28 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  •    - Kazakistan
  •    - Kyrgyzstan
  •    - Tagikistan
  •    - Turkmenistan
  •    - Uzbekistan
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/09/2006, 00.00

    KAZAKHSTAN

    Astana, si è aperto il secondo Congresso dei leader religiosi mondiali

    Joseph Masilamany

    All'incontro partecipano il card. Etchegaray, il patriarca ecumenico Bartolomeo ed il segretario generale della Lega musulmana mondiale. Fra i temi in agenda, la promozione del dialogo e la libertà religiosa nel mondo.

    Astana (AsiaNews) – Si è aperto ieri, mentre il mondo ricordava la tragedia dell'11 settembre che per alcuni ha aperto uno scontro di civiltà, il secondo Congresso dei leader delle religioni mondiali che ha come scopo la promozione dell'armonia e del dialogo interreligioso.

    L'incontro si è aperto nel Palazzo presidenziale della capitale del Kazakhstan: sono presenti circa 60 fra capi religiosi ed oratori. Il Congresso, che si svolge nel Palazzo della pace e dell'accordo, si chiuderà domani.

    Fra i partecipanti vi sono: il card. Roger Etchegaray, presidente emerito del pontificio Consiglio Giustizia e pace; il patriarca ecumenico Bartolomeo; il segretario generale della Lega musulmana mondiale, Abdullah Abdulmohsin Al-Turki ed il rabbino capo di Israele Shloma Amar oltre a rappresentanti del mondo buddista, indù e taoista.

    Sono previsti diversi argomenti di discussione, fra cui "le sfide che si pongono davanti alla comunità internazionale come il terrorismo ed il conflitto fra le religioni", ma gli interventi più attesi sono quelli sulla libertà religiosa nel mondo ed il ruolo delle religioni nell'aiutare la sicurezza internazionale.

    Fra i primi a parlare oggi, l'ex primo ministro della Malaysia, Mahathir Mohammad, che ha detto: "La religione non può essere relegata negli sprofondi dell'animo umano: essa ha un ruolo importante nella vita dei singoli, delle famiglie, delle nazioni e del mondo intero. Quello che si svolge qui è un incontro che ha grande importanza, soprattutto nell'ottica della preoccupazione della comunità internazionale riguardo agli scontri interreligiosi".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/09/2006 KAZAKHSTAN
    Astana, dichiarazione interreligiosa: "Eliminiamo i pregiudizi per fermare il terrorismo"

    I leader religiosi, a conclusione del secondo Congresso interreligioso, si impegnano a promuovere nelle comunità d'appartenenza i valori che le fedi hanno in comune, non quelli che le dividono.



    13/09/2006 KAZAKHSTAN
    Astana, in preparazione una roadmap interreligiosa per fermare il fondamentalismo

    Ultimo giorno di lavoro per il secondo Congresso dei leader delle religioni mondiali che si svolge nella capitale kazaka. Il patriarca ecumenico Bartolomeo invita ad insegnare il valore del rispetto e della riconciliazione in ogni luogo di culto.



    21/03/2008 PAKISTAN
    Faisalabad, cristiani e musulmani insieme contro la violenza
    In occasione del compleanno di Maometto, che cade in piena Settimana Santa, la Commissione diocesana per il dialogo interreligioso di Faisalabad ed il Consiglio degli ulema si incontrano per condannare la violenza in nome della religione.

    07/09/2005 PAKISTAN - ISRAELE
    Arcivescovo di Lahore: "Ottimo l'incontro fra Pakistan ed Israele"


    18/05/2005 PAKISTAN
    Pakistan: poeti musulmani e cristiani lodano gli sforzi di pace di Giovanni Paolo II
    Gli intellettuali musulmani ricordano anche Madre Teresa ed Abdul Sittar Edhi, celebre attivista umanitario.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®