27 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/03/2010
FILIPPINE
Canti, balli e storie del Vangelo per far vivere la Pasqua a orfani e anziani di Malolos
di Santosh Digal
L’iniziativa avviene durante la Quaresima e coinvolgerà fino a Pasqua, 79 pazienti della Casa dei discepoli di Emmaus di Malolos. Organizzatrici dell’evento le suore Agostiniane di Nostra Signora della consolazione e un gruppo di studenti della diocesi di Bulacan. Suor Easter Aunan “Come noi i malati hanno bisogno di vivere l’esperienza di speranza incarnata nella Pasqua”.

Manila (AsiaNews) – Dare un raggio di speranza ai malati con canti, balli e storie del Vangelo. Con questa iniziativa le suore Agostiniane di Nostra Signora della consolazione della diocesi di Bulacan e alcuni volontari preparano al tempo della Pasqua 79 pazienti della Casa dei discepoli di Emmaus di Malolos (Bulacan).

“In queste domeniche di Quaresima abbiamo parlato e cantato insieme ai malati, leggendo storie del Vangelo per sollevare i loro spiriti – afferma suor Easter Aunan – molti pazienti soffrono di depressione e solitudine e altri hanno problemi mentali. Hanno bisogno di amore e di un supporto morale e fisico”.  “Come noi – continua – malati terminali, orfani e anziani desiderano vivere l’esperienza di speranza incarnata dalla Pasqua”.

La Casa dei discepoli di Emmaus offre da 25 anni un’alternativa ad anziani, orfani e malati terminali abbandonati dalle loro famiglie. L’istituto provvede alle cure mediche dei pazienti e dà la possibilità per chi lo desidera di avere un sostegno psicologico e spirituale, grazie alla disponibilità di religiosi, medici e studenti volontari delle scuole della diocesi. I finanziamenti giungono all’istituto attraverso il contributo di Chiesa e benefattori.

P. Ricardo K. Boraga, direttore dell’ospizio, afferma: “Invece di morire per strada, senza cibo, cure e amore, e dignità umana, i malati vengono nella Casa dei discepoli di Emmaus, dove si sentono come a casa propria, grazie al servizio e all’amore cristiano”. “Amiamo vederli desiderosi di amore e cure – aggiunge il sacerdote – anche se molti di loro sono ormai anziani e malati”. P. Boraga dice che gli ultimi sono come noi creati a immagine e somiglianza di Dio e per questo vanno serviti nel migliore modo possibile.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/03/2012 LIBIA
Mons. Martinelli: Cristiani testimoni della Pasqua nella Libia piagata da odi e violenze
02/04/2010 FILIPPINE
Mindanao, la Pasqua richiama cristiani e musulmani all’impegno per la pace
di Santosh Digal
30/03/2010 FILIPPINE
Antichi canti ricordano ai filippini l’esempio di Cristo sulla Croce
di Santosh Digal
26/01/2011 FILIPPINE
Beniño Aquino: no alla legge pro-aborto; si alla paternità responsabile
03/06/2010 FILIPPINE
Manila lancia l’educazione sessuale nelle elementari. Le critiche dei vescovi
Articoli del dossier
FILIPPINE
Antichi canti ricordano ai filippini l’esempio di Cristo sulla Croce
INDIA
Settimana Santa: L’amore di Cristo vicino ai dolori del mondo
SRI LANKA
Esercizi spirituali, pellegrinaggi e collette per preparare la Pasqua
ISRAELE - PALESTINA
Settimana Santa a Gerusalemme, difficoltà per i cristiani palestinesi
VATICANO
Papa: Domenica delle Palme, Gesù è il re che porta la pace del cielo sulla terra
THAILANDIA
La testimonianza dei laici thai nella formazione dei catecumeni

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate