21 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/10/2017, 10.33

    PAKISTAN

    Attivisti: sdegno per il genero di Nawaz Sharif che ha chiesto discriminazioni per gli ahmadi

    Shafique Khokhar

    Il Rwadari Tehreek Movement chiede azioni immediate contro Muhammad Safdar. Il discorso “incitava alla violenza nei confronti delle minoranze, contro la visione del fondatore del Pakistan Muhammad Ali Jinnah”.

    Lahore (AsiaNews) –Preoccupazione e sdegno per il discorso del genero dell’ex premier Nawaz Sharif, che di fronte all’Assemblea nazionale pakistana ha proposto il boicottaggio sociale degli ahmadi[1]. È quanto esprimono gli attivisti del Rwadari Tehreek Movement (movimento per la tolleranza), gruppo sociale che promuove l’armonia religiosa e sociale.

    In una conferenza stampa al Press club di Lahore, essi hanno condannato il discorso dell’odio pronunciato da Muhammad Safdar, membro del partito di governo, capitano in pensione e marito di Maryam Nawaz, figlia prediletta di Sharif. Hanno anche chiesto che il governo intervenga a prevenire simili casi in futuro.

    La conferenza si è svolta il 17 ottobre, alla presenza di Samson Salamat, presidente del Rwadari Tehreek, e di diversi pastori protestanti. Salamat ha affermato: “Il discorso del parlamentare era profondamente discriminatorio e incitava alla violenza nei confronti delle minoranze, contro la visione del fondatore del Pakistan, Muhammad Ali Jinnah. Egli, durante il primo discorso alla nazione, ha detto che ‘Siamo tutti cittadini e siamo uguali’”. Secondo l’attivista, il discorso “ha alimentato l’intolleranza e aumentato il senso di paura e di terrore tra i cittadini che appartengono a minoranze religiose, in passato già vittime di discriminazione”.

    Abdullah Malik, presidente del Civil Society Network, ha sottolineato che “le minoranze religiose hanno svolto un ruolo vitale nello sviluppo socio-economico del Paese, fin dalla sua nascita. È davvero triste che esse siano considerate cittadini di classe inferiore”. “È penoso – continua – il fatto che ad un membro del Parlamento venga concessa la possibilità di esprimere certe opinioni così scorrette e non venga adottata nessuna azione. È spiacevole che nessun altro parlamentare abbia condannato il collega”. Poi propone in conclusione: “Il Pakistan deve approvare un piano di de-radicalizzazione, che includa il divieto di pronunciare discorsi d’odio, l’eliminazione del materiale offensivo dal curriculum scolastico, il bando di tutti i gruppi terroristici, dei loro finanziatori, sostenitori e fiancheggiatori, e la demilitarizzazione della politica”.

     

     

     


    [1] Gli ahmadi (circa il 2% della popolazione pakistana) sono un movimento religioso ispirato all’islam sorto alla fine dell’800, il cui fondatore, Mirza Ghulam Ahmad, si riteneva un profeta apparso dopo Maometto. L’islam sunnita boccia il gruppo come eretico. Nel Pakistan dell’indipendenza gli ahmadi hanno dato un grande contributo politico e culturale. Il primo ministro degli esteri, Muhammad Zafarullah Khan, era ahmadi e lo stesso per il primo premio Nobel pakistano, il fisico Abdus Salam.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/10/2017 14:17:00 PAKISTAN
    Deputato propone discriminazioni per gli ahmadi. Attivisti esigono le scuse

    Safdar è un capitano in pensione e genero dell’ex premier Nawaz Sharif. Si è scagliato contro i fedeli ahmadi, già oggetto di persecuzione in Pakistan. Musulmano: “Verrà lanciata una petizione online”.



    16/10/2017 11:51:00 PAKISTAN
    Punjab, tre ahmadi condannati a morte per blasfemia

    I presunti colpevoli sono Mubasher Ahmad, Ghulam Ahmed e Ehsan Ahmed. Portavoce degli ahmadi: “La condanna è ingiusta”. La scorsa settimana il genero dell’ex premier Sharif aveva invitato al boicottaggio sociale della minoranza “eretica”.



    23/11/2017 11:40:00 PAKISTAN
    Islamabad, minoranze religiose sempre meno rappresentate

    È discriminazione contro le comunità che già vivono nella paura. Il numero dei seggi nelle assemblee nazionali e provinciali sono aumentati, ma non la quota per le minoranze. La denunicia di attivisti e politici. Vescovi cattolici: l’attuale sistema elettorale non rappresenta le comunità. Parlamentare: indifferenza anche dai nostri compagni di partito.



    27/09/2004 VIETNAM
    Il Vietnam non accetta le critiche Usa alla libertà religiosa

    Cristiani protestanti contro l'approvazione di una legge che giustifica la discriminazione religiosa



    01/06/2010 PAKISTAN
    Giustizia e Pace: “Dura condanna per gli attacchi agli ahmadi”
    La Commissione episcopale chiede al governo pakistano di eliminare una volta per tutte le leggi e le politiche discriminatorie, che fomentano l’odio interreligioso. Nel frattempo, ancora sangue a Lahore: un commando entra nell’ospedale dove sono ricoverate le vittime dell’attacco alle moschee e apre il fuoco.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®