16 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 22/06/2010, 00.00

    HONG KONG

    Card. Zen: “Il governo, sempre meno sincero con il popolo”

    Annie Lam

    Secondo il vescovo emerito di Hong Kong, la mossa con cui il Consiglio legislativo del Territorio farà passare il pacchetto di riforme costituzionali rivisitato senza dibattito pubblico “cambia tutto” sulla questione del suffragio universale e dimostra che il governo non rispetta la popolazione.

    Hong Kong (AsiaNews) – “La sincerità e il rispetto per la popolazione di Hong Kong iniziano a mancare”. Lo dice ad AsiaNews il card. Joseph Zen Ze-kiun, vescovo emerito del Territorio, commentando il pacchetto di riforme costituzionali rivisitato che è stato adottato ieri dall’esecutivo, a soli due giorni da un dibattito già messo in agenda presso il Consiglio legislativo.

    Oggi, il governo ha respinto la richiesta di spostare il dibattito per permettere al pubblico di discutere il pacchetto, e ha adottato la proposta avanzata ieri dal Partito democratico che chiede di permettere alla popolazione di eleggere cinque nuovi rappresentanti dei Consigli distrettuali. Questa mossa ha permesso all’esecutivo di ottenere i 40 voti necessari per far andare avanti il pacchetto. Il dibattito, in ogni caso, partirà domani al Consiglio legislativo, una sorta di piccolo Parlamento di Hong Kong.

    Il card. Zen spiega che il dialogo con il governo cinese “ha causato delle rotture all’interno del movimento democratico, in cui alcuni politici pensano soltanto al proprio benessere”. Anche se, spiega il porporato, la proposta segna “un punto di rottura” fra il governo centrale e i democratici sulla questione del suffragio universale sul Territorio, stagnante da anni.

    La questione del tempo “è un serio problema, e il Partito democratico non dovrebbe accettare la proposta revisionata. All’ultimo momento, l’oggetto del dibattito cambia del tutto: ci sono ancora molti elementi che devono essere chiariti”. Sono ancora poco chiari riguardo l’elezione di questi nuovi membri dei Consigli: “Sarebbe troppo ottimista pensare che sia il modo per arrivare al sistema ‘una persona, due voti’. La popolazione di Hong Kong non ha avuto modo di esprimere la propria opinione al riguardo. Spingere per una rapida approvazione della proposta va contro gli interessi del popolo”.

    Lina Chan Li-na, segretario esecutivo della Commissione diocesana giustizia e pace, spiega che “si devono abolire i vigenti sistemi elettorali, per avere una vera democrazia dove il suffragio universale si realizza nell’elezione dei deputati e del capo dell’esecutivo”. La Commissione, e altre sette gruppi cattolici e protestanti, hanno organizzato per questa sera – vigilia del dibattito – un momento di preghiera comune: le “stazioni della Croce per la democrazia”.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/05/2010 HONG KONG – CINA
    Pechino mostra di “aprire” ai democratici sulle riforme a Hong Kong
    Storico incontro, ieri, fra i leader del Partito democratico e il vice direttore dell’Ufficio cinese per i rapporti con Hong Kong, che loda il “pragmatismo” dei rivali, ma avverte: “Non tutti vogliono il suffragio universale”.

    28/09/2015 HONG KONG – CINA
    Hong Kong ricorda l’inizio di Occupy Central. Card. Zen: La lotta continua
    Migliaia di persone si sono riunite nei luoghi simbolo della protesta per commemorare il primo lancio di lacrimogeni contro i dimostranti, avvenuto un anno fa. I cattolici celebrano una messa per “chiedere al Signore la forza necessaria a continuare nella battaglia per la democrazia”. Sostegno anche ai cristiani di Wenzhou, vittime della demolizione forzata di chiese e croci.

    27/10/2004 hong kong - cina
    Mons. Zen a favore di un referendum sulla democrazia

    Il vescovo di Hong Kong fiducioso sulla liberalità dei nuovi leader di Pechino.



    02/04/2008 HONG KONG – CINA
    Si ritira Martin Lee, il “padre della democrazia” di Hong Kong
    Alla soglia dei 70 anni, Martin Lee Chu-ming annuncia l’abbandono della vita politica. Fondatore del Partito democratico, bandito dalla Cina per il suo sostegno al movimento di piazza Tiananmen, Lee chiede ai suoi compagni di continuare a lottare per un buon sistema politico. Senza di questo, si può produrre soltanto del male.

    10/09/2014 HONG KONG - CINA
    Card. Zen: Con Occupy Central forse abbiamo provocato le ire dell'Imperatore
    Il movimento democratico non è una minaccia per la sopravvivenza del Territorio. I "tre schiaffi in faccia" di Pechino alla popolazione locale. "Quando sono gli imperialisti ad attaccare, fanno solo danni; ma quando sono dei cinesi come noi che vogliono renderci schiavi, allora viene ferito il nostro cuore. E chi non si rassegna alla schiavitù non ha altra strada se non quella di resistere". Le considerazioni del vescovo emerito di Hong Kong.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®