1 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/09/2008
PAKISTAN
Balochistan, per un delitto d’onore cinque ragazze sepolte vive
di Qaiser Felix
La polizia ha disposto l’autopsia sui cadaveri delle donne, uccise perchè colpevoli di essersi sposate senza il consenso dei familiari. Una pratica ancora diffusa in alcune zone del Paese, dove vige la “legge della tribù”. Ferma condanna degli attivisti per i diritti umani.

Islamabad (AsiaNews) – Nella tarda serata di ieri la polizia ha disposto la riesumazione dei cadaveri di due donne nel villaggio di Babakot, distretto di Naseerabad, 320 km a est di Quetta, la capitale del Balochistan. Le forze dell’ordine hanno ordinato l’autopsia per chiarire le dinamiche che hanno portato alla morte delle donne, le quali sarebbero state “ferite con colpi di arma da fuoco” e poi “sepolte vive insieme ad altre tre ragazze” in quello che sembra essere un “delitto d’onore” di chiara matrice “tribale”.

Sempre nella giornata di ieri, la polizia del distretto ha attuato un provvedimento di fermo nei confronti di sette sospetti, accusati di essere mandanti ed esecutori del brutale pluriomicidio, in seguito ai risultati emersi dalle indagini volute dal governo pakistano. Fra gli arrestati vi sarebbero anche il padre, il fratello e un cugino delle ragazze assassinate.

La vicenda risale allo scorso 13 luglio, quando tre ragazze sono state barbaramente uccise per essersi sposate di propria iniziativa, senza il consenso di familiari e anziani del villaggio; le altre due donne hanno fatto la stessa fine perché “complici” delle giovani. La vicenda ha scatenato la reazione di attivisti per i diritti umani che ieri hanno organizzato manifestazioni di protesta (nella foto) a Lahore e Islamabad, chiedendo la fine di “pratiche tribali che in nome del codice d’onore” perpetrano violenze e soprusi “verso le donne”.

Il caso delle donne sepolte vive è balzato agli onori delle cronache in Pakistan lo scorso 29 agosto in seguito alle affermazioni di Sardar Israrullah Zehri, senatore del Balochistan, il quale difende la pratica perché appartiene “ai nostri costumi tribali”. Dura la reazione delle associazioni per i diritti umani, che hanno condannato le parole del senatore e ne hanno chiesto le immediate dimissioni.

Le proteste scatenate nel Paese hanno spinto il governo locale e l’assemblea provinciale di Sindh a emettere una risoluzione – passata all’unanimità – nella quale si condanna l’assassinio delle donne, sepolte mentre erano ancora vive, e si chiede di punire i responsabili. I senatori invitano inoltre il governo centrale a far sì che simili delitti “non si ripetano più in futuro”.

Fonti del governo riportano anche l’uccisione di altre tre sorelle (Fauzia, Fatima e Jannat Bibi), morte in seguito a una disputa per dei terreni, ma non vi è certezza su numero perché le vittime potrebbero essere addirittura sette.

Interpellato da AsiaNews, Farid Ahmad – coordinatore per il Balochistan della Commissione per i diritti umani pakistana (Hrcp) – ribadisce che “non vi sono notizie certe al momento né sul numero delle vittime né sul movente”. Egli afferma invece di aver mandato un rapporto dettagliato sulla morte delle cinque donne nel villaggio di Babakot, in seguito al quale “il governo federale ha deciso di aprire una inchiesta per far luce sulla vicenda”.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/10/2008 PAKISTAN
Ancora un “delitto d’onore”: massacrata una ragazza pakistana di 17 anni
di Qaiser Felix
02/05/2006 PAKISTAN
Pakistan: nel 2005 più di mille uccisi per delitti d'onore
di Qaiser Felix
12/06/2009 PAKISTAN
Pakistan, nel 2008 quasi 7mila casi di violenze ai danni dei minori
di Qaiser Felix
01/07/2008 INDIA
Attivista per i diritti umani: “nelle carceri indiane 1.500 morti all'anno per la tortura”
di Nirmala Carvalho
17/08/2006 pakistan - italia
La Chiesa cattolica pakistana condanna l'uccisione di Hina Saleem
di Qaiser Felix

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate