10/10/2012, 00.00
VATICANO - HONG KONG – CINA
Invia ad un amico

Card. Tong: Evangelizzare è una sfida e un'opportunità, e molti si convertono, anche in Cina

Il porporato, vescovo di Hong Kong, è uno dei tre presidenti del Sinodo, scelti da Benedetto XVI. Nella sua introduzione ai lavori, ha sottolineato l'impegno di evangelizzazione ad Hong Kong, Macao e Cina popolare. Ogni anno vi sono migliaia di battesimi di adulti. Il valore della testimonianza dei laici.

Città del Vaticano (AsiaNews) - Il Sinodo sulla Nuova evangelizzazione è appena partito, ma già si percepisce che la difficile situazione della secolarizzazione, della mancanza di sicurezze e della ricerca spirituale è non solo una sfida, ma un'occasione opportuna per la testimonianza cristiana. Lo ha sottolineato il card. John Tong, vescovo di Hong Kong, introducendo i lavori del Sinodo alla prima sessione, tenutasi l'8 ottobre scorso. Il porporato è uno dei tre presidenti dell'assemblea, scelti da Benedetto XVI. Egli ha ricordato l'impegno missionario della Chiesa di Hong Kong, che ogni anno accoglie col battesimo circa 3mila Fatti simili avvengono anche a Macao e in Cina, con l'aiuto e la testimonianza di molti laici.

Ecco l'intervento  integrale del card. Tong:

 

Caro Santo Padre,

a nome dei Padri Sinodali e dei partecipanti, vorrei rivolgerLe i nostri sentiti saluti e i sensi della nostra profonda gratitudine per averci invitati a questa Assemblea del Sinodo dei Vescovi. La Nuova Evangelizzazione per la Trasmissione della Fede Cristiana rappresenta un tema veramente impellente, in quanto molte persone nel mondo ancora non conoscono Nostro Signore Gesù Cristo, e molti tra i battezzati si sono allontanati dalla pratica della fede.
Cinquanta anni fa il Concilio Vaticano Secondo ci ha incoraggiati a gettare le reti (Lc 5, 4). Oggi, allo stesso modo, dobbiamo prendere la prima comunità cristiana (At 2, 42-47) come nostro modello di evangelizzazione. I membri di quella comunità possedevano tre qualità che possiamo descrivere con tre parole greche: didaché, koinonia e diakonia. Didaché significa dottrina, che non è solamente una teoria, ma piuttosto un incontro personale con Gesù Cristo incarnato, crocifisso e risorto. Koinonia significa comunione a vari livelli: anzitutto con Dio, poi con tutti i membri della Chiesa, quindi con gli uomini di tutto il mondo, in particolare con i poveri. Diakonia significa servizio, poiché Gesù ci ha insegnato a non essere serviti ma a servire, fino al dono totale di sé, che porta alla croce (cfr Mt 20, 28). Queste tre qualità sono già state illustrate a Hong Kong, a Macao e nella Cina continentale.


A Hong Kong, prima dell'annessione della città alla Cina nel 1997, molte famiglie hanno affrontato la crisi dovuta al timore di vivere sotto il regime comunista. Il termine "crisi" in lingua cinese è definito da due caratteri: "pericolo" e "opportunità". Per questo motivo, di fronte alla crisi dell'incertezza, perfino i cattolici non praticanti sono tornati in seno alla Chiesa per avere un sostegno spirituale. E molti fedeli hanno partecipato alla catechesi, a corsi biblici e teologici per approfondire la propria fede e diventare evangelizzatori. Oggi la nostra diocesi ha oltre un migliaio di catechisti volontari ben formati. Quest'anno oltre tremila adulti hanno ricevuto il battesimo la vigilia di Pasqua.


Macao, la diocesi confinante con la nostra, ha assunto gli stessi impegni e ha visto incrementare il numero dei battesimi negli ultimi anni.
Nella Cina settentrionale, un parroco di campagna ha condiviso con me la sua esperienza di evangelizzazione. Dopo aver molto pregato, ha deciso di dividere i parrocchiani in due gruppi con compiti diversi. Ha chiesto ai neobattezzati di invogliare i propri amici e parenti non cattolici a studiare la catechesi, e ai cattolici di lunga insegnare il catechismo ai catecumeni. Mentre insegnavano, il sacerdote pregava con fervore in chiesa. Così, la parrocchia ha registrato più di mille battesimi all'anno.

Delle tre caratteristiche (didaché, koinonia e diakonia), che troviamo esemplificate nella Chiesa primitiva e che si rispecchiano nelle testimonianze di cui abbiamo parlato qui, la didaché mi sembra la più importante, perché Dio opera attraverso di noi come suoi testimoni. Oggi, quando ci confrontiamo con la cultura materialistica del mondo e col problema dell'allontanamento di molti cattolici dalla Chiesa, dobbiamo essere testimoni zelanti della nostra fede. Dobbiamo inoltre rivolgere un'attenta considerazione ai giovani, come spesso ci ricorda il Santo Padre: "Che i giovani diventino evangelizzatori di giovani". Il piano salvifico di Dio è sorprendente. Sono certo che, con fede, speranza e amore, la nostra missione evangelizzatrice avrà successo.
Caro Santo Padre, Padri sinodali e partecipanti, grazie per la vostra cortese attenzione. Attendo con ansia di ascoltare le vostre testimonianze

 

(foto CCPP)

 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mons. Sako: Nell’incontro con Dio e con l’altro, riscoprire la fede in Cristo
24/10/2012
Il Sinodo prega per la pace in Siria
09/10/2012
Papa: Gesù il Cristo, punto centrale e terminale dell'evangelizzazione
07/10/2012
Card. Baselios Thottunkal: Senza gli indù, l’India non avrebbe cristiani
29/10/2012
Nella notte di Pasqua 3500 adulti ricevono il battesimo. Il card. Tong ringrazia i catechisti
07/04/2012