28 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/07/2012
CINA
Bao Tong boccia Wen Jiabao: “Ha tradito tutti”
A Hong Kong esce un nuovo libro del grande dissidente, che raccoglie un centinaio di suoi scritti. Dopo aver ascoltato l’ultimo discorso alla nazione da premier di Wen Jiabao, commenta: “Non si è diplomato. Non fa altro che ripetere quello che diceva Deng Xiaoping, facendo il finto liberale”.

Pechino (AsiaNews) - Bao Tong, amico personale e segretario dell'ex segretario del Partito comunista Zhao Ziyang, ha "bocciato" il premier cinese Wen Jiabao che "nonostante la sua immagine populista non è stato in grado di iniziare le riforme politiche necessarie alla Cina". Bao, agli arresti domiciliari sin dal massacro di piazza Tiananmen per l'opposizione sua e del suo capo all'intervento militare deciso da Deng Xiaoping, è uno dei dissidenti e analisti più importanti del Paese.

Il giudizio negativo sul "premier del popolo" è contenuto in un libro - intitolato "Una collezione di saggi" - pubblicato due giorni fa dalla New Century Media di Hong Kong. Si tratta di una raccolta di più di un centinaio di articoli scritti dal grande dissidente nell'ultimo decennio, in cui commenta la vita politica e sociale della nazione.

Sul primo ministro, Bao scrive dopo aver ascoltato il suo ultimo discorso alla nazione prima del Congresso che, a ottobre, cambierà la leadership comunista: "Gli ho dato 59 punti su 100. Se avesse preso un punto in più sarebbe stato promosso". Il dissidente sposa la tesi di altri analisti, secondo cui Wen ha indossato la "maschera umana" del regime per impedire di fatto l'avanzamento della democrazia occidentale in Cina.

Secondo Bao, Wen "ha coltivato la propria immagine riformista accennando di tanto in tanto, in pubblico, della necessità di riforme politiche. Ma le sue visioni liberali hanno in realtà una base ben piantata nella linea del Partito: Wen sa essere politicamente corretto in ogni istante. In realtà, non ha fatto altro che ripetere quello che ha detto prima di lui il defunto Deng Xioping. Ha tradito tutti".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/05/2014 CINA
Wei Jingsheng: Gli eroi di Tiananmen hanno risvegliato la Cina
di Wei Jingsheng
22/11/2012 CINA
Bao Tong: Le quattro riforme che possono salvare la Cina, se il Partito ubbidisce alla Costituzione
di Bao Tong
01/04/2009 CINA
Funzionario del Partito: E' urgente riprendere le riforme democratiche
15/05/2009 CINA
Le memorie di Zhao Ziyang rivelano fatti “segreti” del massacro di Tiananmen
29/04/2011 CINA
Il premier Wen parla di riforme, mentre a Pechino continua la repressione

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate