10 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/02/2007, 00.00

    CINA

    Caccia al prete nella diocesi di Xiwanzi



    La polizia cerca porta a porta i sacerdoti sotterranei per costringerli ad iscriversi all’Associazione Patriottica. Il vescovo, 2 sacerdoti e 20 fedeli sono in prigione. I cattolici che non collaborano sono costretti a perdere il lavoro.

    Roma (AsiaNews) – Una violenta campagna contro i cattolici sotterranei di Xiwanzi è stata lanciata dall’Associazione Patriottica (Ap). Lo denuncia un appello giunto ad AsiaNews da parte di alcuni fedeli. La polizia, spinta dalle autorità locali, ha messo in atto una vera e propria caccia all’uomo, cercando i sacerdoti sotterranei porta a porta per farli iscrivere all’Ap. I fedeli che non collaborano nel fare la spia sono arrestati o lasciati senza lavoro. Chi possiede un negozio viene costretto a chiudere. Il vescovo ausiliare della diocesi, mons. Yao Liang è scomparso nelle mani della polizia dal 30 luglio scorso. In prigione vi sono anche 20 fedeli e 2 sacerdoti. L’appello giunto ad AsiaNews conclude con una supplica: “Fratelli e sorelle, pregate per noi, perchè la fede cristiana in Cina sia veramente libera!”.

    La diocesi di Xiwanzi (Hebei) è una diocesi della Chiesa sotterranea, con 15 mila fedeli, a  circa 260 km a nord di Pechino, quasi al confine con la Mongolia Interna.

    Lo scorso 28 luglio i fedeli si preparavano a un pellegrinaggio al monte Muozi, nella Mongolia Interna, una tradizione che continua da 100 anni. Ma quest’anno, per la prima volta, la polizia lo ha proibito, sorvegliando tutte le chiese 24 ore su 24. Il 30 luglio, l'Ufficio affari religiosi ha invitato mons. Yao Liang a Zhangjiakou (centro del distretto) per "discutere con lui della restituzione di alcune proprietà della chiesa" e invece è stato sequestrato e tenuto in prigione. “Hanno ingannato il vescovo - dice l’appello – e finora non abbiamo di lui alcuna traccia”.

    Nell’Hebei – la regione con il maggior numero di cattolici -  è in atto da anni una dura campagna di repressione contro la chiesa non ufficiale per costringerla ad entrare nell’Ap.

    Lo scorso 1° agosto, il p. Li Huisheng è stato arrestato, torturato dalla polizia e poi rilasciato. In seguito a queste violenze, più di 90 fedeli (della chiesa di Shangyi, diocesi di Xiwanzi) hanno manifestato davanti alla sede della polizia, ma sono stati caricati, picchiati dai poliziotti e poi dispersi. Nella notte, dalle 2 alle 4 di mattina, circa 500 poliziotti hanno lanciato una retata arrestando il p. Li, che era tornato in chiesa, e 90 persone. Di essi, almeno una ventina rimane in prigione, assieme al p. Li. Un altro sacerdote della diocesi, p. Wang Zhong, è scomparso.

    I familiari di p. Li hanno messo a disposizione 100 mila yuan (circa 10 mila euro) per trovare 6 avvocati per la sua difesa. Ma per la pressione dei funzionari locali, tutti gli avvocati hanno rinunciato a difenderlo. E così il p. Li è stato condannato a 7 anni per “aver sollevato le masse contro il governo”. Attualmente il sacerdote si trova nella prigione di Shalingzi di Zhangjakou. Per lo stesso motivo ed accuse, alcuni fedeli hanno subito condanne.

    L’appello giunto ad AsiaNews spiega che “per sostenere l’integrità della fede, rifiutando di aderire all’Ap, i sacerdoti sono costretti tutt’oggi a rimanere nascosti”. Da mesi nelle chiese della diocesi non si celebra la messa.

