26 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/09/2008, 00.00

    PAKISTAN

    Balochistan, per un delitto d’onore cinque ragazze sepolte vive

    Qaiser Felix

    La polizia ha disposto l’autopsia sui cadaveri delle donne, uccise perchè colpevoli di essersi sposate senza il consenso dei familiari. Una pratica ancora diffusa in alcune zone del Paese, dove vige la “legge della tribù”. Ferma condanna degli attivisti per i diritti umani.

    Islamabad (AsiaNews) – Nella tarda serata di ieri la polizia ha disposto la riesumazione dei cadaveri di due donne nel villaggio di Babakot, distretto di Naseerabad, 320 km a est di Quetta, la capitale del Balochistan. Le forze dell’ordine hanno ordinato l’autopsia per chiarire le dinamiche che hanno portato alla morte delle donne, le quali sarebbero state “ferite con colpi di arma da fuoco” e poi “sepolte vive insieme ad altre tre ragazze” in quello che sembra essere un “delitto d’onore” di chiara matrice “tribale”.

    Sempre nella giornata di ieri, la polizia del distretto ha attuato un provvedimento di fermo nei confronti di sette sospetti, accusati di essere mandanti ed esecutori del brutale pluriomicidio, in seguito ai risultati emersi dalle indagini volute dal governo pakistano. Fra gli arrestati vi sarebbero anche il padre, il fratello e un cugino delle ragazze assassinate.

    La vicenda risale allo scorso 13 luglio, quando tre ragazze sono state barbaramente uccise per essersi sposate di propria iniziativa, senza il consenso di familiari e anziani del villaggio; le altre due donne hanno fatto la stessa fine perché “complici” delle giovani. La vicenda ha scatenato la reazione di attivisti per i diritti umani che ieri hanno organizzato manifestazioni di protesta (nella foto) a Lahore e Islamabad, chiedendo la fine di “pratiche tribali che in nome del codice d’onore” perpetrano violenze e soprusi “verso le donne”.

    Il caso delle donne sepolte vive è balzato agli onori delle cronache in Pakistan lo scorso 29 agosto in seguito alle affermazioni di Sardar Israrullah Zehri, senatore del Balochistan, il quale difende la pratica perché appartiene “ai nostri costumi tribali”. Dura la reazione delle associazioni per i diritti umani, che hanno condannato le parole del senatore e ne hanno chiesto le immediate dimissioni.

    Le proteste scatenate nel Paese hanno spinto il governo locale e l’assemblea provinciale di Sindh a emettere una risoluzione – passata all’unanimità – nella quale si condanna l’assassinio delle donne, sepolte mentre erano ancora vive, e si chiede di punire i responsabili. I senatori invitano inoltre il governo centrale a far sì che simili delitti “non si ripetano più in futuro”.

    Fonti del governo riportano anche l’uccisione di altre tre sorelle (Fauzia, Fatima e Jannat Bibi), morte in seguito a una disputa per dei terreni, ma non vi è certezza su numero perché le vittime potrebbero essere addirittura sette.

    Interpellato da AsiaNews, Farid Ahmad – coordinatore per il Balochistan della Commissione per i diritti umani pakistana (Hrcp) – ribadisce che “non vi sono notizie certe al momento né sul numero delle vittime né sul movente”. Egli afferma invece di aver mandato un rapporto dettagliato sulla morte delle cinque donne nel villaggio di Babakot, in seguito al quale “il governo federale ha deciso di aprire una inchiesta per far luce sulla vicenda”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/10/2008 PAKISTAN
    Ancora un “delitto d’onore”: massacrata una ragazza pakistana di 17 anni
    La giovane, accusata di relazione extraconiugale, è stata sbranata dai cani e finite a colpi di pistola dallo zio, che gode della protezione della corte tribale della zona. Alla base del gesto una disputa sui terreni. Condanna unanime del mondo politico, le associazioni per i diritti umani invocano giustizia.

    02/05/2006 PAKISTAN
    Pakistan: nel 2005 più di mille uccisi per delitti d'onore

    La denuncia nel rapporto di una Ong di Karachi. Donne, la maggior parte delle vittime. Le cifre reali potrebbero essere ancora più alte: i media riportano solo il 10% dei casi, spesso non denunciati per paura.



    12/06/2009 PAKISTAN
    Pakistan, nel 2008 quasi 7mila casi di violenze ai danni dei minori
    Oggi si celebra la Giornata mondiale contro il lavoro minorile. A dispetto dei proclami governativi, le condizioni dei minori nel Paese restano difficili. Alla bassa scolarizzazione, alle violenze e alla mancanza di strutture sanitarie si aggiunge la piaga dei bambini soldato.

    01/07/2008 INDIA
    Attivista per i diritti umani: “nelle carceri indiane 1.500 morti all'anno per la tortura”
    Lenin Raghuvanshi, commentando i dati emersi dal rapporto 2008 sulle violenze nel Paese, denuncia l’uso arbitrario della forza da parte delle forze dell’ordine per estorcere confessioni. Nel quinquennio 2002/2007 nelle carceri indiane sono morte quasi 7.500 persone.

    22/07/2004 pakistan
    Delitto d'onore e "karo kari" in Pakistan




    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®