4 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/04/2012
MYANMAR
Aung San Suu Kyi in Parlamento: “trionfo del popolo”, inizio di una “nuova era”
La “Signora” avrebbe vinto nel proprio collegio elettorale. I candidati della Nld avrebbero trionfato in 43 dei 44 seggi in cui erano candidati. I risultati ufficiali verranno pubblicati entro la settimana. Le elezioni suppletive un primo passo verso la vera sfida: le elezioni generali del 2015.

Yangon (AsiaNews/Agenzie) - Le elezioni suppletive rappresentano un "trionfo del popolo" che potrebbe dare inizio a una "nuova era" nella storia del Myanmar. Con queste parole la leader dell'opposizione Aung San Suu Kyi ha accolto l'annuncio del suo partito, la Lega nazionale per la democrazia (Nld), che parla di vittoria schiacciante nel collegio elettorale in cui era candidata (Kawhmu constituency, a Yangon). Ieri in tutto il Myanmar si è votato per aggiudicare 48 seggi parlamentari, rimasti vacanti dalle elezioni del novembre 2010 (cfr. AsiaNews 31/03/2012 Birmani al voto. Un seggio parlamentare ad Aung San Suu Kyi). La Commissione elettorale riferisce che i risultati ufficiali saranno resi noti entro una settimana, perché i vertici della Nld hanno presentato diverse denunce di brogli; tuttavia, la vittoria della Nobel per la pace è data per certa.

 Kyi Toe, portavoce della Lega nazionale per la democrazia, dichiara che "abbiamo conquistato 43 seggi su 44" alla Camera bassa e "aspettiamo i risultati dell'ultimo nello Stato Shan, nel nord [della Birmania] per il pomeriggio di oggi".

 Intanto la Nobel per la pace ha tenuto un breve discorso pubblico ai suoi sostenitori, davanti alla sede della Nld a Yangon. Pur festeggiando la vittoria alle urne, la "Signora" avverte di non eccedere nei trionfalismi perché le elezioni sono solo un passaggio nel cammino di riforme avviato dal Maynmar. Aung San Suu Kyi parla di "vittoria del popolo" che ha scelto di essere parte del "processo politico" in atto nel Paese e assicura il massimo impegno per promuovere ulteriori riforme.

 Aung San Suu Kyi intende continuare la collaborazione con il presidente Thein Sein, che ha permesso di traghettare l'ex Birmania da un ferreo regime militare a una nazione in cui si intravedono spiragli concreti di democrazia, anche se "molto" resta ancora da fare. I sostenitori della "Signora" - che ha trascorso 15 degli ultimi 22 anni agli arresti domiciliari e speso un terzo della propria vita sacrificandosi per la causa dei birmani - hanno festeggiato tutta la notte. "È normale che il popolo sia felice" ha affermato la Nobel per la pace, che invita alla moderazione: "Le parole, le azioni e i comportamenti possono ferire e amareggiare le altre parti" e per questo il popolo "deve assolutamente evitarli". "Speriamo che questo - conclude - sia l'inizio di una nuova era".

 Il successo - ufficioso - di Aung San Suu Kyi e del suo partito non cambieranno gli equilibri in seno al Parlamento, dominato dal partito di governo e con un 25% di seggi riservati ai militari. Tuttavia, la vittoria del candidati della Nld è un chiaro segnale politico che il popolo lancia al governo e ai militari, che non potranno più comandare nel Paese usando il pugno di ferro. E lancia la prossima, reale sfida: le elezioni generali del 2015, dove si assisterà al vero faccia a faccia fra governo sostenuto dallo Union Solidarity and Development Party (Usdp) - che oggi detiene l'80% circa dei seggi - e l'opposizione democratica.

 La comunità internazionale ha accolto con favore le elezioni suppletive in Myanmar. Il segretario di Stato statunitense Hillary Clinton ha rinnovato il sostegno degli Usa al "cammino di riforme" e l'Unione europea non ha escluso la possibilità di rimuovere alcune sanzioni se il voto risulterà libero da brogli.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
31/03/2012 MYANMAR
Birmani al voto. Un seggio parlamentare ad Aung San Suu Kyi
21/02/2012 MYANMAR
Aung San Suu Kyi, il governo elimina le restrizioni alla sua campagna elettorale
18/11/2011 MYANMAR
Il partito di Aung San Suu Kyi per la registrazione. Il Nld sarà "legale"
31/03/2010 MYANMAR
Leader birmano teme una “dura repressione” dei militari
30/03/2010 MYANMAR
Il partito di Aung San Suu Kyi non parteciperà alle elezioni politiche

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate