18 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/08/2006, 00.00

    LIBANO

    Beirut sotto le bombe: il 70% dei cristiani pronti ad emigrare



    La popolazione si sente abbandonata. Il vescovo maronita di Jbeil parla di una "vera crisi" per i cristiani. Caritas Libano denuncia poca collaborazione delle organizzazioni governative. Inchiesta israeliana ammette: "Cana è stato un errore".

    Beirut (AsiaNews) – Continua l'offensiva israeliana in Libano, dove ieri notte sono ripresi i bombardamenti sulla capitale. La popolazione, raccontano testimoni oculari, è "allo stremo", mentre si teme che la riapertura dell'aeroporto internazionale di Beirut dia il via ad un vero e proprio esodo dei cristiani dal Paese dei Cedri.

    L'aviazione di Israele ha colpito i quartieri meridionali della capitale libanese, ritenuti roccaforte delle milizie Hezbollah. Era da alcuni giorni che la città, presa di mira dalle forze armate israeliane fin dall'inizio delle ostilità il 12 luglio, non veniva bombardata. Anche la regione settentrionale di Akkar, vicina al confine siriano, è stata colpita nella notte dai jet con la stella di David, mentre va avanti l'offensiva di terra con l'impiego di 10mila uomini. Procedono anche le operazioni delle milizie del Partito di Dio che stamattina presto hanno lanciato razzi sull'Alta Galilea.

    Dalle testimonianze raccolte da AsiaNews, i libanesi si sentono ormai abbandonati e senza speranza: tutti sono stanchi di sentir parlare di progetti politici o diplomatici e vogliono solo tornare a vivere in pace, "riprendere le lezioni a scuola, fare il pieno di benzina alle auto". "Il Libano è un Paese abbandonato – dicono – la gente non ha più lavoro ed è senza speranza". Le critiche sono dirette anche allo stesso governo libanese. Il direttore della Caritas locale, il maronita p. Louis Samaha, per esempio, ha chiesto all'organizzazione governativa "Associazione di Soccorso Nazionale" "di collaborare di più" a favore della popolazione.

    Ma nella crisi degli sfollati preoccupa molto anche il futuro della presenza cristiana nel Paese. C'è infatti chi suona un preoccupante campanello d'allarme, secondo il quale "più del 70% dei cristiani rimasti ancora in Libano ha intenzione di partire appena riaprirà l'aeroporto internazionale di Beirut". Secondo mons. Bechara Rai, vescovo di Jbeil dei maroniti, si tratta di "una vera crisi" per i cristiani in Libano. E in polemica con chi auspica un "nuovo Medio Oriente", avverte che "quando questo progetto sarà concretizzato, forse sarà troppo tardi per i cristiani". La preoccupazione investe però tutta l'area, se si ricordano le parole di Giovanni Paolo II, secondo il quale "la presenza cristiana in Libano è una condizione necessaria per salvare la presenza dei cristiani in Medio-Oriente".

    La solidarietà che Benedetto XVI continua ad esprimere alla regione è accolta con grande favore dai libanesi. Soprattutto dopo l'appello di ieri Papa, quando ha nominato l'orrore di Cana. Riguardo al bombardamento del villaggio libanese che ha sollevato un coro di condanne internazionali verso Israele, un'inchiesta interna resa pubblica oggi rivela che il bombardamento "è stato un errore". Se fosse stato noto che vi erano civili "l'attacco non sarebbe stato effettuato" si legge in una nota della Difesa israeliana. Il Libano sostiene che almeno 54 persone sono state uccise, fra cui molti bambini. Un'indagine di Human Rights Watch parla invece di 28 cadaveri rinvenuti e 13 dispersi. (YH)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/08/2006 LIBANO - ISRAELE
    Israele colpisce città cristiane a nord di Beirut

    Si tratta di Jounieh, Byblos e Fidar: distrutti i ponti che le collegavano al resto del paese. Si aggrava la crisi umanitaria. Fares Boueiz, ex ministro libanese degli Esteri: "Dov'è la coscienza del mondo?". Critiche anche ai Paesi arabi.



    23/09/2006 LIBANO - ISRAELE
    Negative le reazioni alle parole di Nasrallah nella festa della vittoria

    Prime reazioni israeliane e di analisti libanesi al discorso del leader Hezbollah, che ieri davanti a migliaia di sostenitori ha festeggiato la "vittoria divina" sullo Stato di Israele.



    16/08/2006 Libano – Vaticano
    Conclusa la visita del card. Etchegaray, inviato del papa in Libano

    Appelli all'unità e alla solidarietà fra cristiani e  musulmani da Harissa e da Baabda. La messa al santuario di Nostra Signora del Libano e il grido di Giovanni Paolo II: O Libano, tu non morirai.



    29/07/2006 Israele – Libano
    Israele, no alla tregua Onu

    Il ministro degli Esteri Livni spiega che non sono necessarie le 72 ore di tregua chieste dalle Nazioni Unite, data l'esistenza del corridoio umanitario. Stasera torna il Segretario di Stato Usa da Olmert.



    30/08/2006 israele - Onu- Libano
    Annan – Olmert: i passi per attuare la risoluzione 1701

    La liberazione dei soldati israeliani, la fine del blocco navale sul Libano, ma soprattutto il disarmo degli Hezbollah sono le questioni-chiave.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®