5 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/07/2008
CINA
Attivisti cinesi a Bush e Sarkozy: anche andando ai Giochi non dimenticateci
Lettera aperta a Bush e Sarkozy, perché la partecipazione alla cerimonia di apertura dei Giochi non serva solo a onorare i leader cinesi. Chiesti gesti concreti contro le violazioni dei diritti. Intanto continuano le uccisioni e le condanne di uighuri e tibetani.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Una lettera aperta dei cittadini cinesi ai leader occidentali che parteciperanno alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi, l’8 agosto a Pechino. Il gruppo per i diritti Chinese Human Rigths Defenders indirizza la lettera al presidente Usa George W. Bush e a quello francese Nicolas Sarkozy, perché la loro presenza non sia usata dai leader cinesi per legittimare il loro operato. Invitandoli a compiere gesti concreti per ricordare le molte violazioni dei diritti.

Ieri Sarkozy ha detto che tutti i 27 Paesi dell’Unione europea approvano la sua presenza a Pechino e che sarebbe “sbagliato” voler “umiliare” la Cina. A lui e a Bush la lettera ricorda che  “il governo cinese non ha mantenuto le promesse fatte al Comitato olimpico internazionale, quando ha chiesto l’assegnazione dei Giochi, di migliorare il rispetto dei diritti umani in Cina”. E chiede ai leader di Paesi democratici di “dichiarare in modo chiaro e pubblico cosa pensano della persecuzione contro i diritti… [attuata] dal governo cinese”, ricordando che le loro azioni a Pechino “avranno grande influenza sul futuro della Cina”.

La lettera – firmata da un gran numero di cittadini, non resi noti per paura di rappresaglie - elenca alcuni misfatti recenti: la cacciata coatta della gente dalle abitazioni per realizzare le opere olimpiche, la mancanza di tutela per i lavoratori migranti, le persecuzioni contro attivisti per i diritti e dissidenti, la mancanza di libertà di espressione e riunione, la censura sui media, le persecuzioni per ragioni religiose.

Ai leader occidentali che andranno a Pechino è chiesto: di visitare i dissidenti arrestati e chiederne la liberazione; di partecipare a servizi religiosi di chiese non ufficiali per evidenziare il problema della libertà religiosa; di esprimere solidarietà ai genitori che chiedono giustizia per i figli morti nel terremoto del Sichuan; di ricordare la questione di tibetani, uighuri e altre minoranze etniche.

Il 9 luglio scorso la polizia ha ucciso 5 uighuri ritenuti terroristi. Nel 2008 ha arrestato nello Xinjiang 82 persone sospettate di terrorismo e di “cospirare per sabotare le Olimpiadi”. Ma il Centro di informazione del Turkestan orientale, composto da uighuri in esilio, ricorda come “nessun avvocato osi anche solo parlare” con gli arrestati e teme “che siano torturati per estorcere confessioni”.

Ieri la  Xinhua ha comunicato che finora 42 tibetani sono stati condannati per le proteste di piazza dello scorso marzo, mentre altri 116 sono sotto processo e almeno 953 sono ancora in carcere. Rischiano anche la pena di morte.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/08/2008 CINA
Olimpiadi: arrestato un intero villaggio che protesta contro l’inquinamento
05/08/2008 CINA
Due reporter giapponesi arrestati e percossi: “indagavano” sull’attentato nello Xinjiang
09/08/2007 CINA
Pechino teme più lo smog che le critiche sui diritti umani
30/07/2008 CINA
Il Comitato Olimpico internazionale si scusa: abbiamo “ingannato” la stampa
12/12/2007 CINA - TIBET
No del Comitato olimpico alla richiesta dei tibetani di partecipare a Pechino 2008
di Nirmala Carvalho
Articoli del dossier
CINA
La Cina era davvero pronta ad ospitare le Olimpiadi?
CINA
Pechino, il “flop” olimpico nel settore dell’ospitalità
CINA
Il duro autunno economico del “dopo-Olimpiadi”
CINA
Cattolici sotterranei sfidano il divieto della polizia e celebrano la messa con il loro vescovo
CINA
Pechino, la libertà religiosa secondo le Olimpiadi
CINA
Molte critiche e lacrime per il ritiro di Liu Xiang, il campione più atteso e amato
HONG KONG - CINA
Mons. Tong di Hong Kong, a Pechino per i Giochi, senza incontrare il vescovo della città
INDIA - TIBET - CINA
“Prego per il successo dei Giochi” e per il sogno di un mondo più giusto
CINA
I leader mondiali accolti a Pechino. Silenzio su minacce terroriste e diritti umani
CINA
Olimpiadi: arrestato un intero villaggio che protesta contro l’inquinamento
CINA
Il titano olimpionico cinese guarda al cielo e teme la pioggia
INDIA - TIBET - CINA
Proteste non-stop dei tibetani, ma il Dalai Lama manda auguri alle Olimpiadi
CINA
Striscione “Tibet libero” innalzato a Pechino: arrestati quattro turisti stranieri
VATICANO-CINA
Papa: la Cina si apra al Vangelo
CINA
La torcia olimpica a Pechino, fra misure di sicurezza ed espropri
VATICANO - CINA
Benedetto XVI e gli auguri a Pechino e alle Olimpiadi
VATICANO
Papa: l’augurio ai Giochi di Pechino; un ricordo di Paolo VI
TIBET - INDIA - CINA
Cercasi atleti olimpionici che a Pechino ricordino il Tibet
CINA
La Cina che dice “no” alle Olimpiadi
CINA
Pechino è pronta per le Olimpiadi del sospetto e del silenzio
CINA
A Qingdao le Olimpiadi di vela minacciate da un'invasione di alghe
CINA
Per le Olimpiadi è proibito protestare o parlare con giornalisti esteri
TIBET - CINA
Il Tibet riaperto al turismo estero, con restrizioni per giornalisti e turisti
CINA – INDIA – TIBET
Torcia Olimpica in Tibet, ma solo “per un giorno”. Arresti di tibetani in India
CINA
Pechino, proibiti i fuochi d’artificio per tutte le Olimpiadi
HONG KONG – CINA – VATICANO
Olimpiadi, vescovo di Hong Kong invitato alla cerimonia inaugurale
CINA
Ancora in prigione gli eroi di Tiananmen
CINA
Migranti cinesi carichi di debiti dopo aver lavorato al sogno delle Olimpiadi
HONG KONG-CINA-TIBET-SUDAN
Tre miliardi di dollari annui dalla Cina per il genocidio in Darfur

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate