26 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/01/2012
TAIWAN - CINA
Businessmen per Ma Ying-jeou; Lee Teng-hui per l’opposizione
Dopo un lungo testa a testa, i sondaggi danno un piccolo vantaggio per Ma Ying-jeou. Rimane l’incognita della candidatura di Soong, che potrebbe ridurre del 5-10% il sostegno a Ma. Negli ultimi anni i rapporti economici fra Taiwan e Cina sono profondamente migliorati.

Taipei (AsiaNews) – Nelle prossime elezioni presidenziali del 14 gennaio, la comunità dei businessmen di Taiwan sostiene la rielezione del 61enne presidente Ma Ying-jeou. Ma l’ex leader Lee Teng-hui ha deciso di sostenere la sfidante del partito di opposizione, la 55enne Tsai Ing-wen.

Molti imprenditori dell’isola, che commerciano con la Cina, non nascondono il loro appoggio al presidente uscente. Grazie alla politica tranquilla instaurata da Ma Ying-jeou verso la Cina, dal 2008 in poi vi sono stati numerosi accordi economici fra i due lati dello Stretto, più contatti via aerea e via mare, meno limiti postali e doganali. Gli investimenti di Taiwan in Cina sono cresciuti del 22%, giungendo a 12,4 miliardi di dollari nei primi 11 mesi dello scorso anno; il numero di turisti cinesi sull’isola ha superato la quota di 1,5 milioni in un anno e la Cina è divenuta il primo partner turistico dell’isola, superando il Giappone.

La Cina, preoccupata di un possibile ritorno del Partito democratico progressista (Dpp) - che in passato invocava l’indipendenza e accresceva la tensione, ha fatto di tutto per mostrare la sua preferenza per Ma, invitando in patria e premiando membri del Kuomintang (Kmt, il partito di Ma Ying-jeou). In passato la Cina ha minacciato ritorsioni contro i businessmen che appoggiavano il Dpp.

Da parte sua, nella sua campagna elettorale, Tsai Ing-wen non ha premuto troppo sull’indipendenza, ma ha ricordato che rapporti con la Cina non devono giungere a svendere l’autonomia di fatto di cui gode Taiwan e che l’economia deve creare occupazione anche a Taiwan.

Oggi il sostegno a Tsai è venuto dall’ex presidente Lee Teng-hui che ha invitato la popolazione a votare per lei, pubblicando delle pubblicità a mezza pagina sui maggiori quotidiani di Taiwan. “La Cina– dice il messaggio – deve capire che essa non sta trattando con un partito, ma è di fronte al popolo taiwanese”.

Fino a pochi giorni fa i sondaggi davano un testa a testa fra Ma e Tsai, ma in questi giorni sembra vi sia un incremento a favore di Ma.

Un’incognita è rappresentata da James Soong, 69 anni, anch’egli candidato alle presidenziali per il People First Party, alleato del Kmt. Con ogni probabilità la sua candidatura potrebbe privare Ma Ying-jeou del 5-10% dei voti.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/01/2012 TAIWAN - CINA
Le elezioni a Taiwan invidiate dai cinesi
di Paul Hong
14/01/2012 TAIWAN – CINA
Taiwan, Ma Ying-jeou vince le elezioni
05/09/2011 TAIWAN
Migliaia di attivisti vogliono “buttare via Ma” e salvare l’autonomia di Taiwan
25/06/2007 TAIWAN
L’ex presidente del Kmt corre per le presidenziali, promette la crescita dell’economia
03/05/2007 TAIWAN
Ma Ying-jeou è il candidato dei nazionalisti alle presidenziali del 2008

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate