28 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/07/2016, 09.45

    MALAYSIA - MYANMAR

    Attivisti malaysiani premono su Aung San Suu Kyi: Incontri i profughi Rohingya

    Joseph Masilamany

    Aegile Fernandez, co-direttrice di Tenaganita, lancia la sfida al ministro birmano degli Esteri. Un faccia a faccia con un gruppo di profughi della minoranza musulmana per sentire “la loro versione della storia”. E “l’occasione migliore” per per chiarire la posizione del governo nella controversia fra Rohingya e buddisti birmani.

     

    Kuala Lumpur (AsiaNews) - In occasione della visita di Aung San Suu Kyi in Malaysia in programma ad agosto, un gruppo attivista locale chiede al ministro birmano degli Esteri di incontrare un gruppo di rifugiati Rohingya, minoranza musulmana perseguitata in Myanmar. A lanciare la sfida alla numero uno della Lega nazionale per la democrazia (Nld), partito oggi al potere nella ex Birmania dei militari, è il movimento Tenaganita impegnato nella difesa dei diritti umani. 

    Interpellata da Free Malaysia Today Aegile Fernandez, co-direttrice di Tenaganita, sottolinea che la Ong è disponibile a organizzare il faccia a faccia fra la Nobel per la pace e un gruppo di rifugiati Rohingya. “Sarebbe meraviglioso - ha aggiunto l’attivista - perché potrebbero raccontarle la loro versione della storia”. 

    In passato Aung San Suu Kyi, icona dei diritti umani e della democrazia in Myanmar, è stata oggetto di pesanti critiche per non aver preso le difese della minoranza musulmana. Di recente, nel corso di un incontro con il rappresentante speciale Onu sui diritti umani, la leader della Nld ha affermato di non voler nemmeno usare il termine “Rohingya” perché considerato fonte di controversia nel Paese asiatico. 

    Per l’attivista malaysiana un incontro fra il ministro degli Esteri e un gruppo di rifugiati - oltre a quello già in calendario con alcuni lavoratori migranti birmani - sarebbe “l’occasione migliore” per “chiarire le posizioni” nella controversia fra maggioranza buddista e minoranza musulmana.

    “Da tempo la comunità internazionale - aggiunge Fernandez - si aspetta una qualche azione da parte sua”. È importante, conclude la co-direttrice di Tenaganita, chiarire la questione perché anche i Rohingya “sono parte del Myanmar” a dispetto del mancato riconoscimento del loro status e “il governo non ha alcun diritto di cacciarli”. 

    Intanto il portavoce governativo U Zaw Htay ha annunciato la prossima firma di due accordi bilaterali sui lavoratori migranti nel contesto della visita di Aung San Suu Kyi in Malaysia. Ad oggi nel Paese asiatico a maggioranza musulmana vi sono fra i 500mila e i 700mila lavoratori migranti dal Myanmar, la maggior parte dei quali privi di documenti regolari. 

    Stime ufficiali indicano che nel 2015 sono stati 371 i membri della minoranza musulmana del Myanmar ad essere accettati in Malaysia, di cui solo 36 sono stati trasferiti nel Stati Uniti in un secondo momento. Tutti gli altri vivono ancora oggi nei campi profughi.

    Secondo i dati dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr) sono più 53mila i Rohingya registrati come rifugiati in Malaysia. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/01/2017 11:32:00 MALAYSIA - MYANMAR
    Kuala Lumpur, nazioni musulmane contro il Myanmar: basta violenze contro i Rohingya

    La “sessione straordinaria” dell’Oic centrata sulle persecuzioni verso la minoranza musulmana in Myanmar. Najib Razak chiede che i colpevoli siano “consegnati alla giustizia”. Ministro del Bangladesh: risolvere la questione riguardante la cittadinanza. 

     



    11/01/2017 09:52:00 MALAYSIA - MYANMAR
    Kuala Lumpur, forum interreligioso lancia l’Anno di solidarietà internazionale pro Rohingya

    L’Asean Rohingya Centre (Arc) ha promosso un incontro dedicato alle sofferenze della minoranza musulmana in Myanmar. Presenti leader musulmani, cristiani e buddisti. Necessario accrescere la conoscenza a livello regionale e mettere fine agli abusi. Inviato speciale Oic: “Odio comune” in Birmania verso i Rohingya. Chiese malaysiane: Al governo il compito di curare i rifugiati.

     



    05/01/2017 11:13:00 MYANMAR
    Il governo birmano “ripulisce” le prove delle violenze contro i musulmani Rohingya

    È l’accusa lanciata da attivisti e ong internazionali, che criticano i risultati pubblicati da una commissione governativa. Al termine dell’inchiesta il panel “indipendente” ha smentito violenze, aggiungendo: “La presenza di moschee è una prova del fatto che non è in atto una persecuzione”. Anche la minoranza musulmana del Myanmar piange il suo piccolo Aylan.

     



    25/11/2013 MYANMAR – INDIA – ONU
    Attivista birmano: dietro il dramma Rohingya, giochi di potere per colpire il Myanmar
    Tint Swe parla di un "fronte comune" nel Paese contro la risoluzione Onu, che preme per la cittadinanza alla minoranza musulmana. Oggi nazioni e movimenti islamici si ergono a difesa dei Rohingya, ma in passato “non hanno mostrato altrettanta generosità”. Il popolo birmano “si sente minacciato”; gli attacchi mettono a rischio il cammino di democratizzazione e sviluppo.

    27/10/2014 MYANMAR
    Oltre 100mila musulmani Rohingya in fuga da persecuzioni e violenze in Myanmar
    Secondo gruppi di attivisti, il numero dei “boat-people” è in continuo aumento. Il nuovo esodo è iniziato il 15 ottobre, con una media di 900 persone al giorno e una stima di 10mila in meno di due settimane. Dal governo politiche finalizzate alla cacciata della minoranza musulmana.



    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®