30/10/2012, 00.00
EGITTO
Invia ad un amico

Cairo: scelti i tre candidati per la successione di Shenouda III

di André Azzam
Si tratta dei vescovi Amba Raphael e Amba Tawadraus e dell’igumeno Rouphail Afa Mina. Fra questi il 4 novembre, con una grande cerimonia, verrà sorteggiato il prossimo pope di Alessandria e patriarca della Chiesa copta ortodossa. Tre giorni di digiuno e preghiera in vista dell’elezione.

Il Cairo (AsiaNews) - Le elezioni per la scelta del successore di papa Shenouda III hanno individuato ieri al Cairo tre nomi, sui cinque possibili candidati. Si tratta di: Amba Raphael, 52 anni, vescovo responsabile delle parrocchie del centro del Cairo, che ha collezionato 1980 voti; Amba Tawadraus, 60 anni, vescovo della diocesi di Behaira, sud-est di Alessandria d'Egitto, il quale ha ricevuto 1623 preferenze; l'igumeno Rouphail Afa Mina, 70 anni, del monastero Mina Mari e allievo del patriarca Kyrillos VI, predecessore del patriarca defunto, con 1530 voci.

In totale gli elettori che hanno preso parte alla scelta erano 2412: di questi, 2400 sono parte del Santo Sinodo, del Faith Denomination Council e del Religious Endowments Council, così come un gruppo di monache e laici in rappresentanza di tutte le diocesi in Egitto e all'estero. A questi si sono inoltre aggiunti cinque rappresentanti della Chiesa etiope e sette moderatori.

Le elezioni si sono svolte al monastero di Amba Rouaiss, ad Abbasseyya, un sobborgo nel centro del Cairo, dove è situata la grande cattedrale di San Marco, seme originario della Chiesa ortodossa copta, all'interno della quale papa Shenouda III ha ricevuto papa Giovanni Paolo II nel febbraio del 2000.

I risultati sono stati diffusi da CTV Channel, il canale tv ufficiale della Chiesa copta, alle 9 di sera. I due monaci del monastero siriano di Dayr al Souriani, l'igumeno Seraphim e l'igumeno Pachômios - gli altri due candidati in lizza - hanno ricevuto rispettivamente 380 e 305 voti. Questi due erano anche i candidati più giovani, avendo rispettivamente 53 e 49 anni.

Domenica prossima, 4 novembre, si terrà una grande cerimonia alla cattedrale di San Marco con una messa solenne e l'estrazione sull'altare di uno dei tre candidati finalisti. La pesca sarà fatta da un giovanissimo diacono di due o tre anni al massimo che, bendati gli occhi, dovrà estrarre a sorte uno dei tre foglietti, con impresso il nome del prescelto e vincitore.

I nomi dei tre finalisti non rappresentano certo una sorpresa, sia per quanto concerne i due vescovi che per il più anziano del trio, il 70enne igumeno Rouphail Afa Mina. Negli ultimi mesi essi hanno fornito una buona testimonianza di unità di vedute e uno spirito alieno da competitività fra loro per la successione di Shenouda III. Difatti Amba Raphael ha indicato Amba Tawadraus per le elezioni e avrebbe voluto ritirarsi dall'elezione, ma il suo desiderio è stato respinto dalla commissione elettorale.

Amba Raphael, un passato alle spalle da medico e chirurgo, è conosciuto come "il vescovo asceta". Egli è sostenuto da Amba Moussa, vescovo responsabile della pastorale giovanile, che è stato anche il suo insegnante, e da molti altri vescovi fra i quali vi è il decano Amba Mikhaïl, vescovo di Assiout per oltre 60 anni. Egli è molto apprezzato dalle congregazioni delle dieci chiese in centro al Cairo, è molto riservato e riottoso a parlare con i media, confida molto nella spiritualità.

Amba Tawadraus, ex farmacista, è impegnato nella riunificazione di tutte le chiese e, in particolare, dei copti della diaspora dispersi nel mondo. Egli è stato candidato da Amba Raphael e altri sei vescovi tra i quali Amba Souryal, vescovo di Melbourne in Australia. Egli possiede un inglese fluente.

L'igumeno Rouphail Afa Mina è stato segretario personale del defunto papa Kyrillos VI, predecessore di papa Shenouda, prima di diventare monaco al monastero di Mari Mina, a sud-ovest di Alessandria, dal quale proveniva pure papa Kyrillos. Egli è famoso come "l'amato monaco" o "grazia fra le grazie" o, ancora, "leone del deserto". Autore di 25 libri su riti e spiritualità, così come su molti santi, egli è sostenuto da tutti i vescovi un tempo monaci del monastero di St. Mina, tra i quali vi è Amba Ermeya, il segretario particolare di papa Shenouda, che ha intrecciato buone relazioni con i Fratelli musulmani. Egli crede fermamente nella collegialità. Tuttavia, è stato un pochino emarginato da papa Shenouda a causa di attriti fra lo stesso Shenouda e il predecessore, papa Kyrillos. Egli è inoltre famoso per la sua apertura e la fede nell'ecumenismo, così come per le relazioni privilegiate coltivate con il mondo islamico.

Tre anni fa, il 28 ottobre 2009, papa Shenouda ha più volte ribadito, durante uno dei suoi discorsi, l'importanza dell'estrazione del futuro patriarca, sottolineando che questo elemento di scelta è vitale "perché indica che la scelta del Patriarca è davvero la scelta di Dio". L'intero Egitto e, in particolare, tutte le comunità cristiane - che hanno chiesto ai loro fedeli tre giorni di preghiera e digiuno, a partire dal primo di novembre - sono in attesa della scelta finale per domenica prossima, 4 novembre, e si intensificano le preghiere perché venga eletta una persona buona, capace di fronteggiare il momento di estrema delicatezza che sta attraversando il Paese. 

  

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Egitto, al via la penultima fase per scegliere il successore di Shenouda III
29/10/2012
Messaggio del Papa per la morte di Shenouda III. Code chilometriche alla salma
19/03/2012
É morto Shenouda III, patriarca dei copti
18/03/2012
Leader copto e musulmano: "Dimenticate la violenza, estranea al nostro patrimonio"
24/10/2005
Il patriarca egiziano copto non celebrerà l’Epifania in pubblico domani
18/01/2011