20 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/01/2006
ARABIA SAUDITA
Aviaria e terrorismo, ombre sul pellegrinaggio alla Mecca

L'haji comincia l'8 gennaio, sono attesi 2,5 milioni di fedeli da tutto il mondo. Stato d'allerta al massimo grado e misure di prevenzione contro malattie epidemiche, come il colera, ma poco si fa per la febbre dei polli.



Riyadh (AsiaNews/Agenzie) - C'è anche l'influenza aviaria, quest'anno, accanto al timore di attentati, tra le preoccupazioni che l'Arabia saudita sta affrontando per accogliere i 2,5 milioni di pellegrini previsti, quest'anno, per l'haji, il pellegrinaggio alla Mecca, uno dei 5 "pilastri dell'Islam", che ogni buon musulmano deve compiere nel corso della vita.

I riti dell'haji cominceranno l'8 gennaio, ottavo giorno del mese Dhou Al-Hajja, ultimo del calendario lunare dell'Egira, che è cominciato domenica scorsa. Ma sono già oltre 1,5 milioni i pellegrini giunti da tutto il mondo. Oggi dovrebbe essere giornata di grandi arrivi, scade infatti a mezzanotte la possibilità per i pellegrini di arrivare in Arabia saudita in aereo. Una multa di 200.000 ryals (53.000 dollari) sarà comminata alle compagnie aeree che atterreranno dopo la scadenza. Che per chi ha viaggiato per nave o via terra è spirata stanotte.

Il primo timore è quello di possibili attacchi terroristici, che potrebbero innescare un terrificante fuggi-fuggi che ancora negli anni scorsi ha provocato centinaia di morti. Lo stato d'allerta è al massimo grado per i 10.000 i soldati mobilitati alla Mecca. Anche l'aeroporto di Gedda è circondato dai militari, mentre ci sono posti di blocco tra la Mecca e Medina, secondo luogo santo dell'Islam, che molti pellegrini vanno, nell'occasione, a visitare.

La preoccupazione maggiore, all'aeroporto come negli altri luoghi di arrivo, al momento è quella sanitaria. Misure speciali sono state prese, ad esempio, per i pellegrini che vengono da alcuni Paesi dell'Africa nei quali sono endemiche malattie come la meningite o il colera. Altre per chi proviene da India e Paesi limitrofi o dallo Yemen. "Quando atterra un aereo proveniente da uno Stato 'a rischio' – ha spiegato il direttore del centro sanitario di controllo di Gedda, Mohammad al-Harti – il portello non può essere aperto finché non arrivano i nostri addetti. Il pilota deve fornire un certificato che prova che l'aereo è stato disinfettato e presentare, come prova, delle bombolette vuote". I passeggeri vengono poi trasportati in un apposito terminal, dove debbono esibire un certificato medico. In alcuni casi, come per 4.500 pellegrini del Kirghisistan, sono state eseguite delle vaccinazioni supplementari contro la meningite.

Solo un manifesto che invita a collaborare contro l'influenza aviaria sembra però l'unica misura fuori dal normale presa per prevenire tale virus. Il presidio ha comunque delle dosi di Tamiflu. Molti pellegrini, a ogni buon conto, hanno delle mascherine che coprono il naso e la bocca.

