24 Aprile 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/06/2012 16:22
INDONESIA – AUSTRALIA
Battello con 150 profughi naufraga al largo dell’isola di Natale
Gli occupanti erano diretti verso le coste dell’Australia, in una rotta molto battuta dai trafficanti di vite umane. La scorsa settimana era affondata un’altra imbarcazione con 200 rifugiati, oltre 90 le vittime. Canberra chiede accordi per arginare il fenomeno. I richiedenti asilo provengono da zone povere o teatro di guerra come Iraq, Afghanistan e Sri Lanka.

Jakarta (AsiaNews/Agenzie) - Una barca contenente almeno 150 profughi diretti verso l'Australia si è rovesciata a nord dell'isola di Natale, a una settimana di distanza da un incidente analogo che ha causato l'affondamento di un battello sempre nella stessa zona. L'Autorità australiana per la sicurezza in mare (Amsa) riferisce che nella prima mattinata di oggi l'imbarcazione ha lanciato una richiesta di aiuto; all'appello hanno risposto due mercantili che navigavano nelle vicinanze, avviando le operazioni di recupero delle persone cadute in acqua, la cui nazionalità è ancora incerta. Anche due navi della marina di Canberra e un aereo da ricognizione si sono diretti nell'area teatro del rovesciamento per contribuire alle operazioni di soccorso.

Le acque che separano l'Indonesia dall'isola di Natale sono una rotta assai battuta da profughi e richiedenti asilo politico, che transitano attraverso l'Indonesia e con l'aiuto di trafficanti privi di scrupoli cercano di arrivare con ogni mezzo in Australia. Il continente è una meta ambita per persone comuni, perseguitati, prigionieri politici in fuga da aree povere o teatro di guerra come Afghanistan, Iraq o Sri Lanka fra gli altri. Le barche utilizzate per il trasporto sono però inadeguate, sovraffollate e in condizioni pessime tanto da metterne a rischio la navigazione. Nel dicembre 2010 a largo dell'isola sono morte 50 persone nell'affondamento del loro battello.

Secondo quanto riferisce l'Amsa, vi sarebbero dei sopravvissuti all'affondamento del battello ma non specifica il loro numero; le condizioni nella zona sono "buone, ma non ideali" per prestare soccorso. Sulla vicenda è intervenuta anche la premier australiana Julia Jillard che parla di un numero variabile di profughi a bordo: "vi sono buone ragioni per credere che - spiega il Primo Ministro - ci sono fra le 123 e le 133 persone" e aggiunge che secondo "le migliori previsioni 123 sono state recuperate". Il numero impreciso di occupanti, conclude la Jillard, significa che non è possibile capire se e quanti sono al momento i dispersi.

La scorsa settimana 110 persone sono state soccorse nella stessa zona, in seguito all'affondamento di una nave carica di profughi con oltre 200 persone a bordo, in maggioranza rifugiati afghani. Le vittime sono più di 90, ma i soccorritori hanno potuto recuperare solo 17 corpi. Il dramma degli affondamenti e i tentativi di sbarco sono causa di un profondo scontro politico a Canberra fra maggioranza labourista e opposizione liberal. L'esecutivo ha inoltre rilanciato la richiesta di un accordo di massima con la Malaysia per arginare il fenomeno e contenere l'emergenza.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/04/2014 COREA
Corea, nel 2014 aumentano i rifugiati dal Nord al Sud della penisola
04/10/2006 vaticano
Vaticano: date ai rifugiati un po' di quello che si spende per le armi
14/07/2011 MYANMAR - USA
Washington, un altro diplomatico birmano chiede asilo politico
20/06/2005 cina - australia
Spie cinesi chiedono asilo e mettono in crisi i rapporti fra Pechino e Canberra
24/07/2013 AUSTRALIA – INDONESIA
Indonesia, affonda un barcone di profughi diretto in Australia: almeno 3 vittime

In evidenza
ITALIA - ASIA
Pasqua, la vittoria sulla morte e l'impotenza
di Bernardo Cervellera
SIRIA
Gesuita siriano: Mi manchi, p. Frans. Hai ispirato tutti noi
di Tony Homsy*Un giovane sacerdote della Compagnia ricorda la vita e l'operato di p.Frans van der Lugt, ucciso a Homs dopo aver rifiutato di abbandonare la popolazione piagata da fame e guerra: "Ha dato e continua a dare tutto per la Chiesa, per la Siria, per la pace. La sua testimonianza e le sue doti ne hanno fatto un missionario e un testimone del Vangelo eccezionale". Per gentile concessione del "thejesuitpost" (traduzione a cura di AsiaNews).
FRANCIA - IRAQ
Patriarca caldeo: il futuro fosco dei cristiani d'Oriente, ricchezza in via di estinzione per Occidente e Islam
di Mar Louis Raphael I SakoLe guerre in Iraq, Libia e Afghanistan hanno peggiorato la condizione dei popoli, in particolare le minoranze. Le politiche fallimentari promosse dall'Occidente. Cresce il fondamentalismo, la Primavera araba svuotata dagli estremismi. Il ruolo delle autorità musulmane nella tutela di diritti e libertà religiosa. La presenza dei cristiani in Medio oriente è fondamentale per i musulmani.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate