24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/01/2016, 00.00

    PAKISTAN

    Baath, pastore protestante: Il rogo della chiesa non è colpa dell’odio religioso

    Kamran Chaudhry

    La notte del 6 gennaio un incendio ha semidistrutto il luogo di culto cristiano. I media hanno subito parlato di un conflitto islamo-cristiano, ma “chi dice questo cospira a creare tensione nell’area senza sapere i fatti”.

    Lahore (AsiaNews) – Il rogo della chiesa non è avvenuto a seguito di un litigio fra cristiani e musulmani e chi lo dice “cospira a creare tensione nell’area”. Lo afferma Yaqoob Saroya, pastore della chiesa apostolica di Baath (40 km a nord di Lahore), che lo scorso 6 gennaio è stata semi distrutta da un incendio. Gli fanno eco gli anziani del villaggio, cristiani e musulmani, secondo cui i media hanno fatto circolare notizie false. Alcuni media, infatti, hanno riferito che prima dell’incidente i musulmani avevano chiesto ai cristiani di spegnere gli altoparlanti per non disturbare le loro preghiere. Il pastore della chiesa si sarebbe opposto e l’incendio è stato considerato una ritorsione di estremisti islamici.

    Yaqoob Saroya racconta ad AsiaNews: “Abbiamo trovato delle tracce di mani e piedi sul muro della chiesa, che suggeriscono che qualcuno lo abbia scalato, ma nessuno è venuto da noi per gli altoparlanti; non c’è stato alcun conflitto. I nostri vicini musulmani ci hanno aiutato a spegnere l’incendio. Qualcuno ha postato su Facebook il video della chiesa in fiamme e la gente ha iniziato a riportare la notizia senza sapere i fatti”.

    Abdul Hameed, il nambardar musulmano locale (proprietario terriero con poteri di governo) afferma che la comunità islamica sta cercando il colpevole che si sarebbe introdotto nella chiesa: “Siamo addolorati [per quello che è accaduto] e stiamo uniti ai cristiani perché tutti i luoghi di culto sono lo stesso. Il malvagio non merito perdono. Non possiamo vivere senza il sostegno dei cristiani, che sono la spina dorsale del villaggio”.

    Saroya afferma che i cristiani sono liberi di osservare il culto: “Cinque agenti di polizia stazionavano la chiesa durante il servizio. Questa è una cospirazione per diffondere tensione nell’area; noi viviamo come fratelli. Una Ong cristiana ci ha detto di denunciare qualcuno alla polizia; un’altra ci ha detto che non avremmo dovuto ridipingere la chiesa così presto (v. video). Tutto questo non fa del bene alle minoranze del Paese”.

    La polizia ha dichiarato che l’incendio è stato causato da un cortocircuito. Le fiamme hanno distrutto parte dell’edificio, sedie, tappeti, tende e impianti elettrici.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/11/2004 INDONESIA
    Restaurata cattedrale cattolica nel centro di Ambon. Ospiterà 1.500 fedeli


    16/06/2005 PAKISTAN
    Pakistan, anche musulmani celebrano la festa di S. Antonio


    16/02/2017 14:38:00 PAKISTAN
    Lahore, attentatori talebani: Chiesa cristiana nel mirino se appoggia il governo

    Il gruppo islamico Jamat-ul-Ahrar è una fazione del Tehreek-i-Taliban Pakistan. È responsabile dell’attentato contro la Punjab Assembly, il cui bilancio sale a 14 vittime. Chiese, luoghi di culto sikh e indù non sono obiettivi dei talebani, “almeno fino a quando non danno appoggio alle istituzioni”.



    15/04/2011 PAKISTAN
    Multan: minacce a infermiere cristiano, condannava il rogo del Corano e l’attacco alle chiese
    Waris Masih e la famiglia costretti a fuggire dalla loro abitazione. L’uomo ha esecrato con uguale forza gli attacchi contro l’islam e il cristianesimo. Per i colleghi musulmani, invece, bruciate chiese e bibbie è lecito. Sacerdote pakistano: l’Occidente deve pensare alle conseguenze delle sue azioni. Dal rogo del Corano, sette casi di violenze anticristiane.

    02/01/2006 PAKISTAN
    Pakistan, sciopero della fame per la pace a Sangla Hill

    Arcivescovo di Lahore: è una protesta contro il "freddo" atteggiamento del governo verso la tragedia dei cristiani colpiti dall'estremismo islamico. La speranza in un nuovo anno migliore per le minoranze religiose in Pakistan.





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®