18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 12/10/2009, 00.00

    CINA

    Attivista detenuto per ore: scritta “anti-rivoluzionaria” sulla maglietta



    La scritta ritenuta “pericolosa” criticava “la dittatura del partito unico” ed era di Liu Xiaoqi. La campagna contro gli slogan sulle magliette dura dalle Olimpiadi dello scorso anno. Vittime anche alcuni membri di Carta 08.

    Guangzhou (AsiaNews/Scmp) – La polizia di Guangzhou ha bloccato e interrogato per ore un avvocato attivista dei diritti umani perché la sua maglietta portava slogan considerati “pericolosi per l’ordine pubblico”. Alla fine la polizia gli ha tagliato a pezzi la T-shirt e gliene ha data una bianca, senza alcuna scritta. La scritta “pericolosa” è la seguente: “La dittatura del partito unico è un disastro”.

    Secondo quanto afferma il South China Morning Post, ieri pomeriggio Liu Shihui, avvocato che ha spesso difeso attivisti per i diritti umani, stava facendo una passeggiata sulla montagna di Baiyun portando la maglietta incriminata. La pubblica sicurezza lo ha preso per il collo e lo ha interrogato per più di quattro ore per le scritte della maglietta. Liu si è difeso dicendo che la scritta “La dittatura del partito unico è un disastro”, riportata sul petto, è la citazione di un editoriale della Xinhua, pubblicato negli anni ’40; quella sulle spalle (“Il Partito comunista è contro la dittatura del partito unico del Kuomintang, e il Pc non attuerà mai una dittatura del partito unico”) è invece tratta da un discorso del presidente Liu Xiaoqi.

    Per la polizia le due scritte “disturbano l’ordine pubblico” e “ingannano il pubblico”. Per questo gli hanno tolto la maglietta e gliela hanno tagliata a pezzi, regalandogli una maglietta bianca, senza alcuna scritta.

    Questa è la seconda volta che Liu Shihui ha problemi con quanto indossa. A metà maggio, qualche settimana prima dell’anniversario di Tiananmen, la polizia lo ha fermato perché indossava una maglietta con gli stessi slogan.

    Negli ultimi mesi la campagna contro le magliette si è intensificata: diversi aderenti a Carta 08 sono stati fermati perché avevano slogan “provocatori”. Carta 08 è il proclama a favore dei diritti umani in Cina, sottoscritto da migliaia di intellettuali, membri del partito e persone del popolo. Lo scorso anno alle Olimpiadi era vietato a cinesi e ospiti stranieri indossare magliette con qualunque tipo di slogan, soprattutto quelli a favore del Tibet.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/01/2010 CINA
    Il processo a Liu Xiaobo, ovvero la morte della giustizia
    La leader delle “Madri di Tiananmen”, una fra i primi firmatari di Carta 08, attacca il governo cinese: “Con la sentenza contro il dissidente, è iniziato il crollo morale del regime comunista. E si tratta di un processo irreversibile”. Fino a che Liu rimarrà in galera “nessuno avrà un giorno di pace”.

    07/01/2010 UE - CINA
    Vaclav Havel scrive a Hu Jintao: “Libera Liu Xiaobo”
    L’ex presidente ceco – estensore di Charta ’77 - si è presentato insieme ad altre due figure della dissidenza di Praga davanti all’ambasciata cinese per chiedere il rispetto dei diritti umani in Cina e un giusto processo di appello per l’autore di Carta 08.

    09/11/2010 CINA
    A un mese dal Nobel a Liu Xiaobo, nuovi arresti fra i dissidenti cinesi
    Pechino “festeggia” la ricorrenza arrestando altri membri della dissidenza. Fermato alla dogana Mo Shaoping, che ha difeso in tribunale quasi tutte le personalità contrarie al regime.

    08/01/2009 CINA
    Oltre 100 firmatari di Carta 08 interrogati o bloccati dalla polizia cinese
    La polizia minaccia di accusare i sostenitori di “cospirazione per far cadere il governo”. I servizi internet di Google, Yahoo e Baidu censurano il documento, ma la diffusione c’è. I firmatari sono arrivati a 7300.

    09/12/2009 CINA
    A un anno dall’arresto, sotto accusa l’autore di Carta 08
    Liu Xiaobo, dissidente ed ex professore, è stato arrestato con l’accusa di incitamento alla sovversione dopo la pubblicazione di Carta 08, il documento che chiede alla Cina democrazia, libertà religiosa e diritti umani per salvare lo stesso progresso economico.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®