29 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  •    - Kazakistan
  •    - Kyrgyzstan
  •    - Tagikistan
  •    - Turkmenistan
  •    - Uzbekistan
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/09/2006, 00.00

    KAZAKHSTAN

    Astana, in preparazione una roadmap interreligiosa per fermare il fondamentalismo

    Joseph Masilamany

    Ultimo giorno di lavoro per il secondo Congresso dei leader delle religioni mondiali che si svolge nella capitale kazaka. Il patriarca ecumenico Bartolomeo invita ad insegnare il valore del rispetto e della riconciliazione in ogni luogo di culto.

    Astana (AsiaNews) – Una "roadmap" costruita dai leader delle maggiori religioni mondiali che possa promuovere la sicurezza internazionale e fermare il fondamentalismo e le violenze interreligiose che ne derivano.

    E' questo l'obiettivo previsto per l'ultimo giorno dei lavori del secondo Congresso dei leader delle religioni mondiali che ha come scopo la promozione dell'armonia e del dialogo interreligioso.

    Il patriarca ecumenico ortodosso Bartolomeo I ha sottolineato nel corso del suo intervento che "la guerra fra le religioni fa emergere il lato peggiore di ognuno di noi".

    "Il fanatismo religioso – ha aggiunto - è uno degli aspetti più spinosi del problema ed è su questo punto che i nostri sforzi devono convergere, se vogliamo che il mondo cambi in meglio".

    Il patriarca ha poi chiesto alle 43 delegazioni presenti – in rappresentanza delle comunità cristiane, musulmane, ebraiche, buddiste, taoiste, scintoiste ed indù – di "insegnare il valore del rispetto e della riconciliazione in ogni sinagoga, moschea chiesa e tempio del mondo".

    I rappresentanti religiosi hanno voluto inoltre sottolineare il ruolo dell'educazione dei giovani, base della tolleranza e contributo fondamentale per la sicurezza globale.

    Koichiro Matsuura, direttore generale dell'Organizzazione educativa, scientifica e culturale delle Nazioni Unite, ha poi lodato il Kazakhstan – la nazione ospitante – e l'ha definita "modello di coesistenza pacifica".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/09/2006 KAZAKHSTAN
    Astana, dichiarazione interreligiosa: "Eliminiamo i pregiudizi per fermare il terrorismo"

    I leader religiosi, a conclusione del secondo Congresso interreligioso, si impegnano a promuovere nelle comunità d'appartenenza i valori che le fedi hanno in comune, non quelli che le dividono.



    12/09/2006 KAZAKHSTAN
    Astana, si è aperto il secondo Congresso dei leader religiosi mondiali

    All'incontro partecipano il card. Etchegaray, il patriarca ecumenico Bartolomeo ed il segretario generale della Lega musulmana mondiale. Fra i temi in agenda, la promozione del dialogo e la libertà religiosa nel mondo.



    21/03/2008 PAKISTAN
    Faisalabad, cristiani e musulmani insieme contro la violenza
    In occasione del compleanno di Maometto, che cade in piena Settimana Santa, la Commissione diocesana per il dialogo interreligioso di Faisalabad ed il Consiglio degli ulema si incontrano per condannare la violenza in nome della religione.

    07/09/2005 PAKISTAN - ISRAELE
    Arcivescovo di Lahore: "Ottimo l'incontro fra Pakistan ed Israele"


    18/05/2005 PAKISTAN
    Pakistan: poeti musulmani e cristiani lodano gli sforzi di pace di Giovanni Paolo II
    Gli intellettuali musulmani ricordano anche Madre Teresa ed Abdul Sittar Edhi, celebre attivista umanitario.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®