5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/03/2011
PAKISTAN
Assassinio Bhatti: attivisti pakistani, vogliono insabbiare la verità
di Jibran Khan
I leader cristiani denunciano lacune nelle indagini sulla morte del ministro per le Minoranze. Troppi depistaggi e manca la volontà politica di punire i responsabili. Il neo presidente AMPA Paul Bhatti chiede una Commissione parlamentare di inchiesta. Come Shahbaz, "continueremo la missione fino all'ultima goccia di sangue".

Islamabad (AsiaNews) - Un gruppo di attivisti cristiani denuncia le lacune nelle indagini sull'omicidio di Shahbaz Bhatti, ministro cattolico per le Minoranze assassinato il 2 marzo scorso per la sua battaglia contro le leggi sulla blasfemia. Esponenti della All Pakistan Minority Alliance (APMA) lamentano tentativi di depistaggio e la mancanza di una reale volontà politica di catturare e punire i responsabili, probabilmente legati all'ala fondamentalista islamica del Paese che tiene in ostaggio il governo di Islamabad. Tuttavia i leader cristiani promettono battaglia e assicurano: "continueremo la missione di Shahbaz Bhatti fino all'ultima goccia del nostro sangue".
 
Paul Bhatti, neo eletto presidente di AMPA, manifesta disappunto per gli scarsi risultati emersi sinora dalle indagini sulla morte di Shahbaz Bhatti e invoca la creazione di una Commissione parlamentare di inchiesta. Al momento è stato fermato solo un sospetto che, nonostante i proclami del ministero degli Interni, avrebbe avuto per la polizia un ruolo secondario. In una conferenza tenuta al Circolo della stampa di Islamabad, il leader AMPA denuncia depistaggi del partito di governo - il Partito popolare pakistano (PPP) - e la mancata scorta per il ministro cattolico "martire" della fede. "Il ministero degli Interni - continua Paul Bhatti - annuncia una svolta a breve [...] ma sono solo false speranze, sotto forma di comunicati in base ai quali i colpevoli saranno presto consegnati alla giustizia".
 
Pervaiz Rafique, membro dell'assemblea provinciale del Punjab, promette che "continueremo la missione di Shahbaz Bhatti fino all'ultima goccia del nostro sangue", anche se governo e autorità non garantiscono il rispetto della legge nel Paese. Egli ricorda la morte del governatore Salman Taseer, il cui assassino ha confessato il delitto, ma le autorità non l'hanno incriminato per le pressioni esercitate dai fondamentalisti islamici.
 
Leader cristiani e attivisti per i diritti umani, uniti in una delegazione, hanno incontrato il capo della polizia di Islamabad per chiedere maggiori informazioni sulle indagini. Tuttavia non hanno ricevuto risposte ritenute "soddisfacenti". Intanto a Kot Addu, nel Punjab, continuano le vessazioni dei latifondisti musulmani - sostenuti dai funzionari locali - contro la comunità cristiana. Dopo la profanazione dei cimiteri, i piccoli capi mafia intendono spossessare i cristiani delle loro terre, grazie anche all'influenza esercitata da potenti parlamentari della zona. I funzionari locali negano episodi di violenze e abusi, mentre gruppi cattolici - fra cui la Commissione nazionale di Giustizia e pace (NCJP) - si sono attivati a tutela dei diritti dei cristiani.  

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/03/2011 PAKISTAN
Punjab, in 300 ai funerali del cristiano "blasfemo" morto in carcere. Preghiere per Bhatti
di Jibran Khan
31/03/2011 PAKISTAN
Ministro pakistano all’Interpol e al Papa: punite il rogo del Corano in Florida
di Jibran Khan
30/03/2011 PAKISTAN
Shahbaz Batthi ucciso da una “mafia” di fondamentalisti che tengono in ostaggio il governo
di Fareed Khan
17/03/2011 PAKISTAN
Cristiano "blasfemo" sarebbe morto di infarto. I parenti: avvelenamento
di Jibran Khan
15/03/2011 PAKISTAN
Karachi: muore cristiano in carcere per blasfemia. Attivisti: circostanze sospette
di Jibran Khan

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate