10/10/2016, 10.29
MALAYSIA-VATICANO
Invia ad un amico

Cattolici in festa per il primo cardinale malaysiano

Mons. Anthony Soter Fernandez è stato nominato ieri da papa Francesco insieme ad altri 16 cardinali. È stato arcivescovo di Kuala Lumpur dal 1983 al 2003. Direttore del settimanale cattolico The Herald: “È un uomo con una chiara visione di ciò di cui la Chiesa malaysiana ha bisogno. Ha promosso il dialogo interreligioso e lottato per la giustizia. Questa nomina è un segno che la Chiesa locale sta maturando”.

Kuala Lumpur (AsiaNews) – I cattolici malaysiani “sono felici e soddisfatti per la nomina del primo cardinale nella storia della Malaysia. Questo ci rende consapevoli che il nostro Paese è finalmente sulla mappa, e che la Chiesa locale ha raggiunto un certo livello di maturità”. Lo dice ad AsiaNews p. Lawrence Andrew, gesuita e direttore del settimanale cattolico The Herald, commentando la nomina a cardinale di mons. Anthony Soter Fernandez, arcivescovo emerito di Kuala Lumpur. Il presule è stato nominato ieri da papa Francesco insieme ad altri 16 cardinali.

Il card. Fernandez, 84 anni, è stato dapprima vescovo di Penang (1978-1983) e poi arcivescovo di Kuala Lumpur dal 1983 al 2003. Egli, afferma p. Andrew, “è un uomo con una visione chiara di ciò che la Chiesa in Malaysia ha bisogno. Come arcivescovo ha guidato la comunità nel processo di comprensione dell’importanza di essere una chiesa. Ha promosso la crescita delle comunità ecclesiastiche di base”.

Quando era arcivescovo, prosegue il sacerdote, “ha lottato per la giustizia e la pace. Ha parlato contro le ingiustizie, anche contro l’Internal Security Act (Isa), che egli definì immorale”. L’Isa, ora abolita, è stata una legge d’emergenza approvata nel 1960, criticata da più parti a livello internazionale. Consentiva la detenzione senza limiti di tempo per i presunti criminali, che potevano essere percossi, torturati e arrestati anche dopo che il tribunale ne aveva ordinato il rilascio.

Il card. Fernandez, afferma p. Andrew, “è stato un grande vescovo che ha avuto cura del suo popolo e ha camminato con persone di fedi diverse. Ha promosso il dialogo interreligioso, ha lavorato per i poveri, ed è un uomo di grande forza spirituale”.

È un uomo santo, aggiunge il gesuita, “ed è una grande benedizione per noi oggi averlo come cardinale. Egli sarà il cardinale della Malaysia. Da molti anni stavamo aspettando di avere un cardinale nella nostra Chiesa, ma è stata una sorpresa che lo sia diventato un arcivescovo emerito di più di 80 anni. Una bellissima sorpresa”.

In Malaysia, nazione di oltre 28 milioni di abitanti in larga maggioranza musulmani (60%), i cristiani sono la terza confessione religiosa (dietro ai buddisti), con un numero di fedeli superiore ai 2,6 milioni (9,2%). I cattolici sono più di un milione (3,7%). Su una popolazione di oltre 11 milioni di persone, i cattolici di Kuala Lumpur sono oltre 180mila.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Malaysia: Fedeli, diplomatici, leader religiosi alla messa di ringraziamento per il primo cardinale
10/01/2017 10:07
Malaysia, cristiani e musulmani “divisi fra aperture reciproche, paure e sospetti”
19/01/2016 16:03
Sacerdote a Kuala Lumpur: Pastorale e dialogo interreligioso, ecco le sfide del neo vescovo
04/07/2014
Gesuita indiano: la Chiesa ha diritto ad intervenire nella società
14/06/2018 10:57
L’incontro fra il vescovo di Penang e il muftì spezza l’odio accumulato negli anni
03/03/2016 11:47