05 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 16/11/2004, 00.00

    IRAQ

    Assassinata a Baghdad la volontaria Margaret Hassan



    Il marito chiede la restituzione del cadavere.

    Baghdad (AsiaNews) – Margaret Hassan è stata uccisa. Lo afferma il marito della vittima Tahseen Ali Hassan, che parla di un video in cui viene mostrata l'esecuzione della donna. In una dichiarazione congiunta i familiari "accettano la morte della donna" e aggiungono che i loro cuori "sono spezzati dal dolore". "Quelli che l'hanno presa, cosa hanno ottenuto? - ha detto Tahsin Hassan, visibilmente sconvolto - Ho bisogno di riaverla, per farla riposare in pace. Margaret ha dedicato tutta la sua vita al popolo iracheno. Per favore, chi l'ha presa può chiamarmi, fatemi sapere come posso riaverla".

    Margaret Hassan, attivista dell'organizzazione umanitaria "Care international" era stata rapita il 19 ottobre scorso. All'indomani del rapimento il marito aveva lanciato un appello sulla tv araba Al-Jazeera, chiedendo il rilascio della donna che si trovava in Iraq solo per motivi umanitari. "Care international" è presente in Iraq fin dalla Guerra del Golfo del 1991, dove presta interventi di emergenza, aiuto sanitario e per la potabilizzazione dell'acqua. Al momento del rapimento di Margaret, irlandese e sposata con un iracheno da oltre 30 anni, erano una trentina gli operatori (tutti iracheni) che lavoravano per portare aiuto al paese; da quel momento l'organizzazione umanitaria ha sospeso ogni attività in Iraq.

    Fin dai primi giorni una buona parte del mondo islamico si è schierata a favore della volontaria rapita. "Mia moglie è benvoluta da tutti", ha detto Hassan nei giorni seguenti il sequestro, mettendo in rilievo che l'organizzazione umanitaria per la quale lavora "da 30 anni aiuta il popolo iracheno".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/09/2008 IRAQ
    Nuove violenze a Mosul, rapiti e uccisi due cristiani
    Si conclude in maniera tragico il sequestro di due cristiani, per la cui libertà una delle famiglie aveva già pagato un riscatto di 20mila dollari. La comunità di Mosul auspica che i musulmani condannino “con fermezza” gli omicidi.

    14/07/2008 PAKISTAN
    Punjab: sorelle minorenni cristiane sequestrate e costrette a sposare due musulmani
    Lo zio delle vittime lancia un appello perché venga fatta giustizia. Egli denuncia un clima di omertà e di connivenza del governo provinciale e delle forze di polizia, che temono ritorsioni o episodi di violenza. Il sostegno delle associazioni cattoliche, che si battono per il ritorno a casa delle ragazze.

    16/07/2008 IRAQ
    Essere donna, giornalista e cristiana nella Baghdad che torna a vivere
    Sotto la pressione dei fondamentalisti islamici che le spingono a convertirsi, coi rischi aggiuntivi della professione giornalistica, in esilio da un Paese all’altro: il calvario di due donne irakene dalla caduta di Saddam ai giorni nostri.

    18/11/2004 IRAQ – AUSTRALIA
    Premier australiano: "Il cadavere mutilato è di Margaret Hassan"

    Il card. Murphy-O'Connor esprime il proprio cordoglio alla famiglia e definisce Margaret Hassan una "martire" per la bontà.



    20/10/2004 NEPAL
    Centinaia di persone rapite nell'indifferenza delle autorità

    Commissione asiatica per i diritti umani: il bilancio totale è di 1430 persone scomparse, ma le cifre reali potrebbero essere 7 volte superiori.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®