20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/08/2017, 12.12

    INDIA-NEPAL

    Bihar, due coppie cristiane nepalesi fermate per ‘conversioni forzate’

    Nirmala Carvalho

    I quattro nepalesi hanno evangelizzato per un mese alcuni quartieri della città di Muzaffarpur. Sono accusati di aver tentato di convertire i poveri con allettamenti in denaro. Ma non vi è alcuna prova. La Costituzione indiana garantisce il diritto di propagare la propria fede.

    New Delhi (AsiaNews) - Due coppie nepalesi cristiane sono state arrestate dalla polizia perché accusate da un gruppo di locali di possibili “conversioni forzate”. Il presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), Sajan K George, ricorda ad AsiaNews che la Costituzione indiana garantisce il  “diritto alla libertà di coscienza e a professare, praticare e propagare la religione”.

    Le coppie, dei quali non è stato rivelato il nome, provengono dalla cittadina nepalese di Chiton Narayangarh e si trovavano da circa un mese a Muzaffarpur (Bihar). In questo mese, le due coppie, sono state ospiti in un albergo nella zona dell’Ahodia market, ma ogni giorno hanno visitato una zona della città, predicando il cristianesimo e rivolgendosi soprattutto ai poveri e agli analfabeti.

    Un consigliere locale e sua suocera sono stati i primi a criticare i nepalesi ed hanno depositato una denuncia contro le due coppie, accusandole di convertire la gente con mezzi fraudolenti. Ad essi si sono aggiunti altre sei persone con la stessa denuncia: di avere come obbiettivo i poveri e spingerli ad abbracciare il cristianesimo con promesse allettanti.

    Il primo agosto scorso i nepalesi sono stati allora fermati nella stazione di polizia di Kaji Mohammedpur. Essi rifiutano l’accusa di aver usato allettamenti di denaro per spingere i poveri a convertirsi al cristianesimo: dicono che hanno usato solo la loro parola, parlando del cristianesimo e delle cose scritte nella Bibbia.

    Sajan K George lamenta la crescita del numero di “arresti di cristiani, sotto le false accuse di conversioni forzate”.  Da tempo in 7 Stati dell’India vi è una legge che proibisce le conversioni forzate, dietro promesse di denaro o lavaggio del cervello. L’ultimo Stato che ha varato tale legge è il Jharkhand. Tale legge non frena le conversioni, ma obbliga a una macchinosa verifica statale dei motivi per cui una persona si converte.

    La situazione è andata peggiorando da quando il Bjp, il partito nazionalista indù, ha preso il potere a livello centrale gettando sospetti su ogni conversione e sul lavoro di evangelizzazione delle Chiese cristiane.

    Il caso delle coppie nepalesi è un esempio: i quattro stavano in effetti evangelizzando, ma le accuse dicono che esse tentavano i poveri con allettamenti, senza portare alcuna prova. “L’art 25(1) della Costituzione Indiana - afferma il presidente del Gcic - dice che ‘tutte le persone’, non solo i cittadini indiani, hanno diritto alla libertà di coscienza e a professare, praticare e propagare la religione liberamente. Condividere la Buona Novella non è un gesto illegale o criminale. Condividere con gli altri il Vangelo non è un crimine, eppure [i nepalesi] sono stati arrestati. L’India è una società multi-etnica, multi-linguistica, multi-religiosa e multi-culturale con garanzie costituzionali”.

    “Per la nostra India indipendente - conclude - è una grande vergogna che i cristiani, un minuscolo 2,3% della popolazione, vivano in un clima di paura ed intimidazione”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/08/2017 11:55:00 INDIA
    Jharkhand, nuova legge anti-conversione. Card. Toppo: Non esistono conversioni forzate

    Proibite conversioni avvenute con la forza o dietro allettamenti materiali. Pene fino a tre anni di prigione e a 50mila rupie di multa; pene maggiori se si cerca di convertire giovani ragazze o donne tribali.  Negli ultimi 10 anni, nel Jharkhand la popolazione indù è cresciuta del 21%; i cristiani del 29,7%, i musulmani del 28,4%. Per i nazionalisti indù, vi sono “forze che cercando di distruggere la società indulgono nelle conversioni da tanto tempo”. Le critiche del partito vicino ai tribali. Sobria la risposta musulmana. Card. Toppo: Siamo gente libera. Nessuno può forzare un altro a convertirsi.



    20/06/2013 INDIA
    Leader cristiano: L'hindutva non è la speranza dell'India
    Per il capo del gruppo estremista indù Rashtriya Sawayamsevak Sangh (Rss), l'ideologia radicale induista è "l'unico modo per cambiare il Paese". Presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic) accusa: "Si sono sempre opposti all'uguaglianza sociale; se si sostengono le caste non si può parlare di cambiamento".

    10/11/2009 INDIA
    Karnataka: indù si infiltrano tra i cristiani per accusarli di forzare alla conversione
    Il fenomeno denunciato dall’ex parlamentare H T Sangliana. È un espediente per creare “psicosi” tra i cristiani e “avvelenare” l’opinione pubblica. Oltre 70 denunce di conversioni forzate non hanno mai trovato riscontro. Il Global Council of Indian Christians denuncia discriminazioni anche nella distribuzione degli aiuti agli alluvionati.

    28/05/2007 INDIA
    Migliaia di indù si convertono al buddismo “per essere trattati da esseri umani”
    Almeno 5mila convertiti in un solo giorno a Mumbai. Sono Dalit e tribali, all’ultimo posto del sistema indù delle caste, che sperano di ottenere una nuova dignità sociale ed umana.

    11/07/2011 INDIA
    Andhra Pradesh, accoltellato un pastore pentecostale. Gcic: Lo Stato è “complice”
    Quattro radicali indù lo accusavano di conversioni forzate. Per Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), l’aggressione è una “vergogna” per uno Stato laico come l’India. Anche in Karnataka e in Orissa non c’è pace per i cristiani.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®