Tutti, comunque arrivino, si dirigono verso La Mecca. Di là, alle prime ore dell'8 gennaio si recheranno alla valle di Mina, ad una decina di chilometri di distanza. In quell'arida valle, trasformata in una immensa tendopoli, trascorreranno la giornata in preghiera, e sarà l'inizio dell'haji. Il giorno dopo, all'alba, andranno verso una collina chiamata monte della Misericordia, luogo anch'esso di preghiera, nel quale in particolare si chiede perdono a Dio. La sosta sul monte simboleggia l'attesa per il Giudizio finale ed è il momento centrale del pellegrinaggio. Tornati nella valle di Mina, il fedele vi immolerà un montone, a ricordo della sottomissione di Abramo alla volontà di Dio e del sacrificio di Isacco. Sarà l'inizio della festa di Al-Adha, che comincerà il 10 gennaio. Ultimo atto del pellegrinaggio il rito della lapidazione di Satana, rappresentato dal lancio di pietre nella valle di Mina, che indica il rifiuto del Male.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/06/2004 ARABIA SAUDITA
Paura e isolamento: vita da stranieri nel regno dei Saud
di Theresa Ricci
17/01/2005 ARABIA SAUDITA
Il governo avverte: il terrorismo può colpire durante l’Hajj
06/08/2009 IRAN - ARABIA SAUDITA
Teheran proibisce il pellegrinaggio alla Mecca per paura dell’influenza suina
18/07/2006 arabia saudita
Per il boom edilizio, in Arabia Saudita i contadini spiantano gli alberi
19/10/2011 CINA
Epidemia di polio nello Xinjiang. Quasi 5 milioni di vaccini
Articoli del dossier
ASIA
Oms: non è esagerato il rischio di una pandemia d'influenza aviaria
HONG KONG
Influenza aviaria: controlli sugli allevamenti di pollame ad Hong Kong
turchia
L'influenza aviaria può arrestare la crescita economica turca
CINA
"Non ci sono prove" che il Tamiflu sia efficace contro l'influenza aviaria
CINA
Influenza aviaria: servono subito 1,5 miliardi di dollari per fermare il contagio
turchia
Per l'aviaria Ankara tra drammi e sollievo
Indonesia
Indonesia, ragazza 13enne muore per influenza aviaria
CINA - VIETNAM
Influenza aviaria: rischio in aumento per le feste del nuovo anno lunare cinese
Cina
Cina, 2 nuove vittime di influenza aviaria
TURCHIA
L'influenza aviaria arriva a Istanbul
turchia
L'UE conferma che l'influenza aviaria in Turchia è del ceppo letale H5N1
TURCHIA
L'influenza aviaria alle porte d'Europa: secondo morto in Turchia
CINA - HONG KONG
Influenza aviaria: Hong Kong sospende l'importazione di pollame dal Sichuan
ASIA
Influenza aviaria: si teme che sia più virulenta nell'Europa orientale che in Asia
ASIA
Oms: in Cina possono esserci focolai di influenza aviaria non conosciuti
CINA
Influenza aviaria: per l'Oms in Cina molti contagi umani possono rimanere sconosciuti
Cina
Cina: 6° caso di contagio umano del virus dei polli
ASIA
Un bambino di 5 anni è la 14° vittima per l'influenza aviaria in Thailandia
CINA
Contadino denuncia focolaio di influenza aviaria in Cina: arrestato
cina
L'Oms chiede alla Cina di condividere i campioni del virus H5N1
ASIA
Indonesia, un altro morto per influenza aviaria
HONG KONG - CINA
Influenza aviaria, 38 volte più virulenta della Sars
cina
Influenza aviaria: per la Cina "è impossibile" vaccinare 14 miliardi di polli
VIETNAM
Il Vietnam conferma un nuovo caso umano di influenza aviaria
ASIA
Influenza aviaria: altri 2 decessi sospetti, in Indonesia e Vietnam
COREA DEL SUD - APEC
Leader Apec: "Insieme contro l'influenza aviaria"
asia
Influenza aviaria, previsto un aumento dei focolai e dei contagi umani in Cina
CINA - VIETNAM
Influenza aviaria in Cina, primo caso di contagio umano riconosciuto
ASIA - CINA
Influenza aviaria, forse la Cina non dichiara tutti i contagi
asia
Influenza aviaria: per gli scienziati il virus è divenuto "più contagioso"
ASIA
Nuovi sospetti contagi umani in Vietnam e in Cina
ASIA
In Indonesia altra morte sospetta per l'influenza aviaria
CINA
Cina, primo ministro ammette: "C'è pericolo di contagio per l'influenza aviaria"
ASIA
Vietnam, nuovo decesso per l'influenza aviaria
CINA
Influenza aviaria: la Cina ammette 3 possibili contagi umani
INDONESIA
Influenza aviaria: quinta vittima in Indonesia
ASIA
Influenza aviaria: una pandemia costerebbe all'Asia 300 miliardi di dollari
ASIA
Banca mondiale: una pandemia sarebbe disastrosa per l'economia asiatica
ASIA
Influenza aviaria: in Cina i giornali possono parlarne solo se autorizzati
Thailandia – Asia
Thailandia, confermato caso numero 20 di influenza aviaria
CINA - ASIA
Influenza aviaria, "in Cina situazione molto grave", dicono fonti ufficiali
VIETNAM - CINA
Influenza aviaria, 2 nuovi morti sospetti in Vietnam
CINA - ASIA
In Cina non c'è informazione sul pericolo di influenza aviaria
ASIA
Nuovi sospetti malati umani per l'influenza aviaria, in Cina e Thailandia
ASIA
Nuovo contagio di polli in Cina, poche proposte dai responsabili mondiali
ASIA
"Inevitabile una pandemia", secondo gli esperti di tutto il mondo riuniti in Canada
ASIA
Influenza aviaria: Cina e Thailandia vogliono un controllo capillare di allevamenti e abitazioni
CINA
Pechino ammette "situazione grave" per l'influenza aviaria
ASIA
Si allarga l'influenza aviaria, nuova vittima in Thailandia
ASIA
Influenza aviaria: allarme in occidente, ma la "guerra" è in Asia
ASIA
L'influenza aviaria "va combattuta in Asia"
CINA - ASIA
Cina, l'incubatrice dell'influenza aviaria
ASIA – EUROPA
Il mondo è impreparato a una pandemia da influenza aviaria
ASIA
Morte sospetta a Jakarta: cresce nel mondo l'allarme per l'influenza aviaria
TURCHIA – INDONESIA - ISRAELE
Influenza aviaria: Ankara tenta di tranquillizare un Occidente spaventato
ASIA
Influenza aviaria, la pandemia ucciderebbe 300 milioni di persone
INDONESIA
Indonesia: aumentano le vittime dell'influenza aviaria
asia
Influenza aviaria: quali rischi, quali cure?

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate