10/09/2013, 00.00
THAILANDIA – MYANMAR
Invia ad un amico

Caritas Thai in aiuto dei Rohingya, musulmani birmani in fuga da violenze e persecuzioni

La fine dei monsoni porterà nuovi esodi, ma il governo di Bangkok non accorda loro lo status di rifugiati. Per i volontari cattolici si tratta di un “problema scottante”. Segretario generale Caritas: aiutarli rafforza “la nostra fede”, invita “ad amare i più poveri, a costruire la pace e facilitare il dialogo interreligioso”.

Bangkok (AsiaNews) - Con la fine della stagione dei monsoni e il miglioramento delle condizioni del mare, potrebbe riprendere l'esodo in massa dei profughi della minoranza musulmana birmana Rohingya. È l'allarme lanciato dai volontari di Caritas Thailandia, che preparano ad una nuova ondata di arrivi sulle coste del Paese. E se Bangkok ha più volte bollato come "immigrati irregolari" i Rohingya, abbandonandoli in mare aperto o rimpatriandoli in Myanmar - col rischio di nuove persecuzioni -, i volontari cattolici hanno avviato una serie di programmi di assistenza e recupero.

P. Sriparasert, segretario generale di Caritas Thailandia, conferma che il problema dei Rohingya è un "problema scottante" per il governo di Bangkok e per "tutte le nazioni del Sud est asiatico". Molti dei rifugiati cercano accoglienza in Malaysia, Paese a larga maggioranza musulmano, dove sperano di subire un trattamento migliore di quanto non avvenga in Bangladesh o la stessa Thailandia.

Ad oggi, racconta p. Sriparaset a Catholic News Agency (Cna), "oltre 2mila Rohingya sono rinchiusi in diversi centri" sparsi per la Thailandia, in molti casi privi di diritti di base sanciti dalla Convenzione internazionale sui rifugiati. Le donne e i bambini sono inviati nei centri al nord, mentre gli uomini nei campi del sud. "Vivono nel timore costante di attacchi - aggiunge il sacerdote - di restare vittima del traffico di vite umane, di violazioni e omicidi". In particolare, donne e bambini sono oggetto "della tratta" di trafficanti senza scrupoli e vivono in condizioni "degradanti, disumane e pericolose".

Per questo Caritas Thailandia, in collaborazione con il Catholic Office for Emergency Relief and Services (Coerr), ha predisposto una serie di iniziative fra cui un sostegno sanitario, alimentare e sociale nei vari centri di accoglienza a livello diocesano. "I volontari della Caritas fanno un lavoro encomiabile - conclude p. Sriparaset - di sostegno psicologico e medico [...] e nei centri di accoglienza cerchiamo di restituire una dignità ai rifugiati. Sono gesti che rafforzano la nostra fede, che ci invitano ad amare i più poveri, a costruire la pace e facilitare il dialogo interreligioso".

Negli ultimi due anni le violenze fra buddisti e musulmani hanno acuito il clima di tensione fra le diverse etnie e confessioni religiose che caratterizzano il Myanmar, teatro lo scorso anno di una lotta sanguinaria nello Stato occidentale di Rakhine fra Arakanesi e Rohingya musulmani. Lo stupro e l'uccisione di una giovane buddista ha scatenato una spirale di terrore, che ha causato centinaia di morti e di case distrutte, almeno 160mila sfollati molti dei quali hanno cercato riparo all'estero, per sfuggire agli attacchi degli estremisti buddisti del gruppo 969.

Secondo le stime delle Nazioni Unite in Myanmar vi sono almeno 800mila musulmani Rohingya, che il governo considera immigrati irregolari e per questo sono vittime di abusi e persecuzioni. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Thailandia, profughi birmani pronti a rimpatriare per portare aiuti
28/05/2008
Lahore, una Ong cattolica parte per soccorrere i Rohingya in difficoltà
15/09/2017 12:18
Vertice Asean: si discute di economia e si trascurano i diritti umani
28/02/2009
Thailandia, decine di Rohingya sepolti in fosse comuni: quattro arresti
05/05/2015
Bangkok, studenti musulmani in piazza contro le violenze sui rohingya
23/07/2012