18 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/10/2017, 08.59

    IRAQ - IRAN - USA

    Baghdad e Teheran contro Washington: le milizie sciite speranza dell’Iraq e della regione



    Tillerson aveva auspicato la cacciata dei combattenti sciiti dal Paese. Il premier irakeno ne difende il ruolo nella lotta contro lo Stato islamico. Sono paramilitari locali, non alleati iraniani e vanno “incoraggiati”. Il ministro iraniano degli Esteri rivendica il ruolo di “pace e stabilità” esercitato da Teheran nella regione. 

     

    Baghdad (AsiaNews/Agenzie) - Il premier irakeno respinge al mittente le parole del segretario di Stato americano Rex Tillerson e difende il ruolo delle milizie sciite sostenute dall’Iran nella lotta contro lo Stato islamico (SI, ex Isis) nel nord. In precedenza, durante un vertice a tre a Riyadh sotto l’egida di re Salman, il capo della diplomazia Usa aveva criticato con forza le milizie combattenti e invocato una loro uscita dal Paese o l’arruolamento nell’esercito regolare. 

    Nel corso di una visita ufficiale a Baghdad, Tillerson ha incontrato nel tardo pomeriggio di ieri il Primo Ministro Haider al-Abadi. Durante il faccia a faccia, a due giorni dal summit saudita, il capo del governo ha definito i combattenti sciiti “la speranza dell’Iraq e della regione”. 

    Le unità di Mobilitazione popolare irakena (Pmu, a maggioranza sciita e vicine a Teheran) hanno aderito nei mesi scorsi alla offensiva lanciata dal governo irakeno per la liberazione di Mosul e della piana di Ninive, nel nord. Il loro ruolo è risultato decisivo nel contesto della campagna militare, che si è conclusa con la liberazione dei territori per oltre tre anni nelle mani dei jihadisti. 

    Di recente le milizie sciite hanno contribuito in modo decisivo alla presa di Kirkuk, centro petrolifero del Paese, strappandola alle forze curde. 

    Durante l’incontro a Baghdad con il segretario di Stato Usa, Abadi ha sottolineato che le truppe paramilitari sono irakeni - non alleati iraniani - e devono “essere incoraggiate” perché sono fonte “di speranza per il Paese e la regione”. I combattenti, prosegue la nota governativa, difendono “il loro Paese e si sacrificano per la sconfitta dello Stato islamico”. 

    Sulla vicenda è intervenuto anche il ministro iraniano degli Esteri Mohammad Javad Zarif, il quale ha rivendicato il ruolo ricoperto da Teheran in un’ottica di “pace e stabilità” nella regione. “I popoli di Siria, Iraq e della regione autonoma curda - ha aggiunto - hanno potuto resistere all’assalto dell’Isis anche grazie al contributo dell’Iran”. Senza il contributo della Repubblica islamica, ha concluso, la bandiera del Califfato sventolerebbe oggi “su Damasco, Baghdad ed Erbil”. 

    A stretto giro di vite giunge infine la risposta dei vertici delle Pmu, secondo cui gli Stati Uniti devono “chiedere scusa” per i loro commenti inappropriati rispetto all’impegno profuso nella lotta contro il jihadismo. Ahmad al-Asadi, portavoce delle Unità, sottolinea che le parole di Tillerson “sulla presenza di forze iraniane in Iraq sono inaccettabili”.

    Si tratta, aggiunge, di accuse “false e prive di fondamento” perché “tutti coloro che combattono sul campo sono irakeni”. Queste parole del capo della diplomazia Usa, conclude il militare, riflettono la scarsa conoscenza ed esperienza degli Stati Uniti nelle questioni locali, e rinnova la richiesta a Washington di scuse per queste affermazioni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/10/2017 11:49:00 A. SAUDITA - IRAQ - USA - IRAN
    Tillerson: un asse Riyadh-Baghdad in chiave anti-iraniana

    Il segretario di Stato Usa a Riyadh per contrastare il “comportamento maligno” di Teheran. Le milizie sciite protagoniste della lotta anti-Isis devono abbandonare le armi o unirsi all’esercito. Per Washington la partnership fra re Salman e il premier Abadi fondamentale per la rinascita dell’Iraq. 

     



    28/08/2017 08:59:00 IRAQ
    L’esercito irakeno caccia l’Isis da Tal Afar. Preoccupa la sorte dei civili

    In una settimana le forze della coalizione hanno vinto la resistenza dei jihadisti, liberando la città. Ora l’obiettivo è Al-Ayadieh, a 15 km, lungo la strada che conduce al confine con la Siria. Attivisti e ong lanciano appelli per la tutela della popolazione, decine di famiglie accolte nel centro sanitario di Badush in condizioni precarie. 

     



    22/08/2017 08:59:00 IRAQ
    Offensiva irakena contro l’Isis a Tal Afar, timori per la sorte di migliaia di civili

    I soldati governativi hanno già assunto il controllo di alcuni villaggi nell’area. La città sorge lungo la via che collega Mosul al confine siriano ed è strategica per il passaggio di uomini e merci. All’interno vi sarebbero fino a 50mila persone intrappolate. Visita a sorpresa in Iraq del capo di Pentagono, previsti incontri con il premier e il presidente curdo. 

     



    16/10/2015 IRAQ
    Iraq, parlamentare cristiano: Unite, Mosca e Washington possono battere lo Stato islamico
    Yonadam Kanna, dell’Assyrian Democratic Movement, è convinto che il Paese saprà mantenersi unito. Solo i curdi, in futuro, potrebbero “staccarsi” in cerca di autonomia. L’intervento di Mosca, spiega ad AsiaNews, è "decisivo" nella lotta contro i jihadisti; fondamentale unire gli intenti nella lotta al terrorismo. Sempre più critica la situazione dei cristiani, servono protezione, aiuti e riconciliazione nazionale.

    30/06/2009 IRAQ
    Vescovi cattolici: fra “speranza e paura”, l’Iraq assiste al ritiro delle truppe Usa
    I prelati sottolineano il desiderio di “costruire un futuro all’insegna della riconciliazione nazionale”. Restano le divisioni “etniche e confessionali” e la minaccia di “elementi esterni” che vogliono alimentare il caos. A Mosul restano le tensioni fra sunniti e curdi; nella capitale riferiscono che “l’esercito irakeno non è pronto ad assumere il controllo”.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®