24 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 20/07/2012, 00.00

    CINA

    Bao Tong boccia Wen Jiabao: “Ha tradito tutti”



    A Hong Kong esce un nuovo libro del grande dissidente, che raccoglie un centinaio di suoi scritti. Dopo aver ascoltato l’ultimo discorso alla nazione da premier di Wen Jiabao, commenta: “Non si è diplomato. Non fa altro che ripetere quello che diceva Deng Xiaoping, facendo il finto liberale”.

    Pechino (AsiaNews) - Bao Tong, amico personale e segretario dell'ex segretario del Partito comunista Zhao Ziyang, ha "bocciato" il premier cinese Wen Jiabao che "nonostante la sua immagine populista non è stato in grado di iniziare le riforme politiche necessarie alla Cina". Bao, agli arresti domiciliari sin dal massacro di piazza Tiananmen per l'opposizione sua e del suo capo all'intervento militare deciso da Deng Xiaoping, è uno dei dissidenti e analisti più importanti del Paese.

    Il giudizio negativo sul "premier del popolo" è contenuto in un libro - intitolato "Una collezione di saggi" - pubblicato due giorni fa dalla New Century Media di Hong Kong. Si tratta di una raccolta di più di un centinaio di articoli scritti dal grande dissidente nell'ultimo decennio, in cui commenta la vita politica e sociale della nazione.

    Sul primo ministro, Bao scrive dopo aver ascoltato il suo ultimo discorso alla nazione prima del Congresso che, a ottobre, cambierà la leadership comunista: "Gli ho dato 59 punti su 100. Se avesse preso un punto in più sarebbe stato promosso". Il dissidente sposa la tesi di altri analisti, secondo cui Wen ha indossato la "maschera umana" del regime per impedire di fatto l'avanzamento della democrazia occidentale in Cina.

    Secondo Bao, Wen "ha coltivato la propria immagine riformista accennando di tanto in tanto, in pubblico, della necessità di riforme politiche. Ma le sue visioni liberali hanno in realtà una base ben piantata nella linea del Partito: Wen sa essere politicamente corretto in ogni istante. In realtà, non ha fatto altro che ripetere quello che ha detto prima di lui il defunto Deng Xioping. Ha tradito tutti".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/05/2014 CINA
    Wei Jingsheng: Gli eroi di Tiananmen hanno risvegliato la Cina
    Il grande dissidente commemora il 25mo anniversario del Massacro del 4 giugno: "Il Partito e certi intellettuali senza vergogna cercano di sminuire ancora oggi quei coraggiosi giovani, che con il loro sangue hanno rivelato al popolo la verità sul regime e hanno scatenato una richiesta di libertà e democrazia che non sarà mai più incatenata".

    22/11/2012 CINA
    Bao Tong: Le quattro riforme che possono salvare la Cina, se il Partito ubbidisce alla Costituzione
    Il grande statista cinese, agli arresti domiciliari per essersi opposto al massacro di Tiananmen, traccia la linea per la nuova leadership comunista: basta con le ingerenze negli affari civili e giuridici, basta con la censura, basta scontri con lo Stato. In pratica, il Partito deve tornare alla sua “clausola di legittimità”, senza la quale non è più nulla.

    01/04/2009 CINA
    Funzionario del Partito: E' urgente riprendere le riforme democratiche
    Nello stesso Partito comunista sempre più voci chiedono riforme politiche, minor censura e spazio per il dissenso. Premono sui leader, che vogliono parlare solo di economia. La polizia “sequestra” per ore un firmatario di Carta 08.

    29/04/2011 CINA
    Il premier Wen parla di riforme, mentre a Pechino continua la repressione
    In missione in Malaysia, il primo ministro cinese chiede “libertà di pensiero e di espressione” per la popolazione cinese. E un editoriale del Quotidiano del Popolo cita Voltaire: “Non condivido il tuo pensiero, ma mi batto per fartelo esprimere”. Tuttavia, nel Paese continuano gli arresti di dissidenti e critici del regime.

    05/06/2014 CINA
    Tiananmen, "repressione continua" contro chi cerca di ricordare
    Nonostante gli appelli e le critiche della comunità internazionale, Pechino alza il tiro e fa sparire dissidenti e attivisti per i diritti umani che vogliono commemorare le vittime del movimento democratico del 1989. Per la prima volta, il governo del Vietnam va contro la Cina. Le posizioni americane provocano una reazione diplomatica ufficiale. La storia di Miao Deshun, in carcere dal 4 giugno 1989.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®