28 Gennaio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 12/09/2006
KAZAKHSTAN
Astana, si è aperto il secondo Congresso dei leader religiosi mondiali
di Joseph Masilamany

All'incontro partecipano il card. Etchegaray, il patriarca ecumenico Bartolomeo ed il segretario generale della Lega musulmana mondiale. Fra i temi in agenda, la promozione del dialogo e la libertà religiosa nel mondo.



Astana (AsiaNews) – Si è aperto ieri, mentre il mondo ricordava la tragedia dell'11 settembre che per alcuni ha aperto uno scontro di civiltà, il secondo Congresso dei leader delle religioni mondiali che ha come scopo la promozione dell'armonia e del dialogo interreligioso.

L'incontro si è aperto nel Palazzo presidenziale della capitale del Kazakhstan: sono presenti circa 60 fra capi religiosi ed oratori. Il Congresso, che si svolge nel Palazzo della pace e dell'accordo, si chiuderà domani.

Fra i partecipanti vi sono: il card. Roger Etchegaray, presidente emerito del pontificio Consiglio Giustizia e pace; il patriarca ecumenico Bartolomeo; il segretario generale della Lega musulmana mondiale, Abdullah Abdulmohsin Al-Turki ed il rabbino capo di Israele Shloma Amar oltre a rappresentanti del mondo buddista, indù e taoista.

Sono previsti diversi argomenti di discussione, fra cui "le sfide che si pongono davanti alla comunità internazionale come il terrorismo ed il conflitto fra le religioni", ma gli interventi più attesi sono quelli sulla libertà religiosa nel mondo ed il ruolo delle religioni nell'aiutare la sicurezza internazionale.

Fra i primi a parlare oggi, l'ex primo ministro della Malaysia, Mahathir Mohammad, che ha detto: "La religione non può essere relegata negli sprofondi dell'animo umano: essa ha un ruolo importante nella vita dei singoli, delle famiglie, delle nazioni e del mondo intero. Quello che si svolge qui è un incontro che ha grande importanza, soprattutto nell'ottica della preoccupazione della comunità internazionale riguardo agli scontri interreligiosi".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/09/2006 KAZAKHSTAN
Astana, dichiarazione interreligiosa: "Eliminiamo i pregiudizi per fermare il terrorismo"
di Joseph Masilamany
13/09/2006 KAZAKHSTAN
Astana, in preparazione una roadmap interreligiosa per fermare il fondamentalismo
di Joseph Masilamany
21/03/2008 PAKISTAN
Faisalabad, cristiani e musulmani insieme contro la violenza
di Qaiser Felix
07/09/2005 PAKISTAN - ISRAELE
Arcivescovo di Lahore: "Ottimo l'incontro fra Pakistan ed Israele"
di Qaiser Felix
18/05/2005 PAKISTAN
Pakistan: poeti musulmani e cristiani lodano gli sforzi di pace di Giovanni Paolo II

In evidenza
IRAQ
I bambini di Mosul e il futuro: il campo profughi "a cinque stelle"
di Bernardo CervelleraNel giardino della parrocchia di Mar Elia accanto alle tende ci sono container che servono da aule per i ragazzi e da biblioteca. Un altro serve da stanza per il ricamo. Un coro di bambini. P. Douglas: "preoccuparsi dei profughi non significa solo pensare al mangiare, al bere, alle medicine, le iniezioni, le vaccinazioni... Le persone rifugiate hanno bisogno di fare qualcosa e di coltivare la speranza".
IRAQ
Via Crucis: i profughi di Mosul oltre l'emergenza
di Bernardo CervelleraSono almeno mezzo milione le persone che si sono rifugiate in Kurdistan per sfuggire all'ISIS. Nello Shlama Mall a Erbil: 350 persone vivono nello scheletro di un edificio in costruzione, con panni stesi e coperte a fare da pareti. L'ordinazione sacerdotale di un giovane, anch'egli profugo dimostra che con la fuga, c'è qualcosa che non è stato distrutto: la fede, le tradizioni, il sacerdozio.
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate