01 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/01/2016, 00.00

    THAILANDIA

    Bangkok: il traduttore della Bibbia in lingua thai nominato cappellano di Sua Santità

    Weena Kowitwanij

    P. Thasanai Komkris, biblista e latinista che ha speso 20 anni di lavoro per preparare l’edizione pubblicata nel luglio 2014. “Thasanai il grande”, 81 anni, ha studiato per anni a Roma e insegnato nei seminari maggiori di Malaysia e Thailandia. Nel 1958 incontrò san Giovanni XXIII.

    Bangkok (AsiaNews) – I fedeli di Bangkok hanno accolto con gioia la notizia della nomina da parte di papa Francesco di p. Thasanai Komkris come cappellano di Sua Santità, titolo onorifico concesso a sacerdoti diocesani meritevoli e di lungo servizio. La decisione del papa risale al 30 novembre scorso, ma l’arcidiocesi della capitale ha pubblicato la notizia solo ieri. P. Komkris ha speso 20 anni di lavoro per preparare l’edizione cattolica della Bibbia in lingua thai.

    Il nuovo cappellano di Sua Santità è nato il 18 settembre 1935 a Songhkal, all’estremo sud della Thailandia, primo di 10 figli di Louis e Elizabeth Komkris. Dopo aver completato la scuola secondaria all’Assunzione, gestita dalla congregazione di San Gabriele, ha continuato gli studi all’Urbaniana di Roma dal 1954 al 1961, ottenendo la laurea magistrale in Filosofia e Teologia.  P. Komkris è stato ordinato sacerdote il 21 dicembre 1960. Tra il 1973 3 il 1976 ha ottenuto un'altra laurea all’Pontificio istituto biblico di Roma.

    La vocazione sacerdotale, racconta il cappellano, è merito di sua madre: “Un giorno mi disse: ‘Se un giorno finirà la guerra ti manderò in un collegio, dove ti verrà insegnato ad essere un brav’uomo’”. Infatti, “quando sono stato mandato alla scuola dei Salesiani nella provincia di Rajchaburi – continua p. Komkris – ho avuto l’opportunità di stare a stretto contatto coi sacerdoti e di partecipare alla messa tutti i giorni, cantando canti in latino. Questo fatto mi ha sfidato ad imparare il latino e, visto che a quel tempo solo i seminaristi potevano impararlo, sono entrato in seminario”.

    P. Komkris ricorda un incontro che ebbe con san Giovanni XXIII, che visitò il Collegio Urbano nel novembre del 1958, un mese dopo la sua elezione: “Sua Santità ci disse per scherzo: ‘La mia casa è giusto dall’altra parte. La mia finestra è dalla parte opposta alla vostra, quindi aprite la finestra così ci vedremo in faccia’”.

    P. Komkris è uno dei maggiori studiosi della Bibbia in Thailandia e ha contribuito alla versione completa del testo sacro pubblicata nel Paese a luglio 2014. Grazie alla sua conoscenza del latino, inoltre, negli anni ha tradotto tutti i documenti della Chiesa in lingua thai. Gli accademici della sua generazione sono soliti chiamarlo “Thasanai il grande”.

    Parlando della sua vocazione, il sacerdote ha detto: “Le benedizioni che Dio dà a ciascuno di noi sono differenti, per alcuni è professare la fede, per altri insegnare etc. Per quasi tutta la vita io sono stato professore al seminario maggiore di Penang, in Malaysia, e poi al seminario maggiore Luxmundi di Bangkok. Ho fatto poco lavoro pastorale nella comunità cattolica”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/07/2014 THAILANDIA
    Bangkok, via libera alla stampa della prima Bibbia cattolica in lingua thai
    L'annuncio è stato dato da mons. Francesco Saverio Vira Arpondratana, responsabile della Commissione Biblica della Conferenza episcopale thailandese. Le prime 16mila copie, stampate in Corea del Sud, saranno disponibili i primi di novembre 2014.

    13/05/2014 THAILANDIA-VATICANO
    Vescovi thai offrono al re le reliquie dei due Papi santi
    Il re Bhumibol ha conosciuto i due santi nel suo lungo periodo di regno: Giovanni XXIII nel 1960 in Italia; Giovanni Paolo II nel 1984 in Thailandia.

    10/03/2010 THAILANDIA
    Una laurea per “nonna Hai”, che combatte per i poveri
    L’università Ramkhamhaeng ha conferito un diploma honoris causa in Scienze politiche a Hai Khanchanta, che nel 1977 ha lanciato una battaglia durata 30 anni contro le requisizioni forzate delle terre dei Baan Natan. Nel 2009, una sentenza le ha dato ragione.

    30/09/2015 FILIPPINE
    Le Filippine rilanciano la Laudato sì: tradotta in tagalog, essa “ispira” il risparmio energetico
    L’edizione a cura della Claretian Communications. La parrocchia di Nostra Signora degli Angeli di Atimonan installa pannelli solari sul tetto. L’impianto da 5 kw consentirà un risparmio mensile di circa 230 euro. La parrocchia impegnata anche contro la costruzione di un impianto elettrico a carbone. Presidente Conferenza episcopale filippina: “L’enciclica ci insegna che il nocciolo della questione del cambiamento climatico è la giustizia”.

    07/02/2005 THAILANDIA
    Quasi certa la rielezione di Thaksin Shinawatra

    Secondo gli exit polls il magnate thailandese si è aggiudicato la stragrande maggioranza dei voti. Gli attivisti per i diritti umani continuano a  criticare la sua politica.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin, il Vaticano e la “logica da banditi” dell’Associazione patriottica

    Gu Feng

    Un sacerdote della Cina centrale ripensa al “voltafaccia” del vescovo di Shanghai e lo paragona a Giovanni il Battista, confinato in prigione dopo le accuse a Erode. La “logica da banditi” dell’Associazione patriottica e del governo tende a eliminare la religione dal Paese. Il Vaticano rischia di contraddirsi venendo a compromessi con l’Associazione patriottica, che papa Benedetto XVI ha definito “incompatibile” con la dottrina cattolica nella Lettera ai cattolici cinesi che papa Francesco non ha smentito, anzi l’ha ribadita.


    CINA - VATICANO
    Il “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, una croce per il bene di Shanghai

    p. Pietro dalla Cina

    Il vescovo ausiliare di Shanghai ha a cuore il benessere della sua diocesi e intende portare da solo il fardello delle sue dichiarazioni di quattro anni fa. Le precisazioni di p. Lombardi sul ruolo della Santa Sede fugano ogni dubbio: la Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa cinese è ancora valida, quindi la posizione dell’Associazione patriottica non è accettata dal Vaticano. Il commento di un sacerdote cinese, traduzione a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®