12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 11/10/2017, 08.43

    COREA-USA

    Bombardieri sorvolano la penisola coreana. Jimmy Carter spinge al dialogo



    Partiti da Guam, hanno sorvolato il cielo della Sudcorea e hanno sganciato bombe nel mare. Per il Sud si tratta di “addestramento regolare”. Per gli Usa è un impegno con gli alleati per salvaguardare la sicurezza regionale e la stabilità. L’ex presidente Usa Carter vuole incontrare Kim Jong-un.

    Seoul (AsiaNews/Agenzie) - Due bombardieri B-1B delle forze aeree Usa, insieme a jet da combattimento sudcoreani e giapponesi hanno sorvolato la notte scorsa la penisola coreana.

    I bombardieri sono partiti dalla base di Guam. Dopo essere entrati nello spazio aereo sudcoreano, hanno compiuto un’esercitazione di lancio di bombe nel mare di fronte alla costa est della Corea del Sud. Hanno raggiunto poi il mare fra la Corea e la Cina e hanno ancora sganciato delle bombe in acqua.

    I capi dello Staff congiunto della Corea del Sud hanno spiegato che i voli sono parte di un “addestramento regolare” che mira ad aumentare la capacità di una “estesa deterrenza” contro il Nord.

    Il comando militare Usa ha dichiarato che “la missione di una continua presenza di bombardieri” dimostra la prontezza nel combattere nella zona Indo-Asia-Pacifico, manifestando “un impegno di alleanza indistruttibile” per salvaguardare la sicurezza regionale e la stabilità.

    Il mese scorso, bombardieri Usa hanno volato in acque internazionali vicine al Nord, in una operazione notturna indipendente. In agosto, Pyongyang ha minacciato di lanciare dei missili per colpire Guam.

    Nei mesi scorsi sono cresciute le minacce reciproche fra Stati Uniti e Corea del Nord, promettendosi reciprocamente una completa distruzione.

    Proprio mentre sale la tensione, Park Han-shik, accademico sudcoreano all’università di Georgia, ha dichiarato al giornale Joong Ang Daily che il 93enne ex presidente Jimmy Carter è intenzionato ad andare a Pyongyang e incontrare il leader Kim Jong-un per “contribuire nello stabilire un permanente stato di pace nella penisola coreana”.

    In un commento pubblicato nel Washington Post la scorsa settimana, Carter descrive la situazione della Nordcorea “la più seria minaccia esistenziale alla pace mondiale” e implora Washington e Pyongyang a trovare una via pacifica per disinnescare la tensione e “raggiungere un duraturo accordo di pace”.

    Carter spiega che ogni pressione per spingere il Nord ad abbandonare i suoi programmi balistici e nucleari falliscono nella misura in cui il regime pensa che sia in gioco la sua sopravvivenza.

    Al presente, una qualunque delegazione, anche non ufficiale, guidata da Carter avrebbe bisogno dell’approvazione del governo Usa, dato che vi è il divieto per i cittadini statunitensi di recarsi in Corea del Nord.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/08/2017 10:01:00 COREA-USA
    Al via le esercitazioni militari Usa-Corea del Sud. Pyongyang: Benzina sul fuoco

    Le Ulchi Freedom Guardian coinvolgono 17.500 militari Usa e quasi 50mila sudcoreani. Per la Corea del Nord esse sono un esperimento di “invasione”.



    26/09/2017 09:00:00 COREA DEL NORD-USA
    ‘Guerra dichiarata’: Washington nega; Pyongyang minaccia

    Ministro degli esteri Ri Yong-ho: Gli Usa ci hanno dichiarato guerra. Abbiamo diritto di abbattere i bombardieri Usa. La Casa Bianca: Idea assurda. Timori che la “guerra di parole “ si trasformi “in azioni reali”. Onu, Russia, Cina, Corea del Sud chiedono di ridurre le provocazioni reciproche. A Pyongyang, foto e video di un bombardiere Usa e di una portaerei colpiti da missili nordcoreani.



    22/09/2017 09:05:00 COREA-USA
    Kim Jong-un risponde al “demente” Trump

    Per la prima volta un leader coreano si rivolge a una audience internazionale. Trump “pagherà caro per il suo discorso” all’Onu, “insensato e rude come mai prima d’ora”. Ipotizzato il lancio di una bomba all’idrogeno nell’oceano Pacifico. Cina e Russia spingono alla calma e a non farsi prendere dalla “isteria militare”. Moon Jae-in: Noi non desideriamo il crollo della Corea del Nord.



    07/08/2017 09:00:00 COREA
    Manila, i ministri degli esteri di Sudcorea, Usa e Giappone valutano la posizione di Pyongyang

    La proposta di mediazione del presidente sudcoreano Moon Jae-in è sostenuta dalla Cina e in parte dagli Usa. Prima stretta di mano fra i ministri degli esteri del Nord e del Sud nell'epoca Moon. La risoluzione Onu dà fiato alle diplomazie nel tentativo di scongiurare la guerra. Moon e Trump a colloquio telefonico.



    15/06/2017 15:22:00 COREA DEL NORD - USA
    Pyongyang: Otto Warmbier rilasciato ‘per motivi umanitari’

    Lo studente in coma da marzo 2016, dopo essersi ammalato di botulismo. Il ragazzo consegnato agli Usa sulla base di un’ordinanza disposta dalla Corte centrale. La famiglia:  “terrorizzato e brutalizzato dal regime di Kim Jong-Un”. Il rilascio avvenuto dopo una serie di frenetici contatti diplomatici segreti.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®