27 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/07/2012, 00.00

    ISRAELE

    Aveva un falso passaporto americano l'uomo che si è fatto esplodere nel pullman israeliano



    Per il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu "tutti i segnali portano all'Iran". Oggi in Bulgaria due aerei riporteranno in patria coloro che hanno subito l'attacco. Le telecamere di sorvegianza hanno ripreso l'attentatore che per un'ora si è aggirato nell'aeroporto.

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) - Aveva un falso passaporto statunitense l'attentatore che ieri si è fatto esplodere in un pullman di turisti israeliani (nella foto) all'aeroporto di Burgas, in Bulgaria. L'esplosione ha provocato sette morti, sei dei quali israeliani e 34 feriti, alcuni dei quali gravi.

    Il primo ministro bulgaro, Boyko Borisov, ha infatti detto che l'attacco è dovuto a un attentatore suicida e non, come si era ritenuto in un primo momento, a una bomba collocata nel bagagliaio del bus. "L'odioso attacco sul suolo di uno Stato sovrano, un membro dell'Unione europea - ha aggiunto - è una provocazione che indica un sabotaggio degli sforzi per promuovere la pace".

    L'attentatore, un uomo di tipo caucasico, capelli lunghi e abbigliamento sportivo, è mostrato dalle telecamere di sorveglianza aggirarsi per un'ora nei pressi dell'aeroporto.

    Aeroporto dove quest'oggi sono attesi due C-130 Hercules dell'aviazione israeliana che riporteranno in patria coloro che hanno subito l'attacco.

    L'attentato è stato condannato anche dal presidente Usa, Barack Obama, che in una telefonata al primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu, ha anche offerto l'aiuto americano alle indagini. Da parte sua Netanyahu ha già indicato un responsabile. "Tutti i segnali portano all'Iran. In mesi recenti - ha aggiunto - abbiamo visto tentativi iraniani di attaccare israeliani in Tailandia, India, Georgia, Kenya, Cipro e altri luoghi".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/07/2012 ISRAELE
    Israele non ha dubbi: l'attentato di Burgas eseguito da Hezbollah e sponsorizzato dall'Iran
    Le accuse lanciate dal Primo ministro ribadite dai responsabili di esteri e difesa. Teheran nega ogni coinvolgimento. Le indagini mirano ad accertare l'identità del kamikaze. La Svezia esclude che si tratti, come si diceva, di un suo cittadino.

    21/07/2012 ISRAELE
    Nella strage di turisti anche per gli Usa ci sono "alcune caratteristiche di Hezbollah"
    Il Pentagono si unisce alle accuse israeliane. L'attentatore indossava una parrucca e aveva accento mediorientale e con ogni probabilità ha avuto sostegno logistico di una o due persone. Usati tre chilli di tritolo.

    03/03/2015 ISRAELE-USA-IRAN
    Netanyahu preoccupato più delle elezioni in casa, che del nucleare iraniano
    Il premier israeliano vuole fermare il "cattivo accordo" con l'Iran che potrebbe "minacciare la sopravvivenza di Israele". Obama: Le buie previsioni di Netanyahu non si sono mai avverate. In patria si pensa che Netanyahu abbia escogitato questo suo viaggio negli Usa per aumentare le possibiità di rielezione. Per la gente comune, si parla troppo di Iran e non si dice nulla sui problemi della casa, del lavoro, della pace coi palestinesi.

    18/02/2014 IRAN-USA-ISRAELE
    Khamenei, Usa e Netanyahu pessimisti verso i negoziati sul nucleare iraniano
    I dialoghi a Vienna tendono ad un accordo a lungo termine sul controllo internazionale del programma nucleare iraniano, in cambio della fine delle sanzioni. L'influenza positiva di Hassan Rouhani. Khamenei: "Non porteranno a nulla". Amministrazione Usa: "processo complicato, difficile, lungo". Netanyahu: Ci guadagna solo Teheran, che occorrerebbe punire per il suo "comportamento aggressivo". La delegazione Usa pronta ad aprire nuove tensioni e nuove sanzioni.

    02/10/2013 ISRAELE - IRAN - USA
    Netanyahu all’Onu: “Con l’Iran, Israele andrà avanti anche da solo”
    Il Primo ministro israeliano invita al pugno di ferro contro Teheran: “Vorrei credere a Rouhani, ma non posso”. Dubbi del Senato Usa sull’applicazione di nuove sanzioni: “Ci stiamo domandano se sia giusto o meno in vista dell’incontro di Ginevra”.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®