31 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/06/2012
PAKISTAN
Bibbie in regalo a leader islamici, per costruire ponti di pace in Pakistan
di Joseph Laldin
È l’iniziativa lanciata dal direttore di un movimento cristiano. Al seminario hanno partecipato 40 personalità cristiani, musulmani e indù. Studioso islamico ringrazia e aggiunge: cristiani cittadini che “amano il Paese” e impegnati nei settori della “sanità e istruzione”. Leader musulmano: gesti e parole di Gesù fonte di “ispirazione”.

Multan (AsiaNews) - Partecipare a un seminario sul "Concetto di Dio nel cristianesimo", ricevere in dono una Bibbia, conoscere più fondo le tradizioni della minoranza religiosa e promuovere - nel concreto - "ponti di pace" fra le due comunità in Pakistan. È con questo spirito che oltre 40 persone, fra cui diverse personalità islamiche, hanno aderito alla tre giorni di seminario che si è tenuta nei giorni scorsi a Multan, nel Punjab. L'iniziativa è partita da Asher William, cristiano e direttore di Pakistan Outreach, un'organizzazione impegnata nel dialogo fra fedi diverse, nella miglioramento dell'armonia sociale e nell'opera di testimonianza del Vangelo. "Una giornata meravigliosa, storica", che ha rappresentato "una pietra miliare nella mia vita": così, nel colloquio con AsiaNews, l'uomo definisce il momento in cui "ho consegnato 15 copie della Bibbia a leader musulmani e altri fedeli", talmente carico di significati da non riuscire "a spiegarlo con le parole".

"Ringrazio Dio per la straordinaria benedizione" afferma il direttore di Pakistan Outreach, ripensando alla tre giorni, dal 13 al 15 giugno, trascorsa a Multan in occasione del seminario "Promuovere la pace e l'armonia sociale" cui hanno aderito cristiani, musulmani e indù. Egli confida il desiderio di "costruire ponti fra comunità" e di contribuire alla nascita di una società "basata sull'uguaglianza, la non-violenza e libera da discriminazioni".

Fra i delegati musulmani che hanno preso parte all'evento e ricevuto copia della Bibbia (nella foto), vi sono due personalità di primo piano: Al-Haaj Tahir Abas Naqvi e Ejaz Mehmood. Il primo, insignito del titolo di Al-Haaj per aver compiuto due volte il pellegrinaggio alla Mecca e per il grado di "sapienza" negli studi islamici, ha sottolineato che "tenere fra le mani la Santa Bibbia è un'esperienza meravigliosa e un giorno da ricordare". Naqvi promette che "la leggerò sicuramente e chiederò benedizioni per la mia famiglia". Egli ammette che, in passato, aveva alcune concezioni sbagliate sui cristiani in Pakistan. "Pensavo fossero contro l'islam e contro il Paese" commenta ad AsiaNews, ma "ho incontrato persone amichevoli, amabili e cittadini impegnati" in particolare nei settori della "sanità e istruzione".

Gli fa eco Ejaz Mehmood, esperto di legge islamica, che invita "le due principali comunità" in Pakistan, musulmani e cristiani, a "vivere assieme in pace". Egli biasima il governo per l'introduzione di norme e leggi che definisce discriminatori contro le minoranze religiose, alla base di molti dei problemi che si registrano oggi nella società. L'apprendimento del "Concetto di Dio nel cristianesimo", oggetto del seminario, ha rappresentato per Mehmood un'esperienza significativa anche per le "analogie" fra la Bibbia e il Corano. L'incontro è anche servito a cambiare la percezione sui cristiani e a "trarre ispirazione dagli insegnamenti e dai gesti di Gesù".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
27/02/2007 PAKISTAN
Minacce di morte al vescovo di Faisalabad e a due musulmani, impegnati nel dialogo
di Qaiser Felix
29/10/2004 PAKISTAN
Cristiani e musulmani: "Sconfiggere la cultura della violenza"
20/01/2005 PAKISTAN
Cristiani pakistani pregano per ecumenismo e dialogo interreligioso
30/09/2004 VATICANO – PAKISTAN
Papa a Musharraf: "Alimentare dialogo e tolleranza"
13/06/2014 MALAYSIA
Leader cristiano malaysiano: Dopo la restituzione delle Bibbie, tempo di perdono

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate