23 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/07/2005, 00.00

    EGITTO

    Bombe a Sharm, la polizia cerca 6 pakistani



    Bilancio ufficiale dei morti, 64; ma fonti ospedaliere riferiscono di oltre 88 vittime.

    Sharm el-Sheik (AsiaNews/Agenzie) – La polizia egiziana è in cerca di 6 uomini di nazionalità pakistana in connessione alle bombe del 23 luglio scorso a Sharm el-Sheik. Foto segnaletiche dei ricercati sono già state distribuite a tutti i commissariati di Sharm e del circondario. Intanto la polizia ha arrestato e sta interrogando 70 persone. Nessuno dei detenuti è ancora accusato di essere coinvolto negli attentati coordinati alla famosa località turistica egiziana. Secondo il ministero egiziano della Sanità, il bilancio delle vittime è di almeno 64 persone; gli ospedali che stanno affrontando l'emergenza parlano di oltre 88 morti.

    Funzionari della sicurezza hanno dichiarato che gli attacchi al Ghazala Gardens hotel, al parcheggio di Naama Bay e nell'affollata zona del mercato vecchio sono stati condotti da 4 persone. La stessa fonte, anonima, ha reso noto che i 4 nascondevano nei rispettivi veicoli almeno 400 Kg di esplosivo coperti da verdure.

    Due degli attentatori hanno lasciato un furgone Isuzu verde pieno di esplosivo nella zona del mercato vecchio. La bomba ha provocato un cratere ampio 5 m. al centro della strada.

    Per trasportare l'esplosivo, gli altri 2 hanno usato un pickup bianco. Uno è uscito dal veicolo e ha depositato una bomba a orologeria nel parcheggio auto; l'altro, con il rimanente esplosivo, si è lanciato con la vettura contro il Ghazala hotel, 150 m. più avanti.

    Il ministro degli Interni egiziano ha dichiarato che si sta investigando su possibili legami tra l'attentato di ottobre a Taba e le bombe di Sharm.

    Intanto ieri è avvenuta un esplosione a diversi chilometri da un bazar turistico nei pressi della piramide di Giza. L'esplosivo era portato da un uomo, rimasto gravemente ferito; non si registrano morti. La sicurezza aspetta di interrogare Sami Gamal Ahmad, 33 anni, per capire se stava trasportando l'esplosivo verso la vicina area turistica di Kerdassa, quando in modo accidentale questo è, invece, esploso nei pressi Kufr Tuhurmus.

    Il Governo ha aumentato le misure di sicurezza al Cairo e nella zona delle piramidi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/01/2017 13:02:00 EGITTO
    Sinai, attacco a un checkpoint della sicurezza egiziana: otto morti e dieci feriti

    Nell’attentato coinvolti poliziotti e civili. Finora non vi sono rivendicazioni ufficiali dell’attentato. Un gruppo di terroristi ha aperto il fuoco a un punto di controllo, poi è sopraggiunta una vettura imbottita di esplosivo. Danni agli edifici circostanti. È il secondo attacco nella zona del Sinai da inizio anno.

     



    07/07/2005 VATICANO - GRAN BRETAGNA
    Papa: attentati a Londra "atti barbarici contro l'umanità"


    13/09/2004 INDONESIA
    Elezioni presidenziali compromesse dall'attentato
    Mons. Ranjith, Nunzio a Jakarta: "Contro l'odio occorre più dialogo fra le comunità religiose".

    22/12/2006 INDONESIA
    La Corte Suprema assolve Ba’asyir dalle accuse
    Il chierico islamico radicale è stato accusato di avere partecipato agli attentati esplosivi del 2002 e 2004. Ferma critica della polizia, che ritiene certe le prove della responsabilità. I suoi legali preannunciano azioni per la piena riabilitazione.

    07/01/2016 EGITTO - ISRAELE
    Giza, spari contro bus e hotel di turisti vicino alle piramidi
    Due uomini armati hanno aperto il fuoco contro il Three Pyramids Hotel e un pullman. Fra i turisti a bordo del mezzo vi erano anche arabi israeliani. Gli attentatori, che hanno lanciato anche razzi e Molotov, identificati e fermati dalle forze di sicurezza. Al momento non si registrano morti, né feriti.



    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®