18 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/05/2016, 11.26

    IRAN - ARABIA SAUDITA

    Braccio di ferro fra Riyadh e Teheran. Quest’anno nessun pellegrino iraniano all’Hajj



    Per il ministro iraniano della Cultura i sauditi hanno mantenuto “un atteggiamento freddo e inappropriato”. Da Riyadh un “sabotaggio” per impedire la partecipazione al pellegrinaggio maggiore. Ora è “troppo tardi” per cercare una soluzione di ripiego. Dietro il mancato accordo il nodo relativo alla modalità di rilascio dei visti.

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) - Quest’anno non vi saranno cittadini iraniani all’Hajj, il tradizionale pellegrinaggio maggiore alla Mecca, il cuore dell’islam, che quest’anno si tiene a settembre. Teheran e Riyadh, da tempo ai ferri corti per l’assalto all’ambasciata saudita in Iran in risposta all’esecuzione di un dignitario sciita nel regno, non hanno infatti raggiunto l’accordo sulla modalità di rilascio dei visti e la sistemazione dei pellegrini. 

    A dare l’annuncio è Ali Jannati, ministro iraniano della Cultura intervistato dall’agenzia ufficiale Irna, il quale afferma che “non sono state soddisfatte le condizioni” e ora è “troppo tardi” per trovare una soluzione dell’ultima ora. Egli ha inoltre aggiunto che “il sabotaggio” e la ragione del mancato accordo è da imputare “alla controparte saudita”. “Il loro [dei sauditi] atteggiamento - prosegue il ministro iraniano - è stato freddo e inappropriato. Non hanno accettato le nostre proposte in merito al rilascio dei visti, la modalità di trasporto e la sicurezza stessa dei pellegrini”.

    I funzionari di Riyadh hanno invitato i musulmani iraniano a “viaggiare in un Paese terzo” per “chiedere il rilascio dei visti”. Di contro, l’Iran chiede che i permessi siano concessi attraverso l’ambasciata svizzera a Teheran, che si occupa anche degli interessi di Riyadh dopo la chiusura della sede diplomatica saudita. 

    Il mese scorso una delegazione iraniana ha incontrato per quattro giorni alti funzionari sauditi, nel tentativo di raggiungere un accordo, cercando di capitalizzate i timidi segnali “di disgelo” fra le due potenze regionali sui visti per l’Hajj. Tuttavia, il summit si è concluso con un nulla di fatto

    I rapporti fra le due potenze del mondo musulmano erano già ai minimi storici dal mese di settembre 2015, in seguito al drammatico incidente avvenuto nel corso dell’ultimo pellegrinaggio maggiore alla Mecca. Una tragica rissa a Mina, nei pressi della Mecca, aveva causato centinaia di vittime, 2070 morti per la precisione secondo una statistica riportata dalla Reuters.  L’Iran aveva subito accusato le autorità saudite di “cattiva gestione” e di “incompetenza” fino ad arrivare a suggerire che l’incidente fosse premeditato.

    L’Hajj (pellegrinaggio) è considerato uno dei cinque pilastri dell’Islam e ogni buon musulmano dovrebbe compierlo almeno una volta nella vita. L’Arabia saudita ha spesso usato in modo politico il permesso di giungere alla Mecca. Ad esempio, da anni ai siriani è vietato recarsi nella città santa musulmana.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/09/2016 12:54:00 ARABIA SAUDITA - IRAN
    Nella guerra fra Arabia Saudita e Iran l’uso della religione come arma politica

    Nuovo capitolo dello scontro fra le due anime dell’islam. Gran muftì saudita: gli iraniani “non sono musulmani”. Ministro degli Esteri di Teheran: sauditi wahhabiti “predicatori” del terrorismo. A innescare la controversia la mancata partecipazione dei pellegrini iraniani all’Hajj. Sullo sfondo la lotta per la supremazia nell’islam e in Medio oriente. 

     



    05/09/2016 14:24:00 IRAN - ARABIA SAUDITA
    Khamenei contro i sauditi: "Infedeli e blasfemi, piccoli satana nelle mani degli Usa"

    Alla vigilia del pellegrinaggio maggiore dell'Hajj, cui sono esclusi i fedeli iraniani, il grande ayatollah iraniano attacca la leadership di Riyadh. Egli lancia un appello ai musulmani perché riflettano “sulla gestione dei luoghi sacri”. Sullo sfondo lo scontro fra Iran e Arabia Saudita per la supremazia in Medio oriente (e nell’islam). 



    18/03/2017 09:13:00 ARABIA SAUDITA - IRAN
    Accordo con Riyadh: via libera per gli iraniani pellegrini alla Mecca

    Sembra superata la crisi dello scorso anno, che ha bloccato i viaggi dei fedeli iraniani al luogo sacro dell’islam. Al pellegrinaggio maggiore prevista la partecipazione di almeno 80mila cittadini della Repubblica islamica. Ministro iraniano degli Esteri: Relazioni “costruttive” con i Paesi dell’area, compresa l’Arabia Saudita.



    30/05/2016 11:15:00 ARABIA SAUDITA - IRAN
    Fallita l’ultima trattativa fra Riyadh e Teheran. Nessun pellegrino iraniano all’Hajj

    Per la prima volta in 30 anni nessun cittadino della Repubblica islamica parteciperà al pellegrinaggio maggiore. Per l’Iran gli “ostacoli” frapposti sono insormontabili, Riyadh vuole “bloccare il cammino che conduce ad Allah”. Per i sauditi le condizioni poste da Teheran sono “inaccettabili”. 



    26/05/2016 08:59:00 ARABIA SAUDITA - IRAN
    Riyadh: colloqui “positivi” con Teheran per i pellegrini iraniani all’Hajj

    Nuovo incontro ieri fra la delegazione iraniana e una rappresentanza saudita. Al centro delle trattative le modalità di rilascio dei visti e di ingresso nel Paese dei pellegrini iraniani. Attesa entro i prossimi giorni la firma dell’accordo. Resta alta la tensione diplomatica fra le due potenze regionali.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®