05 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/04/2012, 00.00

    MYANMAR

    Aung San Suu Kyi in Parlamento: “trionfo del popolo”, inizio di una “nuova era”



    La “Signora” avrebbe vinto nel proprio collegio elettorale. I candidati della Nld avrebbero trionfato in 43 dei 44 seggi in cui erano candidati. I risultati ufficiali verranno pubblicati entro la settimana. Le elezioni suppletive un primo passo verso la vera sfida: le elezioni generali del 2015.

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) - Le elezioni suppletive rappresentano un "trionfo del popolo" che potrebbe dare inizio a una "nuova era" nella storia del Myanmar. Con queste parole la leader dell'opposizione Aung San Suu Kyi ha accolto l'annuncio del suo partito, la Lega nazionale per la democrazia (Nld), che parla di vittoria schiacciante nel collegio elettorale in cui era candidata (Kawhmu constituency, a Yangon). Ieri in tutto il Myanmar si è votato per aggiudicare 48 seggi parlamentari, rimasti vacanti dalle elezioni del novembre 2010 (cfr. AsiaNews 31/03/2012 Birmani al voto. Un seggio parlamentare ad Aung San Suu Kyi). La Commissione elettorale riferisce che i risultati ufficiali saranno resi noti entro una settimana, perché i vertici della Nld hanno presentato diverse denunce di brogli; tuttavia, la vittoria della Nobel per la pace è data per certa.

     Kyi Toe, portavoce della Lega nazionale per la democrazia, dichiara che "abbiamo conquistato 43 seggi su 44" alla Camera bassa e "aspettiamo i risultati dell'ultimo nello Stato Shan, nel nord [della Birmania] per il pomeriggio di oggi".

     Intanto la Nobel per la pace ha tenuto un breve discorso pubblico ai suoi sostenitori, davanti alla sede della Nld a Yangon. Pur festeggiando la vittoria alle urne, la "Signora" avverte di non eccedere nei trionfalismi perché le elezioni sono solo un passaggio nel cammino di riforme avviato dal Maynmar. Aung San Suu Kyi parla di "vittoria del popolo" che ha scelto di essere parte del "processo politico" in atto nel Paese e assicura il massimo impegno per promuovere ulteriori riforme.

     Aung San Suu Kyi intende continuare la collaborazione con il presidente Thein Sein, che ha permesso di traghettare l'ex Birmania da un ferreo regime militare a una nazione in cui si intravedono spiragli concreti di democrazia, anche se "molto" resta ancora da fare. I sostenitori della "Signora" - che ha trascorso 15 degli ultimi 22 anni agli arresti domiciliari e speso un terzo della propria vita sacrificandosi per la causa dei birmani - hanno festeggiato tutta la notte. "È normale che il popolo sia felice" ha affermato la Nobel per la pace, che invita alla moderazione: "Le parole, le azioni e i comportamenti possono ferire e amareggiare le altre parti" e per questo il popolo "deve assolutamente evitarli". "Speriamo che questo - conclude - sia l'inizio di una nuova era".

     Il successo - ufficioso - di Aung San Suu Kyi e del suo partito non cambieranno gli equilibri in seno al Parlamento, dominato dal partito di governo e con un 25% di seggi riservati ai militari. Tuttavia, la vittoria del candidati della Nld è un chiaro segnale politico che il popolo lancia al governo e ai militari, che non potranno più comandare nel Paese usando il pugno di ferro. E lancia la prossima, reale sfida: le elezioni generali del 2015, dove si assisterà al vero faccia a faccia fra governo sostenuto dallo Union Solidarity and Development Party (Usdp) - che oggi detiene l'80% circa dei seggi - e l'opposizione democratica.

     La comunità internazionale ha accolto con favore le elezioni suppletive in Myanmar. Il segretario di Stato statunitense Hillary Clinton ha rinnovato il sostegno degli Usa al "cammino di riforme" e l'Unione europea non ha escluso la possibilità di rimuovere alcune sanzioni se il voto risulterà libero da brogli.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/03/2012 MYANMAR
    Birmani al voto. Un seggio parlamentare ad Aung San Suu Kyi
    In lizza 160 candidati in rappresentanza di 17 partiti, per i colmare i 48 seggi vacanti. Sulle elezioni vigileranno 159 osservatori internazionali e 300 giornalisti stranieri. Per la leader dell’opposizione non sono “davvero libere e giuste”, ma è necessario “andare avanti”. Proteste degli esclusi dalle liste elettorali, in cui risultano esserci invece cittadini deceduti da tempo.

    21/02/2012 MYANMAR
    Aung San Suu Kyi, il governo elimina le restrizioni alla sua campagna elettorale
    L’opposizione aveva denunciato la mancata concessione di spazi pubblici per i comizi della "Signora". Per il portavoce dei democratici è un “cambiamento molto significativo” e motivo di cauto ottimismo. Il presidente birmano apre a osservatori Asean per il voto del primo aprile.

    18/11/2011 MYANMAR
    Il partito di Aung San Suu Kyi per la registrazione. Il Nld sarà "legale"
    Il Comitato centrale ha votato "all'unanimità" per il ritorno nel quadro politico del Paese. Il partito dovrebbe partecipare alle prossime elezioni e la Nobel per la pace conquistare un seggio in Parlamento. Non mancano le critiche: la corrente Kachin del partito chiede la pace nelle aree a minoranza etnica; altri ritengono che la presenza della Nld sarà solo "di facciata".

    31/03/2010 MYANMAR
    Leader birmano teme una “dura repressione” dei militari
    Win Tin teme un giro di vite contro la Lega nazionale per la democrazia. Il governo dichiarerà il partito “associazione illegale”, ma l’opposizione continuerà a lottare per “lo smantellamento della dittatura militare”. Tokyo annuncia il congelamento degli aiuti al Myanmar fino alla liberazione di Aung San Suu Kyi.

    30/03/2010 MYANMAR
    Il partito di Aung San Suu Kyi non parteciperà alle elezioni politiche
    Il consiglio direttivo della Lega nazionale per la democrazia (Nld) ha deciso di non registrarsi. La decisione presa all’unanimità. Il vice-presidente conferma l’intenzione di continuare a lottare per democrazia e diritti umani. Reazioni opposte fra i birmani.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®