5 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/11/2004
IRAQ
Assassinata a Baghdad la volontaria Margaret Hassan

Il marito chiede la restituzione del cadavere.



Baghdad (AsiaNews) – Margaret Hassan è stata uccisa. Lo afferma il marito della vittima Tahseen Ali Hassan, che parla di un video in cui viene mostrata l'esecuzione della donna. In una dichiarazione congiunta i familiari "accettano la morte della donna" e aggiungono che i loro cuori "sono spezzati dal dolore". "Quelli che l'hanno presa, cosa hanno ottenuto? - ha detto Tahsin Hassan, visibilmente sconvolto - Ho bisogno di riaverla, per farla riposare in pace. Margaret ha dedicato tutta la sua vita al popolo iracheno. Per favore, chi l'ha presa può chiamarmi, fatemi sapere come posso riaverla".

Margaret Hassan, attivista dell'organizzazione umanitaria "Care international" era stata rapita il 19 ottobre scorso. All'indomani del rapimento il marito aveva lanciato un appello sulla tv araba Al-Jazeera, chiedendo il rilascio della donna che si trovava in Iraq solo per motivi umanitari. "Care international" è presente in Iraq fin dalla Guerra del Golfo del 1991, dove presta interventi di emergenza, aiuto sanitario e per la potabilizzazione dell'acqua. Al momento del rapimento di Margaret, irlandese e sposata con un iracheno da oltre 30 anni, erano una trentina gli operatori (tutti iracheni) che lavoravano per portare aiuto al paese; da quel momento l'organizzazione umanitaria ha sospeso ogni attività in Iraq.

Fin dai primi giorni una buona parte del mondo islamico si è schierata a favore della volontaria rapita. "Mia moglie è benvoluta da tutti", ha detto Hassan nei giorni seguenti il sequestro, mettendo in rilievo che l'organizzazione umanitaria per la quale lavora "da 30 anni aiuta il popolo iracheno".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/09/2008 IRAQ
Nuove violenze a Mosul, rapiti e uccisi due cristiani
14/07/2008 PAKISTAN
Punjab: sorelle minorenni cristiane sequestrate e costrette a sposare due musulmani
di Qaiser Felix
16/07/2008 IRAQ
Essere donna, giornalista e cristiana nella Baghdad che torna a vivere
di Layla Yousif Rahema
18/11/2004 IRAQ – AUSTRALIA
Premier australiano: "Il cadavere mutilato è di Margaret Hassan"
20/10/2004 NEPAL
Centinaia di persone rapite nell'indifferenza delle autorità

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate