21 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/07/2012
ISRAELE
Aveva un falso passaporto americano l'uomo che si è fatto esplodere nel pullman israeliano
Per il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu "tutti i segnali portano all'Iran". Oggi in Bulgaria due aerei riporteranno in patria coloro che hanno subito l'attacco. Le telecamere di sorvegianza hanno ripreso l'attentatore che per un'ora si è aggirato nell'aeroporto.

Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) - Aveva un falso passaporto statunitense l'attentatore che ieri si è fatto esplodere in un pullman di turisti israeliani (nella foto) all'aeroporto di Burgas, in Bulgaria. L'esplosione ha provocato sette morti, sei dei quali israeliani e 34 feriti, alcuni dei quali gravi.

Il primo ministro bulgaro, Boyko Borisov, ha infatti detto che l'attacco è dovuto a un attentatore suicida e non, come si era ritenuto in un primo momento, a una bomba collocata nel bagagliaio del bus. "L'odioso attacco sul suolo di uno Stato sovrano, un membro dell'Unione europea - ha aggiunto - è una provocazione che indica un sabotaggio degli sforzi per promuovere la pace".

L'attentatore, un uomo di tipo caucasico, capelli lunghi e abbigliamento sportivo, è mostrato dalle telecamere di sorveglianza aggirarsi per un'ora nei pressi dell'aeroporto.

Aeroporto dove quest'oggi sono attesi due C-130 Hercules dell'aviazione israeliana che riporteranno in patria coloro che hanno subito l'attacco.

L'attentato è stato condannato anche dal presidente Usa, Barack Obama, che in una telefonata al primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu, ha anche offerto l'aiuto americano alle indagini. Da parte sua Netanyahu ha già indicato un responsabile. "Tutti i segnali portano all'Iran. In mesi recenti - ha aggiunto - abbiamo visto tentativi iraniani di attaccare israeliani in Tailandia, India, Georgia, Kenya, Cipro e altri luoghi".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/07/2012 ISRAELE
Israele non ha dubbi: l'attentato di Burgas eseguito da Hezbollah e sponsorizzato dall'Iran
21/07/2012 ISRAELE
Nella strage di turisti anche per gli Usa ci sono "alcune caratteristiche di Hezbollah"
18/02/2014 IRAN-USA-ISRAELE
Khamenei, Usa e Netanyahu pessimisti verso i negoziati sul nucleare iraniano
02/10/2013 ISRAELE - IRAN - USA
Netanyahu all’Onu: “Con l’Iran, Israele andrà avanti anche da solo”
22/08/2012 IRAN – ISRAELE
Teheran presenta il nuovo missile balistico a corto raggio Fateh-110

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate