18 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/05/2017, 14.43

    BANGLADESH

    Bangladesh: in aumento i crimini informatici, soprattutto contro le donne

    Sumon Corraya

    Migliaia di denunce di profili hackerati, furto di dati sensibili e adescamento online. Una pagina Facebook ruba foto di ragazze e le ripubblica sul proprio profilo, aggiungendo didascalie offensive. “Il 73% delle donne che utilizza internet è vittima di cyber bullismo. Di queste, il 23% non sporge denuncia”.

    Dhaka (AsiaNews) – In Bangladesh sono in aumento i crimini informatici, soprattutto a danno delle donne, spesso “ingenue vittime” dei propri carnefici. Il tema è stato affrontato di recente durante un incontro organizzato dalla Bangladesh Christian Association e dalla Vawel Christian Jobo Somity, organizzazione di giovani cristiani. Al centro della discussione, il furto di immagini personali pubblicate su Facebook da alcune ragazze, che poi finiscono per comparire su un’altra pagina del famoso social network: quella di “Next Model girls/vawel gazipur”, che alle foto aggiunge delle didascalie offensive. Ad AsiaNews Sumon Reberio, esperto di informatica, afferma: “Le donne diventano delle vittime a causa della loro scarsa conoscenza della tecnologia. È arrivato il momento di imparare come si usa, per esempio inserendo password più sicure e proteggendo il cellulare”.

    Biran Gomes, presidente della Vawel Christian Jobo Somity, riferisce: “Abbiamo scoperto che più di 50 donne cristiane, la maggior parte studentesse universitarie, sono vittime della pagina Facebook [che ufficialmente è registrata come rivista – ndr]. Quindi ci siamo riuniti per capire come bloccare tale pagina. È stato già avviato un procedimento contro il suo amministratore, ma continuano nella loro attività disonesta”.

    Sumi Gomes (nome di fantasia) è una delle ragazze raggirate. Con voce rotta hai singhiozzi ha raccontato di aver pubblicato “alcune foto sul mio profilo. Pochi giorni dopo ho ricevuto una telefonata da un parente, che mi avvertiva che tutte le mie immagini erano state aggiunte su quella pagina. Ora ho bloccato il mio account per evitare peggiori conseguenze”.

    Il fenomeno del cyber crime è sempre più diffuso nel Paese. Rispetto a pochi anni fa, quando la tecnologia e i mezzi di comunicazione digitali erano poco conosciuti, nell’ultimo periodo sono state presentate migliaia di denunce di profili hackerati, furto di dati sensibili e adescamento online.

    Secondo Tarana Halim, ministro per le Poste e le telecomunicazioni, “il 73% delle donne che utilizza internet è vittima di cyber bullismo o altre forme di crimini in rete. Di queste, almeno il 23% non sporge denuncia. Rispetto a due anni fa, quando non avevamo ricevuto nessuna comunicazione in tal senso, oggi sappiamo che almeno 100 ragazze cristiane sono vittime di questo crimine”.

    Shomit Gomes, (altro nome di fantasia), studente universitario, invece ha deciso di denunciare la sua disavventura e ha chiesto l’aiuto della polizia. Egli riporta che alcuni anni fa, quando viveva ancora nel suo villaggio, ha avuto una relazione sentimentale con una ragazza. A quel tempo i due si sono scambiati foto in atteggiamenti amorosi, presi dal sentimento che li univa. Ora la loro relazione è finita, ma sono rimasti in buoni rapporti. “Non sappiamo come sia potuto succedere – dice – ma le nostre immagini sono finite in mano ad una terza persona che sta ricattando la mia ex fidanzata. Sta minacciando di diffondere le nostre foto su internet, se non gli consegniamo del denaro”.

    Ieri intanto la polizia ha arrestato Safat Ahmen e Shadman Sakif, colpevoli di aver violentato due studentesse universitarie in un hotel di Dhaka. Le giovani hanno sporto denuncia contro i due aggressori, che le avevano anche minacciate di pubblicare online il video dello stupro, se avessero osato parlare della violenza sessuale.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/06/2008 BANGLADESH
    I "timori" del governo dietro gli arresti di massa in Bangladesh
    La maxi operazione anti-crimine, con quasi 12mila arresti, potrebbe nascondere l’intenzione del governo ad interim di “eliminare” avversari politici e scongiurare nuovi moti di piazza. Cresce lo scontento popolare soprattutto per il caro-vita.

    08/06/2010 BANGLADESH
    Dhaka, ripristinato l’accesso a Facebook; vacilla la libertà di stampa
    Il governo riapre le connessioni al social network, oscurato il 29 maggio. Ma Facebook ha ritirato le caricature di Maometto. Critica la situazione della libertà di stampa: polizia e servizi segreti chiudono il quotidiano nazionale Daily Amar Desh e imprigionano il direttore, l’editore e alcuni giornalisti della testata.

    17/12/2015 BANGLADESH
    Dhaka, vivere l’Avvento aiutando il prossimo. Anche con i social network
    Circa 3.500 cattolici bangladeshi hanno aperto una pagina su Facebook per raccogliere fondi e generi di prima necessità da donare ai poveri per Natale. Già iniziata la distribuzione di vestiti caldi e piccoli doni, per affrontare il freddo che precede il Natale. Chi dona “non è ricco, ma ha capito il vero senso della nascita di Gesù”.

    31/05/2010 BANGLADESH
    Dhaka, oscurato Facebook, dopo il diktat dei partiti islamici
    Manifestazione di piazza per protesta contro i siti web Facebook e You Tube, accusati di blasfemia contro il profeta Maometto. Il governo oscura Facebook, dopo che i partiti islamici avevano minacciato dure proteste di piazza.

    13/08/2016 11:17:00 BANGLADESH
    Caritas Bangladesh in aiuto degli alluvionati (Foto)

    I volontari cattolici hanno consegnato circa 50 euro e una busta con oggetti per l’igiene personale a 1650 famiglie. Il Paese deve fronteggiare le peggiori alluvioni degli ultimi 10 anni. Tre milioni di persone colpite, distrutte oltre 15mila case. Al via una campagna di informazione contro infezioni ed epidemie. 

     





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®