18 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/06/2011, 00.00

    LIBANO

    Beirut, omicidio Hariri: mandato d’arresto per 4 membri di Hezbollah



    Gli ordini di cattura emessi in base agli atti del Tribunale speciale internazionale Onu. Soddisfazione del figlio ed ex premier Saad Hariri, che parla di “momento storico”. A rischio la nascita del nuovo governo sciita e filo-siriano. Lo scontro politico potrebbe trascinare il Libano nel caos.
    Beirut (AsiaNews/Agenzie) – La magistratura libanese ha spiccato quattro mandati di arresto nei confronti di altrettanti leader del movimento sciita Hezbollah. Gli ordini di cattura sono il frutto degli atti trasmessi dal Tribunale speciale internazionale (Tsl) Onu, costituito nel 2005 per far luce sull’assassinio dell’ex Primo Ministro Rafik Hariri. Il figlio ed ex premier Saad accoglie con favore la notizia e parla di un “momento storico” per il Paese. Tuttavia, la decisione dei giudici peserà come un macigno sul neonato governo appoggiato da Hezbollah e potrebbe far da detonatore per una nuova e sanguinosa guerra civile.

    Questa mattina i tre giudici che costituiscono il Tsl hanno consegnato al Procuratore generale libanese Saeed Mirza una copia del rapporto. Fonti locali riferiscono che i quattro indiziati sarebbero Mustafa Badreddine, Salim Ayyash, Hassan Issa e Assad Sabra. Essi sarebbero personaggi di primo piano di Hezbollah e avrebbero avuto un ruolo attivo nell’ideazione e nell’esecuzione materiale dell’attentato.

    Il 14 febbraio 2005 un attacco bomba a Beirut ha causato la morte dell’allora Primo Ministro Rafik Hariri e di altre 21 persone, molte delle quali erano membri della sua scorta. Fin da subito i sospetti sono caduti sul movimento estremista sciita libanese Hezbollah e sui servizi segreti siriani, anche se Damasco ha più volte negato ogni coinvolgimento.

    Il Tsl ha sede all’Aja e più volte è stato oggetto di denunce da parte degli estremisti sciiti, che non riconoscono l’autorità dei giudici. Le divisioni sul Tribunale internazionale sono state più volte in passato causa di disordini sociali e problemi politici.

    L’attuale premier Nagib Mikati invita i libanesi “all’unità e alla saggezza”, per evitare ulteriori spaccature e conflitti interni. Del resto Hezbollah e i suoi fedelissimi costituiscono la componente maggioritaria del nuovo esecutivo – filo siriano – formato da poco, dopo cinque mesi di negoziati e stallo politico. Adesso la procura libanese ha 30 giorni di tempo per eseguire i fermi; questo arco di tempo coincide con la scadenza fissata per il 13 luglio, giorno in cui il capo del governo si presenterà in Parlamento per presentare il programma.

    Se la nascita del governo è a rischio, ancor più fosco sembra il futuro del Libano che rischia di precipitare in una nuova e sanguinosa guerra civile.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/07/2011 LIBANO
    Beirut è tranquilla (per ora) dopo i mandati di arresto per Hezbollah
    Il Libano ha 30 giorni di tempo per arrestare i sospetti assassini di Rafic Hariri. Nella capitale domina l’attesa e la circospezione per vedere la tenuta del governo, dominato da Hezbollah. Ma molti pensano che dietro Hezbollah vi siano la Siria e magari Washington.

    23/09/2010 LIBANO
    Beirut, si aggrava la crisi fra sciiti e sunniti
    La corte internazionale che indaga sull’omicidio Hariri potrebbe incolpare alcuni membri del movimento Hezbollah.Il leader Nasrlallah bolla la corte come “progetto israeliano” e parla di false accuse. Il premier smorza i toni dello scontro e chiede “verità e giustizia”. Arabia Saudita, Iran e Siria si muovono per scongiurare nuove violenze.

    28/12/2010 LIBANO
    Timori crescenti a Beirut per l’approssimarsi delle accuse del TSL contro Hezbollah
    Varie fonti affermano che l’atto di accusa del Tribunale speciale è “molto vicino” e che chiamerà in causa “alti esponenti” del Partito di Dio e della Siria. Timori che la crisi possa provocare violenze sono stati espressi da vescovi cristiani durante le celebrazioni natalizie.

    29/10/2010 LIBANO
    Onu: “inaccettabile intimidazione” l’invito di Hezbollah a boicottare il Tribunale Hariri
    Dura la replica del segretario delle Nazioni Unite al capo del Partito di Dio che accusa il Tribunale speciale per il Libano: “tutto quello che apprende arriva a Israele”. L’attacco di Nasrallah provocato dalle voci che vorrebbero accusati dell’attentato uomini del suo Partito di Dio. Il timore che la tensione tra sunniti e sciiti possa esplodere in scontri.

    30/09/2010 LIBANO - VATICANO
    Patriarcato maronita : In Libano “tensione crescente” fino allo scontro armato
    Cresce il conflitto fra il premier Saad Hariri e gli Hezbollah a causa delle illazioni sul tribunale dell’Onu che – si dice – condannerà Hezbollah per aver contribuito all’assassinio di Rafic Hariri. I vescovi si preparano ad andare a Roma per il Sinodo del Medio oriente, ma si teme una guerra fra sunniti e sciiti.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®