10 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/01/2016, 00.00

    PAKISTAN

    Baath, pastore protestante: Il rogo della chiesa non è colpa dell’odio religioso

    Kamran Chaudhry

    La notte del 6 gennaio un incendio ha semidistrutto il luogo di culto cristiano. I media hanno subito parlato di un conflitto islamo-cristiano, ma “chi dice questo cospira a creare tensione nell’area senza sapere i fatti”.

    Lahore (AsiaNews) – Il rogo della chiesa non è avvenuto a seguito di un litigio fra cristiani e musulmani e chi lo dice “cospira a creare tensione nell’area”. Lo afferma Yaqoob Saroya, pastore della chiesa apostolica di Baath (40 km a nord di Lahore), che lo scorso 6 gennaio è stata semi distrutta da un incendio. Gli fanno eco gli anziani del villaggio, cristiani e musulmani, secondo cui i media hanno fatto circolare notizie false. Alcuni media, infatti, hanno riferito che prima dell’incidente i musulmani avevano chiesto ai cristiani di spegnere gli altoparlanti per non disturbare le loro preghiere. Il pastore della chiesa si sarebbe opposto e l’incendio è stato considerato una ritorsione di estremisti islamici.

    Yaqoob Saroya racconta ad AsiaNews: “Abbiamo trovato delle tracce di mani e piedi sul muro della chiesa, che suggeriscono che qualcuno lo abbia scalato, ma nessuno è venuto da noi per gli altoparlanti; non c’è stato alcun conflitto. I nostri vicini musulmani ci hanno aiutato a spegnere l’incendio. Qualcuno ha postato su Facebook il video della chiesa in fiamme e la gente ha iniziato a riportare la notizia senza sapere i fatti”.

    Abdul Hameed, il nambardar musulmano locale (proprietario terriero con poteri di governo) afferma che la comunità islamica sta cercando il colpevole che si sarebbe introdotto nella chiesa: “Siamo addolorati [per quello che è accaduto] e stiamo uniti ai cristiani perché tutti i luoghi di culto sono lo stesso. Il malvagio non merito perdono. Non possiamo vivere senza il sostegno dei cristiani, che sono la spina dorsale del villaggio”.

    Saroya afferma che i cristiani sono liberi di osservare il culto: “Cinque agenti di polizia stazionavano la chiesa durante il servizio. Questa è una cospirazione per diffondere tensione nell’area; noi viviamo come fratelli. Una Ong cristiana ci ha detto di denunciare qualcuno alla polizia; un’altra ci ha detto che non avremmo dovuto ridipingere la chiesa così presto (v. video). Tutto questo non fa del bene alle minoranze del Paese”.

    La polizia ha dichiarato che l’incendio è stato causato da un cortocircuito. Le fiamme hanno distrutto parte dell’edificio, sedie, tappeti, tende e impianti elettrici.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/11/2004 INDONESIA
    Restaurata cattedrale cattolica nel centro di Ambon. Ospiterà 1.500 fedeli


    28/07/2011 INDIA - NORVEGIA
    Attentato in Norvegia, anche i radicali indù tra i “modelli” del terrorista
    In 102 pagine del suo manifesto programmatico, Andrew Breivik definisce i radicali indù “alleati e risorse importanti”. P. Cedric Prakash, direttore del centro gesuita per i diritti umani Prashant: “I cristiani devono spiegare al mondo che queste stragi non hanno nulla a che fare col cristianesimo o col messaggio di Cristo”.

    16/06/2005 PAKISTAN
    Pakistan, anche musulmani celebrano la festa di S. Antonio


    30/08/2016 15:16:00 PAKISTAN
    Lahore, famiglia cristiana costretta a fuggire a causa dell’odio religioso

    AsiaNews ha raccolto la storia della famiglia di Victoria (nome di fantasia), costretta ad abbandonare la città di origine perché cristiana. Ma anche a Lahore, dove si sono trasferiti, i cristiani subiscono atteggiamenti di intolleranza e odio contro le minoranze, ben lontani dalle dichiarazioni dei proclami politici.



    15/04/2011 PAKISTAN
    Multan: minacce a infermiere cristiano, condannava il rogo del Corano e l’attacco alle chiese
    Waris Masih e la famiglia costretti a fuggire dalla loro abitazione. L’uomo ha esecrato con uguale forza gli attacchi contro l’islam e il cristianesimo. Per i colleghi musulmani, invece, bruciate chiese e bibbie è lecito. Sacerdote pakistano: l’Occidente deve pensare alle conseguenze delle sue azioni. Dal rogo del Corano, sette casi di violenze anticristiane.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®