06 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 08/05/2012, 00.00

    RUSSIA

    Candele, icone, campane, benedizioni: la Chiesa ortodossa prega per il successo di Putin



    Servizio di preghiera nella cattedrale dell'Assunzione, subito dopo "l'intronizzazione" di zar Putin. Alle preghiere del patriarca di Mosca, si aggiungono quelle del monastero di Novodevichy, dove le suore cantano i salmi 24 ore su 24 domandando la salute per Vladimir Putin.

    Mosca (AsiaNews) - Dopo la sfolgorante cerimonia di inizio di un nuovo mandato come presidente della Russia, Vladimir Putin ha ricevuto le benedizioni del Patriarca Kirill, rafforzando il legame fra il potere politico e le autorità religiose ortodosse.  Il capo della Chiesa russo-ortodossa ha tenuto un momento speciale di preghiera per "la salute" e "il successo nel governo" del nuovo presidente, definito "legittimo leader".

    Il "moleben" (servizio di preghiera) si è tenuto nella cattedrale dell'Assunzione (v. foto), a due passi dalla sala del trono di sant'Andrea dove venivano incoronati gli zar e dove è avvenuta la cerimonia di insediamento del presidente. Il patriarca di Mosca e di tutte le Russie ha espresso le sue "più cordiali congratulazioni a te, Vladimir Vladimirovich, per la tua elezione, dato che la maggioranza del nostro popolo, con saggezza e con libertà, ti ha eletto presidente della Federazione russa".  Kirill ha anche ricordato che il Cremlino è il luogo "dove molti tuoi pii predecessori hanno partecipato a riti di preghiera per un sempre maggior servizio alla patria".

    In occasione dell'insediamento - che molti russi definiscono "incoronazione" - tutte le campane del Cremlino hanno suonato a stormo per l'intera cerimonia: erano state restaurate poco prima dell'occasione.

    Putin era stato presidente della Russia dal 2000 al 2008; data l'impossibilità a presentarsi per un terzo mandato - dopo aver tentato inutilmente di cambiare la costituzione - ha passato il testimone a Dimitri Medvedev, tenendo per sé il ruolo di primo ministro. Ora che è stato eletto presidente, egli lascia il posto di primo ministro a Medvedev. La sua elezione nel dicembre scorso - sospettata di frodi - ha suscitato molte dimostrazioni e critiche. Anche il giorno prima del suo insediamento, il 6 maggio, si è tenuta una enorme manifestazione degli oppositori, conclusasi con l'arresto di oltre 400 persone. Anche ieri vi sono stati 120 nuovi arresti.

    Gruppi di sacerdoti e fedeli ortodossi si sono uniti nelle critiche a Putin, ma il patriarca Kirill, pur consigliando al governo di ascoltare le domande dei dimostranti, ha sostenuto sempre la ri-elezione di Putin, elogiandolo per il sostegno che egli dà sempre alla Chiesa.

    Alla vigilia della cerimonia di inaugurazione del mandato, Vladimir Putin si è recato al monastero di Novodevichy, portando in regalo un'antica icona della Madre di Dio. Accompagnato dalla badessa del monastero, l'egumena Margarita e dal patriarca Kirill, Putin ha partecipato a una processione della croce e poi ha visitato la cripta dove si conserva il fonte battesimale del santo Principe Vladimir - iniziatore del cristianesimo in Russia - accendendo una candela davanti all'icona del suo patrono.

    L'egumena Margarita ha confidato al nuovo presidente che in quella chiesa  le sue monache cantano il salterio senza interruzione 24 ore al giorno e pregano per la salute di Putin. Da parte sua, Vladimir Vladimirovich ha dichiarato che "senza la Chiesa russo-ortodossa è impossibile immaginare uno Stato russo o una cultura russa".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/04/2012 RUSSIA
    Mosca, decine di migliaia in Difesa della fede insieme a Kirill
    Dopo settimane di scandali mediatici che lo hanno coinvolto, il Patriarca di tutte le Russie guida una processione e una preghiera alla cattedrale di Cristo Salvatore: "Proteggere la Chiesa da forze anti-russe".

    07/01/2013 RUSSIA
    Kirill: Le campagne contro la Chiesa ortodossa russa non la ridurranno a una Chiesa del silenzio
    Il Patriarca di Mosca e di tutte le Russie ha celebrato la notte scorsa il Natale nella cattedrale del Cristo Salvatore, dove è avvenuto l'oltraggio delle Pussy Riot. Per Kirill, nonostante l'opposizione alla Chiesa, "la società è divenuta più sensibile alla parola di Cristo". Nel 2013 saranno 1025 anni dal battesimo della Rus', "inizio di una nuova era" nella vita della nazione.

    17/08/2012 RUSSIA
    Mosca, Pussy Riot colpevoli di teppismo motivato da odio religioso: due anni di prigione
    Il giudice ha pronunciato il verdetto definitivo contro le tre ragazze. Lo scorso 21 febbraio il trio ha inscenato una "preghiera" alla Madonna contro Putin nella cattedrale di S. Salvatore a Mosca. Migliaia di persone in attesa della condanna davanti al tribunale. Manifestazioni a favore del trio in 54 città del mondo.

    11/10/2012 RUSSIA
    Le Pussy Riot si dividono, ma giurano che la protesta andrà avanti
    La sentenza d'appello concede la sospensione della pena a una delle tre attiviste. Confermata la condanna a due anni di colonia penale per le altre due. La Chiesa auspica che la libertà concessa alla ragazza non porti a nuove azioni blasfeme.

    04/02/2013 RUSSIA
    Kirill festeggia quattro anni da Patriarca, Cremlino chiede maggiore influenza della Chiesa sulla società
    Per l'occasione, Putin incontra il capo della Chiesa russo-ortodosso e invita il Paese a liberarsi da una "primitivo e volgare" concezione della laicità. Medvedev riconosce una "relazione speciale" tra Stato e Chiesa in Russia.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: solo Gesù consola le lacrime di dolore del mondo, “un oceano di desolazione”



    Francesco ha preseduto la veglia di preghiera “per asciugare le lacrime” di tutti coloro che hanno bisogno di consolazione. Uno dei testimoni è stato Qaiser Felix, giornalista pakistano che collaborava con AsiaNews e ha ricordato di aver dovuto lasciare il suo Paese, in quanto cattolico, per le minacce contro la sua famiglia da parte degli integralisti musulmani.


    YEMEN - ITALIA
    Vicario salesiano: Il sacerdote rapito in Yemen è ancora vivo. Preghiamo per lui



    Il p. Cereda conferma le ultime notizie secondo cui p. Tom, rapito da jihadisti, è “ancora vivo” e chiede di tenere alta l'attenzione sul suo caso. Egli esorta a tenere aperto il canale comunicativo e l’interesse dei media senza “esercitare pressioni” o alimentare “false speranze”. Dai salesiani messe, preghiere e adorazioni eucaristiche.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®