31/05/2016, 08.56
INDIA
Invia ad un amico

Card. Gracias: Profondo dolore per la morte dei soldati nell’incendio del deposito di munizioni

di Nirmala Carvalho

Il bilancio parla di 17 vittime e 19 feriti gravi, ma fuori pericolo; circa 1000 le persone evacuate. Il deposito si trova a Pulgaon, nel Maharashtra, ed è il più grande di tutto il Paese. Le esplosioni si sono verificate nelle prime ore di questa mattina. Le fiamme sono state sedate dopo diverse ore.

Pulgaon (AsiaNews) – “La Chiesa cattolica dell’India esprime le sue condoglianze per la tragica perdita di vite umane tra i nostri amati soldati”. Lo dice ad AsiaNews il card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai e presidente della Conferenza dei vescovi cattolici dell’India (Ccbi), esprimendo “profondo dolore” per la morte dei soldati durante un incendio al deposito di munizioni di Pulgaon, nel Maharashtra. Il bilancio dell’incidente che si è verificato intorno all’1.30 (ora locale) di questa mattina è di 17 vittime, tra cui due ufficiali, e 19 feriti in modo grave, ma fuori pericolo.

Le operazioni dei vigili del fuoco sono ancora in corso e sembra che oltre al primo focolaio, ormai spento, ne sia divampato un secondo nello stesso complesso.

I testimoni hanno raccontato di esplosioni multiple che hanno innescato le fiamme, poi propagatesi in brevissimo tempo. Scoppiato alle prime ore di stamattina, l’incendio è stato sedato solo dopo quattro ore con l’impiego di 10 autopompe.

Le cause dell’incidente sono ignote. L’esercito ha ordinato l’apertura di un’indagine e fonti vicine all’intelligence militare hanno riferito che non si può escludere l’ipotesi del sabotaggio. Nel frattempo le autorità hanno fatto evacuare circa 1000 residenti dei villaggi vicini, a causa dei proiettili e delle schegge schizzate dappertutto.

Il deposito di Pulgaon, vicino Nagpur, è il più grande magazzino di munizioni in tutta l’India, e secondo per ordine di grandezza in Asia. Non si tratta però del primo incidente in un sito simile. Nel 2010 un incendio ha colpito il deposito di Panagarh, ma in quell’occasione non si sono registrate vittime.

Appreso dell’incidente, il card. Gracias afferma: “I nostri cuori vanno alle famiglie dei valorosi soldati e ufficiali che hanno perso la propria vita. Possa il Signore dare loro consolazione e benedire le loro famiglie con coraggio, speranza e forza. Preghiamo per le famiglie, i genitori e i colleghi per personale militare ferito in questa tragica esplosione. Preghiamo anche per la sicurezza della nostra amata nazione e affidiamo l’India alla protezione di Maria”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Card. Ranjith e monaci buddisti: 'No' alle basi Usa in Sri Lanka
01/06/2019 12:24
Card. Gracias e maulana Madani: Non dobbiamo proteggere i terroristi
04/05/2019 12:12
Papa: "interrompere la comunione con chi si è allontanato dalla dottrina che salva"
05/04/2006
Papa: “vivo compiacimento” per il bando delle munizioni a grappolo
01/08/2010
Papa: Maria, Stella del mare per Genova e i giovani
18/05/2008