29 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 17/05/2017, 09.36

    CINA

    Bandita una Chiesa domestica protestante: “collaborava con la Corea”



    Si tratta della Chiesa di Berea “Fiume di Vita”, nel Fujian. Avrebbero aperto un istituto di ricerca teologica e diversi luoghi di culto. Pressioni perché i regolamenti aprano di più alla libertà religiosa. Le chiese domestiche non sono luoghi che “disturbano l’ordine sociale”. La repressione verso i cristiani sta portando molti fedeli a scegliere la via “fuorilegge” della pratica sotterranea, fuori dei canali ufficiali.

    Pechino (AsiaNews/CP) – Una chiesa domestica protestate è stata dichiarata fuorilegge nella provincia del Fujian e accusata di “stabilire siti religiosi” e di “collaborare con la Corea [del Sud]”.

    La notizia è stata pubblicata ieri sul Christian Post. Le autorità hanno accusato la Chiesa di Berea [una denominazione protestante] “Fiume della Vita” di aver aperto un istituto di teologia, sostenuto con denaro proveniente dalla Corea e di aver istallato diversi luoghi di culto. Essi hanno anche sequestrato 1.346 yuan (circa 200 dollari Usa) di donazioni, in quanto “introito illegale”.

    La comunità “Fiume della Vita” è stata fondata otto anni fa e raduna ogni domenica diverse decine di fedeli.

    Decine di milioni di cristiani protestanti preferiscono praticare la loro fede nelle cosiddette “chiese domestiche”, ossia dei luoghi non registrati presso il Ministero degli affari religiosi. Ciò li rende di fatto illegali. Ma nel mondo protestante vi è sempre più pressione per allargare la libertà religiosa anche a comunità non registrate, purché non siano dei “culti malvagi”, con conseguenze negative sulla popolazione e sul governo.

    Un avvocato che sta studiando il caso della Chiesa “Fiume della Vita” afferma che “è ridicolo arrestare qualcuno perché partecipa a degli incontri cristiani in casa. Il governo usa spesso la scusa che i cristiani ‘disturbano l’ordine sociale’ per perseguitarli”.

    Nel caso della comunità messa fuorilegge, vi è anche il legame con un Paese straniero che, secondo i regolamenti del governo, dovrebbero essere sottoposti a controllo e evitati il più possibile per far nascere comunità “nazionali e patriottiche”. Il pastore Zhang, intervistato da China Aid fa notare: “Le religioni sono state fondate in diversi Paesi. Per questo è inevitabile che scegliendo una certa religione, uno ‘collabori con poteri stranieri’. Anche Gesù era uno straniero. Questa logica è ridicola. Il nostro governo si arma fino ai denti per controllare il cuore delle persone”.

    Il mese scorso Doug Bandow, del Cato Institute ha dichiarato che “la Cina del presidente Xi Jinping diviene sempre più un posto da paura”, datoche il governo continua a sopprimere il dissenso e i contatti con l’occidente.

    Per Bandow, la crescente persecuzione in Cina mostra che “il dio comunista che ha fallito, teme la competizione [con le altre religioni]”.

    In un suo commento pubblicato sul Japan Times, Bandow fa notare che nonostante la persecuzione religiosa, le riforme economiche intraprese dalla Cina “hanno allargato lo spazio per l’espressione della fede” e che “la libertà non può essere facilmente ristretta”.

    Badow cita un recente rapporto di Freedom House (una ong Usa per la libertà religiosa), in cui si fa notare che la repressione verso i cristiani in Cina sta producendo effetti contrari a quelli voluti dalle autorità. Invece di monitorare la naturale crescita della religione e tenerla sotto controllo”, la repressione “sta costringendo molti credenti a operare fuori della legge, e considerano il regime come irragionevole, ingiusto e illegittimo”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/04/2012 CINA
    Pechino lancia una nuova campagna per eliminare le chiese domestiche protestanti
    Pastori e fedeli vengono schedati e consigliati di entrare nel Movimento delle Tre Autonomie, la chiesa protestante ufficiale, controllata dal Partito. Entro quest'anno si concluderà la schedatura, poi si passerà a "ripulire" e infine a "cancellare" le comunità. Il programma è presente in un documento segreto interno. I cattolici sotterranei temono la stessa sorte.

    25/02/2004 cina
    Due protestanti accusati di "rivelare i segreti di stato" sulle demolizioni di chiese


    08/04/2009 CINA
    Pechino, nuovo arresto per un pastore protestante
    Arrestato il pastore “Bike” Zhang Mingxuan, leader di una comunità “sotterranea” di 250mila fedeli. Pure in carcere Shi Weihan per avere regalato bibbie. Le Chiese domestiche raccolgono oltre 50 milioni di fedeli e il governo vuole “assorbirli” nelle istituzioni ufficiali controllate dal Partito.

    15/12/2006 CINA
    Lo Stato non riesce a “controllare” la fede
    La pretesa del Partito che ogni attività religiosa avvenga dentro organizzazioni statali fa aumentare i fedeli “sotterranei”. Le comunità religiose acquistano sempre maggiore autonomia.

    10/12/2003 cina
    La moglie di un prigioniero si appella ai cristiani di tutto il mondo




    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®