertà religiosa è sancita dall'art.25 della Costituzione indiana, che garantisce ai cittadini di ogni credo di professare, praticare e diffondere la sua fede". 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
31/10/2012 INDIA
Karnataka, polizia arresta cristiani per i battesimi di 40 tribali
27/07/2007 INDIA
Aumentano le violenze anticristiane, nell’Assam ucciso un convertito
19/07/2012 INDIA
India, cresce l’intolleranza religiosa contro i cristiani
di Nirmala Carvalho
04/07/2012 INDIA
Cristiani in India, nuovi attacchi alla libertà religiosa
di Nirmala Carvalho
30/03/2012 INDIA
Karnataka, rischia la prigione un pastore protestante. È il settimo attacco dal 2012
di Nirmala Carvalho

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate