23 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/05/2017, 15.29

    INDONESIA

    Card. Darmaatmaja: Perdonare per interrompere le spirali di vendetta in Indonesia

    Mathias Hariyadi

    In Indonesia crescono le ostilità e l’intolleranza verso minoranze religiose. “Siamo tenuti a perdonare anche i gruppi radicali e intolleranti”. “L’amore per Dio manifestato attraverso l’amore verso il prossimo”. Estremisti dal Medio oriente accolti in Indonesia. Per il prof. Syafi'I Maarif questa ospitalità “non ha senso”.

    Jakarta (AsiaNews) – “Come comanda la Legge dell’amore, in quanto cristiani siamo moralmente obbligati a perdonare le persone che ci fanno del male”. Sono parole pronunciate dal card. Julius Darmaatmaja, durante il suo intervento in un seminario dal tema “Orchestrare la fratellanza e contrastare l’intolleranza”. Il cardinale ha invitato i fedeli al perdono, affinché con esso si interrompano le spirali di vendetta, portatrici di odio e di ingiustizie.

    In Indonesia gli ultimi mesi sono stati caratterizzati da polemiche e tensioni, dovute in gran parte alle aspirazioni politiche dell’islam dei movimenti radicali. Il processo e condanna per blasfemia a due anni di carcere per Basuki "Ahok" Tjahaja Purnama, governatore cristiano di Jakarta, hanno diviso il Paese e la società indonesiana, da sempre considerata tollerante e pluralista. I sostenitori di Ahok, simbolo della buona politica e della lotta alla corruzione, hanno organizzato manifestazioni pacifiche e fiaccolate in tutte le città più importanti d’Indonesia. Essi, in nome dello spirito di unità che è fondamento dello Stato Indonesiano, chiedono la liberazione del politico e la modifica della legge sulla blasfemia, giudicata arbitraria e discriminatoria.

    Il card. Darmaatmaja, già arcivescovo di Jakarta e di Semarang, ha tenuto una conferenza lo scorso 17 maggio presso la facoltà di teologia della Catholic University of Sanata Dharma, a Yogyakarta. Egli ha affermato: “Siamo tenuti a perdonare anche i gruppi radicali e intolleranti”. Il porporato ha richiamato tutti i presenti, in particolare i cristiani, ad assumere comportamenti inclusivi. Citando le Sacre Scritture, card. Darmaatmaja ha detto: “L’amore per Dio sia manifestato attraverso l’amore verso il prossimo”.

    Rispondendo alla preoccupazione e alla chiamata del cardinale, il prof. Syafi'I Maarif, ex presidente di Muhammadiyah – la seconda più grande organizzazione musulmana moderata d’Indonesia – ha affermato che la visione e l'opinione del cardinale sono "molto islamiche". “Probabilmente è un buon musulmano che non è stato ancora contaminato da certe ambizioni politiche”, è stata la battura di Maarif. Lo studioso si riferiva alla situazione politica in Indonesia, dove alcuni gruppi musulmani radicali hanno pubblicato commenti ostili e compiuto gesti di intolleranza nei confronti delle minoranze religiose.

    L'islam violento è soprattutto figlio del Medio oriente, da cui partono influenze che stanno interessando anche l’Indonesia. Secondo Maarif, i gruppi radicali del Medio oriente sorgono come un fenomeno sociale di coloro che sono soddisfatti della situazione attuale in quei Paesi islamici, soprattutto quando sono mossi da un’agenda politica. I cittadini con una buona cultura di base, preferiscono tuttavia lasciare il Paese e rimanere all'estero.

    Maarif ha rilevato che in Indonesia sta accadendo qualcosa di strano. Tutto ciò che riguarda le nazioni islamiche in Medio oriente, viene infatti considerato buono e santo da alcune componenti della società. “Cosa bisogna dire allora dei sanguinari atti eseguiti da Boko Haram e dall'Isis? Questa crudeltà è molto ‘lontana’ dal vero islam’”. Ciò che sorprende Maarif è che molti indonesiani hanno perfino elogiato l'Isis.

    Negli ultimi anni, ha spiegato, molti fra coloro che nelle nazioni arabe sono socialmente e politicamente emarginati  per il loro estremismo, si sono diretti verso il sud-est asiatico. “E gli indonesiani li hanno pure accolti! Questo non ha senso”, è l’amara considerazione del professore.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/11/2016 08:32:00 INDONESIA
    Bomba contro una chiesa a Samarinda. Quattro feriti

    Fra i feriti vi è anche un bambino. Fonti di AsiaNews: l’autore è stato fermato e arrestato dalla folla. Una strategia della tensione che parte dall’accusa di blasfemia al governatore di Jakarta. Il vero obbiettivo: far cadere il presidente Joko Widodo.



    02/06/2017 08:50:00 INDONESIA
    ‘Persecuzione online’ contro i critici dell’islamista Rizieq

    Ai “rastrellamenti online” dei militanti si aggiungono minacce e violenze. Il portavoce: “La polizia dovrebbe ringraziarci”. Le autorità sono preoccupate dalla diffusione del fenomeno. Solo nel 2017 vi sono 59 casi.



    27/03/2017 08:27:00 INDONESIA
    Jakarta: incitamento all’odio, il crimine più diffuso su internet nel 2016

    Le autorità hanno condotto 199 indagini. Le vittime prese di mira per motivi etnici e religiosi. Vigilantes religiosi e gruppi conservatori sempre più attivi. Il caso del governatore cristiano è un esempio di questa tendenza.



    13/03/2017 12:51:00 INDONESIA
    Negati i funerali per i musulmani sostenitori del governatore cristiano

    In diverse moschee di Jakarta esposti striscioni e manifesti. La polizia apre un’inchiesta. Il ministro degli Affari religiosi esprime la sua preoccupazione: “Inviti del genere non sono islamici”. La campagna elettorale è segnata dagli atti di intolleranza degli islamisti nei confronti di Ahok e dei suoi sostenitori. Aumentano le tensioni in vista della prossima tornata elettorale in aprile. Le reazioni dei musulmani moderati.



    12/10/2016 15:19:00 INDONESIA
    “Ahok è blasfemo”: il governatore cristiano di Jakarta al centro della bufera

    Il politico ha chiesto di non utilizzare sure del Corano per scopi diversi da quelli religiosi. I maggiori movimenti islamici del Paese lo hanno accusato di “diffamazione dell’islam”. continua la campagna per screditarlo alle prossime elezioni.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®