     “Le autorità locali continuano a ricercare i sacerdoti porta a porta, ma senza successo. Interrogano i fedeli per sapere dove i sacerdoti si nascondono e li minacciano se non collaborano”. A causa del loro silenzio, essi subiscono persecuzione. “A tutti i negozi tenuti da cattolici, il governo locale ha inviato ispettori della finanza, controlli sanitari, qualitativi e del traffico, definendo questo un ‘controllo ordinario’. Le vetture di due fedeli sono state sequestrate insieme alla merce e la loro casa è stata messa sotto sequestro e sigillata. A causa di tutti questi ostacoli, che non permettono un lavoro regolare, alcuni fedeli sono stati costretti a  chiudere i loro negozi e cessare le loro attività”.

    Negli anni passati le attività della comunità non ufficiale di Xiwanzi erano state tollerate. Lo scorso 18 luglio i fedeli avevano perfino potuto inaugurare una chiesa dedicata al Sacro Cuore nel distretto di Guyang. La chiesa era stata costruita con offerte degli stessi fedeli, che si sono auto-tassati per due anni. “Chi non aveva disponibilità economica – dice un cattolico locale – offriva delle ore di lavoro volontario, sacrificando il tempo di riposo. Perfino donne e bambini sono venuti ad aiutare alla costruzione di questa casa di Dio”.

    Alla cerimonia di consacrazione hanno partecipato più di 7 mila persone, insieme a 21 sacerdoti e un vescovo della Chiesa non ufficiale.

    Secondo alcuni fedeli, l’inasprirsi della persecuzione è da collegare ai segnali di dialogo fra governo cinese e Vaticano, ostacolati con sempre più forza dall’Associazione Patriottica. (BC)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/01/2010 CINA - VATICANO
    Migliaia di cattolici sfidano neve, freddo e polizia ai funerali di mons. Yao Liang
    Il governo ha proibito le insegne episcopali e di chiamarlo “vescovo”, essendo un pastore sotterraneo. Mons. Yao ha passato 30 anni in prigione per essersi rifiutato di aderire all’Associazione patriottica, che vuole costruire una Chiesa indipendente dal papa. Nessun messaggio dal Vaticano.

    12/02/2009 CINA
    Rilasciato il vescovo sotterraneo di Xiwanzi, detenuto per 2 anni e mezzo
    Era stato arrestato per aver consacrato una chiesa senza il permesso dell'Associazione patriottica. Le autorità lo considerano solo come un semplice prete e gli proibiscono organizzare manifestazioni troppo vistose. Della diocesi di Xiwanzi rimangono in prigione ancora 2 sacerdoti e 20 fedeli. Nell’Hebei, 2 vescovi rimangono “desaparecidos” da anni.

    18/01/2007 VATICANO - CINA
    Incontro in Vaticano sulla Chiesa in Cina
    Domani inizia un incontro di alcuni dicasteri vaticani sulla situazione della Chiesa in Cina. A tema le ambiguità di Pechino; i vescovi ordinati in modo illecito; l’unità della Chiesa ufficiale e sotterranea e, soprattutto, come eliminare l’influenza dell’Associazione Patriottica.

    14/07/2009 CINA - VATICANO
    Card. Zen: La Chiesa in Cina a due anni dalla Lettera del Papa
    Cattive interpretazioni della Lettera hanno portato confusione e sconforto nelle comunità sotterranee. I vescovi ufficiali devono avere più coraggio nella fedeltà al pontefice, rifiutando le strutture che sono contrarie alla fede cattolica. Il governo cinese continua la politica di sempre: controllo totale della Chiesa.

    03/07/2009 CINA - VATICANO
    Il vescovo di Pechino sempre più prigioniero dell’Associazione Patriottica
    L’organizzazione che controlla la Chiesa gli lascia solo lo spazio per elogiare l’indipendenza della Chiesa cinese dalla Santa Sede. L’Ap cerca di ricondurre all’obbedienza i vescovi ufficiali dopo la Lettera del papa. La persecuzione verso vescovi ufficiali e sotterranei.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®