21 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/10/2016, 10.29

    MALAYSIA-VATICANO

    Cattolici in festa per il primo cardinale malaysiano



    Mons. Anthony Soter Fernandez è stato nominato ieri da papa Francesco insieme ad altri 16 cardinali. È stato arcivescovo di Kuala Lumpur dal 1983 al 2003. Direttore del settimanale cattolico The Herald: “È un uomo con una chiara visione di ciò di cui la Chiesa malaysiana ha bisogno. Ha promosso il dialogo interreligioso e lottato per la giustizia. Questa nomina è un segno che la Chiesa locale sta maturando”.

    Kuala Lumpur (AsiaNews) – I cattolici malaysiani “sono felici e soddisfatti per la nomina del primo cardinale nella storia della Malaysia. Questo ci rende consapevoli che il nostro Paese è finalmente sulla mappa, e che la Chiesa locale ha raggiunto un certo livello di maturità”. Lo dice ad AsiaNews p. Lawrence Andrew, gesuita e direttore del settimanale cattolico The Herald, commentando la nomina a cardinale di mons. Anthony Soter Fernandez, arcivescovo emerito di Kuala Lumpur. Il presule è stato nominato ieri da papa Francesco insieme ad altri 16 cardinali.

    Il card. Fernandez, 84 anni, è stato dapprima vescovo di Penang (1978-1983) e poi arcivescovo di Kuala Lumpur dal 1983 al 2003. Egli, afferma p. Andrew, “è un uomo con una visione chiara di ciò che la Chiesa in Malaysia ha bisogno. Come arcivescovo ha guidato la comunità nel processo di comprensione dell’importanza di essere una chiesa. Ha promosso la crescita delle comunità ecclesiastiche di base”.

    Quando era arcivescovo, prosegue il sacerdote, “ha lottato per la giustizia e la pace. Ha parlato contro le ingiustizie, anche contro l’Internal Security Act (Isa), che egli definì immorale”. L’Isa, ora abolita, è stata una legge d’emergenza approvata nel 1960, criticata da più parti a livello internazionale. Consentiva la detenzione senza limiti di tempo per i presunti criminali, che potevano essere percossi, torturati e arrestati anche dopo che il tribunale ne aveva ordinato il rilascio.

    Il card. Fernandez, afferma p. Andrew, “è stato un grande vescovo che ha avuto cura del suo popolo e ha camminato con persone di fedi diverse. Ha promosso il dialogo interreligioso, ha lavorato per i poveri, ed è un uomo di grande forza spirituale”.

    È un uomo santo, aggiunge il gesuita, “ed è una grande benedizione per noi oggi averlo come cardinale. Egli sarà il cardinale della Malaysia. Da molti anni stavamo aspettando di avere un cardinale nella nostra Chiesa, ma è stata una sorpresa che lo sia diventato un arcivescovo emerito di più di 80 anni. Una bellissima sorpresa”.

    In Malaysia, nazione di oltre 28 milioni di abitanti in larga maggioranza musulmani (60%), i cristiani sono la terza confessione religiosa (dietro ai buddisti), con un numero di fedeli superiore ai 2,6 milioni (9,2%). I cattolici sono più di un milione (3,7%). Su una popolazione di oltre 11 milioni di persone, i cattolici di Kuala Lumpur sono oltre 180mila.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/01/2017 10:07:00 MALAYSIA
    Malaysia: Fedeli, diplomatici, leader religiosi alla messa di ringraziamento per il primo cardinale

    La comunità cattolica malaysiana ha voluto celebrare con una funzione solenne il porporato. Per i fedeli la scelta del papa è un sostegno per una “Chiesa pellegrina” che combatte contro l’islamizzazione e la “sottile persecuzione” delle minoranze. Il card. Fernandez ha invitato i presenti a rispettare i principi fondanti della nazione e la sua unità.

     



    19/01/2016 16:03:00 MALAYSIA
    Malaysia, cristiani e musulmani “divisi fra aperture reciproche, paure e sospetti”

    Parla p. Lawrence Andrew, sacerdote e direttore dell'unico settimanale cattolico del Paese: “La Chiesa si sta impegnando molto per andare incontro ai musulmani, e il risultato è l’incontro fra il nostro arcivescovo e il mufti”. Dall’altra parte “dopo gli attentati di Jakarta è cresciuta la paura dell’islamizzazione”.



    03/03/2016 11:47:00 MALAYSIA
    L’incontro fra il vescovo di Penang e il muftì spezza l’odio accumulato negli anni

    È il secondo faccia a faccia fra due leader cristiani e musulmani in due mesi. P. Lawrence Andrew: “La Chiesa si sta impegnando molto per andare incontro ai nostri fratelli musulmani, come fa papa Francesco. Rimangono però molte questioni da risolvere, come la conversione dei figli di coppie miste”.



    09/10/2016 14:04:00 VATICANO
    Il Papa annuncia il nuovo concistoro e 17 nuovi cardinali

    A sorpresa, Papa Francesco annuncia il concistoro per il 19 novembre, vigilia della conclusione del Giubileo. Fra i nomi "asiatici" vi sono mons. Mario Zenari, nunzio in Siria; l'arcivescovo di Dakha; l'arcivescovo emerito di Kuala Lumpur. I nuovi cardinali provengono da 11 nazioni.
     



    13/12/2013 COREA DEL SUD
    Arcivescovo di Seoul: Con la 'gioia del Vangelo' combattiamo la povertà in Corea
    La prima Esortazione apostolica di papa Francesco, spiega ad AsiaNews mons. Andrea Yeom Soo-jung, "non ha attirato soltanto l'attenzione dei cattolici, ma ha colpito l'intera società coreana. Adesso la Chiesa deve riflettere e combattere insieme al pontefice contro le cause strutturali che provocano la povertà e l'emarginazione"



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®