19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/10/2004, 00.00

    cina

    Campagna internazionale per liberare Zhao Ziyang



    New York (AsiaNews) – Cresce in Cina una campagna per togliere gli arresti domiciliari a Zhao Ziyang: lo ha annunciato l'organizzazione Human Rights in China (HRIC). Già segretario generale del Partito comunista, Zhao Ziyang venne esautorato dalla sua carica dopo il massacro di Tiananmen e il soffocamento del movimento per la democrazia nel giugno 1989. Da allora Zhao Ziyang ha vissuto agli arresti domiciliari a Pechino.

    Nei giorni scorsi molte perasone, a gruppi di dieci e anche di centinaia, si sono dati appuntamento davanti alla casa dell'ex leader chiedendo il permesso di vederlo. La maggior parte di loro è formata da parenti, amici e antichi collaboratori di Zhao.

    La casa di Zhao a Pechino è stata sempre circondata dalla polizia, ma in questi giorni la sicurezza sembra essere diminuita: le persone in attesa di una visita hanno ricevuto il permesso di registrare i loro nomi e entrare in casa. Ma un parente di Zhao, telefonandogli dagli Stati Uniti, ha chiesto all'ex segretario di confermare queste notizie. Zhao gli ha detto che poco o niente è cambiato e che alle persone che lui vorrebbe davvero vedere non è concessa alcuna visita.

    Zhao Ziyang è la più alta personalità del partito ad essere stata rimossa dopo il massacro dell'89. Sostenitore delle riforme politiche, Zhao proponeva la democrazia come un modo per prevenire il ripetersi di eventi tragici come la Rivoluzione Culturale. Il 19 maggio 1989, Zhao ha fatto visita agli studenti accampati sulla piazza Tiananamen. In lacrime ha chiesto loro di abbandonare la piazza. Quella è stata l'ultima volta ad essere visto in pubblico. Il giorno dopo il governo ha dichiarato la legge marziale e ha soppresso le manifestazioni con i carri armati nella notte fra il 3 e il 4 giugno. Da allora Zhao ha vissuto agli arresti domiciliari e, orami 85enne, non gode di buona salute.

    In occasione del suo compleanno, il 17 ottobre, molti dissidenti, intellettuali e personalità ufficiali, hanno organizzato delle attività per chiederne la totale libertà:

    -          scrittori come Bao Tong e Bao Zhunxin; attivisti all'estero quali Su Shaozhi, Yu Haocheng, Chen Yizi, Yan Jiaqi, Zhang Wei e Wu Guoguang hanno distribuito via internet articoli e riflessioni su di lui;

    -          è in atto via internet una raccolta di firme in Cina e all'estero per chiedere la fine degli arresti domiciliari per Zhao Ziyang.

    Per partecipare alla raccolta di firme e per inviare gli auguri di buon compleanno, HRIC chiede di inviare una e-mail al seguente indirizzo: zhaoziyang85@yahoo.com (nell'oggetto indicare "Birthday wishes").

    N.B.: la foto che presentiamo mostra Zhao Ziyang che parla agli studenti nel maggio '89. A destra, al suo fianco, vi è l'attuale primo ministro cinese, Wen Jiabao.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/01/2005 cina
    É morto l'ex segretario del partito Zhao Ziyang

    Fautore delle riforme economiche e politiche negli anni '80, fu rimosso perché contrario all'intervento militare in piazza Tiananmen. Da allora ha vissuto agli arresti domiciliari.



    17/01/2005 CINA
    Dissidente di Tiananmen: il coraggio di Zhao Ziyang, la paura del partito
    Il governo cerca di estirpare la memoria, ma la Cina di oggi ha ancora bisogno delle sue proposte democratiche.

    17/01/2005 CINA
    Zhao Ziyang, un profeta per la Cina di oggi

    La sua proposta di affiancare riforme economiche e politiche rimane ancora attuale. Zhao è ricordato anche per aver aperto le chiese cattoliche e dato libertà alle religioni.



    16/04/2009 CINA
    I 20 anni dalla morte di Hu Yaobang ricordati in privato o sul web
    La Cina di oggi gli deve molto: è lui ad aver traghettato la Cina dall’ideologia maoista alle riforme economiche. Ma le richieste di riforme politiche hanno generato molte attese e manifestazioni fino al massacro di Tiananmen. Nel 2005 Hu Jintao sembrava volere riabilitarlo.

    17/10/2006 CINA
    Xian, morto Lin Mu: da dirigente comunista ad attivista democratico

    Lin, ex consigliere ed amico del riformista Hu Yaobang, si è spento in maniera improvvisa a 79 anni. Cacciato 3 volte dal Partito comunista, chiedeva riforme politiche e la riabilitazione del movimento di piazza Tiananmen.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®