26 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  •    - Kazakistan
  •    - Kyrgyzstan
  •    - Tagikistan
  •    - Turkmenistan
  •    - Uzbekistan
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/07/2008, 00.00

    MONGOLIA

    Calma tesa a Ulaan Baatar, mentre si attendono i risultati elettorali ufficiali



    La polizia torna nelle caserme, mentre le vie sembrano tranquille. Attesa per i risultati elettorali. Vescovo di Ulaan Baatar: i cattolici rimangano al sicuro in casa.

    Ulaan Baatar (AsiaNews/Agenzie) – E’ tornata la calma a Ulaan Baatar, dopo le auto incendiate, le devastazioni e i violenti scontri tra oltre 8mila manifestanti e la polizia la notte del 1° luglio, che hanno causato almeno 5 morti, oltre 300 feriti e più di 700 arresti. Perdura la legge marziale, ma la polizia è rientratata nelle caserme, dopo avere ieri pattugliato le strade, e il ministro per la Giustizia Tsend Munkh-Orgil definisce la situazione “stabile e senza pericolo immediato di violenza”.

    Il vescovo Wenceslao Padilla, prefetto apostolico della Capitale, parlando ieri a UCA News ha invitato i circa 520 cattolici del Paese a “rimanere al sicuro a casa”, dispensandoli anche dall’obbligo della messa domenicale, se si prolungherà lo stato di emergenza e ci dovesse essere effettivo pericolo. “E’ stato scioccante – ha aggiunto – vedere carriarmati militari e soldati disposti nel centro città”.

    Ancora non ci sono i risultati ufficiali delle elezioni del 29 giugno, che il comunista Partito rivoluzionario del popolo afferma di avere vinto con 47 seggi su 76 mentre il Partito democratico parla di brogli. Purevdorjin Naranbat, portavoce del Comitato elettorale generale, dice che “le elezioni si sono svolte in modo efficiente e legale”. Pure un gruppo di 16 osservatori internazionali esclude irregolarità.

    Stretta tra Cina e Russia, la Mongolia è un Paese povero ma ricco di metalli pregiati e uranio. Analisti attribuiscono le violente proteste anche al diffuso malcontento per le crescenti difficoltà economiche, nonostante i ricchi giacimenti, con l’inflazione al 15,1% e recenti proteste di piazza per gli aumenti dei prezzi. Da anni queste ricchezze non sono ben sfruttate, per la pretesa dei politici che chi vince debba decidere il futuro del Paese senza un confronto con gli altri partiti e senza tenere presenti le reali esigenze della popolazione.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/07/2008 MONGOLIA
    Finito lo Stato di emergenza, la Mongolia si interroga sul futuro
    Permane la tensione, anche se non ci sono stati nuovi disordini. Appello del premier alla legalità. Il nodo da sciogliere sarà come sfruttare le grandi ricchezze minerarie.

    28/06/2008 MONGOLIA
    Domani un voto decisivo per il futuro della Mongolia
    Si rinnova il Parlamento e si teme perduri l’attuale frammentazione della maggioranza. Ma il Paese affronta inflazione al 15,1% e disoccupazione e deve decidere lo sfruttamento di immense risorse minerarie, ambite da ditte e da potenti vicini.

    25/05/2009 MONGOLIA
    Il nuovo presidente mongolo è Elbegdorj, sconfitto il presidente uscente comunista
    Televisione e giornali mongoli già celebrano la vittoria, anche se mancano i risultati ufficiali. I suoi sostenitori parlano di un “nuovo mattino”, ma in realtà i programmi dei due principali candidati sono simili. Nel Paese c’è grave crisi, con diffuse povertà e disoccupazione e bassi salari.

    19/05/2009 MONGOLIA - RUSSIA
    Mosca alla conquista della Mongolia ricca di oro, carbone e rame
    La settimana scorsa il premier Putin ha firmato vari accordi a Ulaan Baatar. Il vero obiettivo russo sembrano l’uranio e attirare il Paese nella sua sfera di influenza. Da sempre la Mongolia persegue un equilibrio nei rapporti con Cina, Russia e altre potenze.

    02/07/2008 MONGOLIA
    Stato di emergenza a Ulaan Baatar. Centinaia di arresti
    Violente manifestazioni di giovani contro i risultati elettorali. Il Partito al potere accusato di brogli. In gioco la gestione del potere politico, ma anche delle materie prime.



    In evidenza

    ISRAELE-PALESTINA
    Nuovo vicario di Gerusalemme: giovani e scuola, futuro di pace e speranza



    Mons. Giacinto-Boulos Marcuzzo sottolinea l’importanza dell’istruzione per garantire l’avvenire delle nuove generazioni. La Chiesa segno di “unità” in un contesto “segnato dalle divisioni” e ponte nel dialogo fra le fedi. Dall’euforia per la pace alla rassegnazione per un conflitto permanente. Un appello ai cristiani d’Occidente: venite pellegrini in Terra Santa.


    NEPAL
    Al via la mattanza di animali per la festa di Dashain. Protestano buddisti e animalisti

    Christopher Sharma

    La festività dura 15 giorni ed è la più importante del Nepal. Gli amanti degli animali presidiano i templi e tentano di sensibilizzare gli indù. La puzza delle carcasse in decomposizione avvolge le case intorno ai luoghi di culto. La polizia schierata per evitare scontri.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®