28 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/04/2012
MYANMAR
Aung San Suu Kyi in Parlamento: “trionfo del popolo”, inizio di una “nuova era”
La “Signora” avrebbe vinto nel proprio collegio elettorale. I candidati della Nld avrebbero trionfato in 43 dei 44 seggi in cui erano candidati. I risultati ufficiali verranno pubblicati entro la settimana. Le elezioni suppletive un primo passo verso la vera sfida: le elezioni generali del 2015.

Yangon (AsiaNews/Agenzie) - Le elezioni suppletive rappresentano un "trionfo del popolo" che potrebbe dare inizio a una "nuova era" nella storia del Myanmar. Con queste parole la leader dell'opposizione Aung San Suu Kyi ha accolto l'annuncio del suo partito, la Lega nazionale per la democrazia (Nld), che parla di vittoria schiacciante nel collegio elettorale in cui era candidata (Kawhmu constituency, a Yangon). Ieri in tutto il Myanmar si è votato per aggiudicare 48 seggi parlamentari, rimasti vacanti dalle elezioni del novembre 2010 (cfr. AsiaNews 31/03/2012 Birmani al voto. Un seggio parlamentare ad Aung San Suu Kyi). La Commissione elettorale riferisce che i risultati ufficiali saranno resi noti entro una settimana, perché i vertici della Nld hanno presentato diverse denunce di brogli; tuttavia, la vittoria della Nobel per la pace è data per certa.

 Kyi Toe, portavoce della Lega nazionale per la democrazia, dichiara che "abbiamo conquistato 43 seggi su 44" alla Camera bassa e "aspettiamo i risultati dell'ultimo nello Stato Shan, nel nord [della Birmania] per il pomeriggio di oggi".

 Intanto la Nobel per la pace ha tenuto un breve discorso pubblico ai suoi sostenitori, davanti alla sede della Nld a Yangon. Pur festeggiando la vittoria alle urne, la "Signora" avverte di non eccedere nei trionfalismi perché le elezioni sono solo un passaggio nel cammino di riforme avviato dal Maynmar. Aung San Suu Kyi parla di "vittoria del popolo" che ha scelto di essere parte del "processo politico" in atto nel Paese e assicura il massimo impegno per promuovere ulteriori riforme.

 Aung San Suu Kyi intende continuare la collaborazione con il presidente Thein Sein, che ha permesso di traghettare l'ex Birmania da un ferreo regime militare a una nazione in cui si intravedono spiragli concreti di democrazia, anche se "molto" resta ancora da fare. I sostenitori della "Signora" - che ha trascorso 15 degli ultimi 22 anni agli arresti domiciliari e speso un terzo della propria vita sacrificandosi per la causa dei birmani - hanno festeggiato tutta la notte. "È normale che il popolo sia felice" ha affermato la Nobel per la pace, che invita alla moderazione: "Le parole, le azioni e i comportamenti possono ferire e amareggiare le altre parti" e per questo il popolo "deve assolutamente evitarli". "Speriamo che questo - conclude - sia l'inizio di una nuova era".

 Il successo - ufficioso - di Aung San Suu Kyi e del suo partito non cambieranno gli equilibri in seno al Parlamento, dominato dal partito di governo e con un 25% di seggi riservati ai militari. Tuttavia, la vittoria del candidati della Nld è un chiaro segnale politico che il popolo lancia al governo e ai militari, che non potranno più comandare nel Paese usando il pugno di ferro. E lancia la prossima, reale sfida: le elezioni generali del 2015, dove si assisterà al vero faccia a faccia fra governo sostenuto dallo Union Solidarity and Development Party (Usdp) - che oggi detiene l'80% circa dei seggi - e l'opposizione democratica.

 La comunità internazionale ha accolto con favore le elezioni suppletive in Myanmar. Il segretario di Stato statunitense Hillary Clinton ha rinnovato il sostegno degli Usa al "cammino di riforme" e l'Unione europea non ha escluso la possibilità di rimuovere alcune sanzioni se il voto risulterà libero da brogli.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
31/03/2012 MYANMAR
Birmani al voto. Un seggio parlamentare ad Aung San Suu Kyi
21/02/2012 MYANMAR
Aung San Suu Kyi, il governo elimina le restrizioni alla sua campagna elettorale
18/11/2011 MYANMAR
Il partito di Aung San Suu Kyi per la registrazione. Il Nld sarà "legale"
31/03/2010 MYANMAR
Leader birmano teme una “dura repressione” dei militari
30/03/2010 MYANMAR
Il partito di Aung San Suu Kyi non parteciperà alle elezioni politiche

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate