23/10/2007, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Card. Tauran, “certamente” risponderemo alla lettera dei 138 musulmani

Il presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso afferma che il documento islamico contiene “novità” ed è “un segnale positivo”, da raccogliere.
Città del Vaticano (AsiaNews) – Il Vaticano “certamente” risponderà alla lettera aperta scritta da 138 esponenti religiosi musulmani ai leader cristiani, a partire da Benedetto XVI. In tal senso si è espresso il cardinale Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso.
 
“Certamente – ha detto in un’intervista alla Radio Vaticana - si risponderà, perché è un segnale positivo che è stato lanciato verso i cristiani. Come ho avuto modo di dire ci sono delle novità. Per esempio, quando si parla di Gesù, viene presentato attraverso le citazioni del Nuovo Testamento e non del Corano. Il testo poi non è polemico e ci sono tanti aspetti positivi”.
 
“C’è – ha aggiunto il porporato - questa volontà di collaborare alla pace, attraverso la religione. Il testo dice che musulmani e cristiani assieme rappresentano il 55 per cento della popolazione mondiale e questo è un grande potenziale per contribuire alla pace nel mondo. Il patrimonio positivo contenuto in questo messaggio va raccolto”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cristiani e musulmani: riprende il dialogo grazie al Papa
03/11/2008
Musulmani convertiti al cristianesimo chiedono libertà religiosa agli esperti radunati in Vaticano
05/11/2008
“Abbiamo una Parola comune”: 138 leader islamici scrivono al Papa
11/10/2007
Papa: Costruire l’armonia fra cristiani e musulmani fino alla libertà religiosa
06/11/2008
La Lettera dei 138 dotti musulmani al Papa e ai Capi cristiani
17/10/2007