22 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/09/2006, 00.00

    KAZAKHSTAN

    Astana, si è aperto il secondo Congresso dei leader religiosi mondiali

    Joseph Masilamany

    All'incontro partecipano il card. Etchegaray, il patriarca ecumenico Bartolomeo ed il segretario generale della Lega musulmana mondiale. Fra i temi in agenda, la promozione del dialogo e la libertà religiosa nel mondo.

    Astana (AsiaNews) – Si è aperto ieri, mentre il mondo ricordava la tragedia dell'11 settembre che per alcuni ha aperto uno scontro di civiltà, il secondo Congresso dei leader delle religioni mondiali che ha come scopo la promozione dell'armonia e del dialogo interreligioso.

    L'incontro si è aperto nel Palazzo presidenziale della capitale del Kazakhstan: sono presenti circa 60 fra capi religiosi ed oratori. Il Congresso, che si svolge nel Palazzo della pace e dell'accordo, si chiuderà domani.

    Fra i partecipanti vi sono: il card. Roger Etchegaray, presidente emerito del pontificio Consiglio Giustizia e pace; il patriarca ecumenico Bartolomeo; il segretario generale della Lega musulmana mondiale, Abdullah Abdulmohsin Al-Turki ed il rabbino capo di Israele Shloma Amar oltre a rappresentanti del mondo buddista, indù e taoista.

    Sono previsti diversi argomenti di discussione, fra cui "le sfide che si pongono davanti alla comunità internazionale come il terrorismo ed il conflitto fra le religioni", ma gli interventi più attesi sono quelli sulla libertà religiosa nel mondo ed il ruolo delle religioni nell'aiutare la sicurezza internazionale.

    Fra i primi a parlare oggi, l'ex primo ministro della Malaysia, Mahathir Mohammad, che ha detto: "La religione non può essere relegata negli sprofondi dell'animo umano: essa ha un ruolo importante nella vita dei singoli, delle famiglie, delle nazioni e del mondo intero. Quello che si svolge qui è un incontro che ha grande importanza, soprattutto nell'ottica della preoccupazione della comunità internazionale riguardo agli scontri interreligiosi".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/09/2006 KAZAKHSTAN
    Astana, dichiarazione interreligiosa: "Eliminiamo i pregiudizi per fermare il terrorismo"

    I leader religiosi, a conclusione del secondo Congresso interreligioso, si impegnano a promuovere nelle comunità d'appartenenza i valori che le fedi hanno in comune, non quelli che le dividono.



    13/09/2006 KAZAKHSTAN
    Astana, in preparazione una roadmap interreligiosa per fermare il fondamentalismo

    Ultimo giorno di lavoro per il secondo Congresso dei leader delle religioni mondiali che si svolge nella capitale kazaka. Il patriarca ecumenico Bartolomeo invita ad insegnare il valore del rispetto e della riconciliazione in ogni luogo di culto.



    21/03/2008 PAKISTAN
    Faisalabad, cristiani e musulmani insieme contro la violenza
    In occasione del compleanno di Maometto, che cade in piena Settimana Santa, la Commissione diocesana per il dialogo interreligioso di Faisalabad ed il Consiglio degli ulema si incontrano per condannare la violenza in nome della religione.

    20/06/2017 11:38:00 KAZAKHSTAN
    Stretta di Astana contro l’estremismo nelle religioni

    Condanne a musulmani e Testimoni di Geova per “incitamento all’odio religioso”. I processi vengono condotti spesso in segreto. Annunciato un nuovo programma di teologia all’interno delle prigioni per evitare la radicalizzazione dei detenuti.



    07/09/2005 PAKISTAN - ISRAELE
    Arcivescovo di Lahore: "Ottimo l'incontro fra Pakistan ed Israele"




    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®